La paura come dottrina politica

Aleksandar Litovskij
Aleksandar Litovski / Foto: Free Press

L'atmosfera creata dai gestori della paura impone un pensiero imperativo che il pubblico non debba aspettare affatto accuse, prove e tribolazioni, ma i "traditori", per così dire, dovrebbero essere immediatamente impiccati. La paura deve essere instillata nelle persone.

Viviamo tutti una vita tranquilla e amara, infatti, come milioni della nostra gente vivono da secoli, soffrendo nella nostra "parte macedone dell'inferno". Nella nebbia secolare della schiavitù dei padroni stranieri, al nostro popolo, a torto, è stato insegnato e insegnato che la vita è data loro da Dio solo per servire i ricchi. E, tuttavia, hanno insegnato e insegnato loro che non c'è bisogno di una vita da asino per cambiare. Purtroppo. "Guardando le cose e misurando gli eventi con questa "storica" ​​e sublime misura di esperienza, i nostri "saggi" popolari "si sono sempre molto eccitati per nulla, avevano una spiegazione per tutto, e la loro silenziosa pazienza era modus vivendi", perché, proprio , "A tutti suoi"! E "il capo chino non taglia la spada". Perché ogni cosa ha il suo tempo. Ogni forza a suo tempo, quindi da lì vedremo la fine di ogni...

Oggi, tutta la "saggezza mondiale" consiste nel - diffondere la paura! Questa è la dottrina politica del neoliberismo. I governanti del mondo, al fine di preservare la loro egemonia imperiale, hanno trasformato la paura in uno stato quotidiano di coscienza umana di oltre sette miliardi di persone. L'intero mix neoliberista di minacce intimidatorie, bombe atomiche, propaganda, inquisizioni mediatiche e sciocchezze sta crescendo come un uragano, quindi le persone vengono trasformate in topi spaventati dalla mentalità meschina che schiavizzano incondizionatamente e silenziosamente i loro capi e capi politici.

Nel nostro Paese i soldati di partito, affinché i "loro" abbiano il potere, ci appaiono ogni giorno nel ruolo di pubblici ministeri e giudici, e sebbene siano timidi, pur sempre dalla posizione di folla nascosta, il più delle volte, dietro la tastiera del computer, si infiltrano nella paura esistenziale dei cittadini macedoni. È incomprensibile per loro che in questo Paese non stia accadendo nulla di "tragico". Per loro è inconcepibile annunciare alcune notizie "normali", quindi, se necessario, vengono inventate e collocate notizie sulla "destinazione imminente del paese macedone". Pertanto, creano una "febbre del tempo", che è uno stato di malattia collettiva in cui c'è una finzione di massa secondo cui la Macedonia fallirà sicuramente ogni giorno.

Tutta questa coscienza catastrofica crea la sensazione schizofrenica che le mine antiuomo siano state poste sotto l'intero paese, che esplodono ogni giorno e minacciano la distruzione dello stato e del popolo. Quelle mine, anche se inventate, dovrebbero essere "rimosse", e questo compito è responsabilità di chi se non dei "soldati di partito", cioè i giornalisti "indipendenti" dell'esecutivo, intellettuali di partito e teppisti di strada. Quella fantasia è così allettante per gli ideologi del partito, che cercano con tutte le loro forze di dimostrarla come reale e reale, e dopo vogliono apparire come i "salvatori" dello stato. Sanno che con la paura del "destino", il pubblico è costantemente teso, nervoso, insicuro e incline alla manipolazione. Per questo usano tutti i mezzi: invenzioni complete, notizie false, scandali, annunci quotidiani apocalittici di partito... Contano sulla stupidità della popolazione macedone e sul suo morbo della "mucca" di Nizza, in cui, immediatamente, in ogni momento, si dimentica ciò che era fatto prima del momento, e si dimentica che questi stessi nostradamus avevano già dichiarato lo stato morto e inesistente.

E, in effetti, l'operazione di produrre panico di massa per la quotidiana "rovina del paese macedone" sta andando bene per i teorici della catastrofe. I media sono pieni di cose terribili giorno e notte, i media si trasformano in una messa in scena per produrre notizie sul pericolo per la sopravvivenza delle persone e il crollo dello stato, e i cittadini sono così eccitati e spaventati che chiedono la morte dei traditori con commenti arrabbiati e aggressivi. Tutto il sistema della "cospirazione contro lo Stato" viene, a quanto pare, svelato, descritto e smascherato, e si scopre il pericolo apocalittico, mentre i traditori vengono stigmatizzati e resi pubblici, da qui testi come questo, che additano la stupidità e la nocività di tali un'atmosfera in cui la consapevolezza della catastrofe regna, o viene ignorata, o proclamata come invenzione infondata.

Certo, l'atmosfera creata dai gestori della paura impone un pensiero imperativo che il pubblico non debba aspettare affatto accuse, prove e tribolazioni, ma i "traditori", per così dire, dovrebbero essere immediatamente impiccati. La paura deve essere instillata nella coscienza delle persone, perché come scrisse Kocho Racin in "Nella cava": "La coscienza è quel potere!... Lei governa il mondo e crea e distrugge sempre mondi, tiene l'uomo con un legame d'acciaio e vive come un organismo gigante in tutto il mondo. "Pensa attraverso l'ideologia, la civiltà e la cultura, respira attraverso le leggi, i principi, la religione, l'arte, la natura e i costumi e rivela il suo disgustoso opposto nelle guerre, nella miseria e nello sfruttamento".

Così, i soldati del partito, che intendevano correggere la coscienza distorta dell'avversario, di fatto nei loro cervelli angusti e poco illuminati coltiva un bisogno fascista di provocare la paura attraverso minacce di violenza e l'uccisione di oppositori politici, e ogni delinquente e criminale di partito immagina di essere lo stato personalmente e di poter perseguire la politica statale, mettere in guardia, punire, minacciare, picchiare e uccidere. Ed è proprio questa coscienza politica schizofrenica di molti funzionari e soldati di partito che rende impossibile il raggiungimento della minima armonia socio-politica, nonché dell'unità statale e nazionale, necessaria per il progresso dello stato. In altre parole, la paura come dottrina politica dà i suoi risultati negativi ed è per questo che è necessario superare quella paura irrazionale e aumentare la fiducia in se stessi nella costruzione dello stato macedone.

Video del giorno