Skopje e Sofia fissano "linee rosse" per l'avvio delle trattative, ora Parigi è in movimento

foto macron mia

La Macedonia del Nord accetterà la proposta della presidenza francese di avviare negoziati con l'UE se la questione della lingua macedone non viene sproblematizzata nel quadro negoziale e non vengono incluse le questioni storiche e se l'inizio del processo negoziale non è legato all'inclusione di I bulgari nella Costituzione, il vicepremier per gli affari europei Bojana Maricic e il ministro degli Esteri Bujar Osmani.

Intanto l'Assemblea nazionale bulgara ieri con 170 voti "favorevoli", 37 "contrari" e 21 "astenuti" ha approvato il documento noto al pubblico come una "proposta francese" per sbloccare il cammino europeo della Macedonia del Nord. La decisione del parlamento bulgaro, proposta dal leader della Bulgaria democratica (DB), Hristo Ivanov, dà il via libera al governo alle dimissioni del primo ministro Kiril Petkov "per approvare il quadro negoziale e le conclusioni proposte dalla presidenza francese del Consiglio Ue per risolvere le complesse relazioni tra Bulgaria e Macedonia del Nord, se saranno soddisfatte diverse condizioni”.

- Attuazione effettiva dell'Accordo di buon vicinato, garanzia dei diritti dei bulgari nella Repubblica della Macedonia del Nord attraverso il loro inserimento nella Costituzione, nulla nel processo di adesione di RSM da interpretare come riconoscimento della lingua macedone da parte della Bulgaria e garanzie dell'UE che tutto questo si realizzerà, sono le condizioni poste da Sofia con la decisione adottata ieri.

In reazione alla decisione, il dimissionario primo ministro bulgaro Kiril Petkov ha annunciato sul suo account Twitter che l'Assemblea nazionale bulgara "ha adottato una decisione storica che dà il via libera alla proposta francese di adesione della Macedonia del Nord all'Unione Europea". "L'integrazione nei Balcani occidentali è di interesse strategico per l'UE", ha affermato Petkov.

Ha detto ai giornalisti a Bruxelles, dove stava partecipando a un vertice dell'UE, che i leader europei avevano concluso che la Bulgaria aveva compiuto questo passo, aggiungendo di essere stata sostenuta dal governo francese e dall'Unione, che ha detto "capire che le richieste bulgare stanno diventando europee .".

Ha aggiunto che è tempo che il governo della Repubblica della Macedonia del Nord guidi la sua nazione. "Al momento, spetta a loro dire se vogliono entrare a far parte dell'UE e se sono pronti a prendere provvedimenti per trasformarla in realtà", ha concluso Petkov.

Il ministero degli Affari esteri bulgaro, invece, ha sottolineato che la decisione del Parlamento esprime sostegno ai paesi dei Balcani occidentali nell'UE.

"Non abbiamo aggiunto nuove richieste a Skopje e siamo pronti ad approvare la prima conferenza intergovernativa non appena i nostri amici della Macedonia del Nord firmeranno il protocollo, come discusso dai ministri degli Esteri", ha affermato su Twitter il ministero degli Esteri bulgaro.

La decisione del parlamento bulgaro è stata accolta favorevolmente dal presidente e primo ministro albanese, Ilir Meta ed Edi Rama.

Meta, che ieri ha avuto il suo ultimo giorno alla presidenza, ha reagito su Facebook dicendo che "la revoca del veto sulla Macedonia del Nord è una notizia tanto attesa dalla Bulgaria", che apre la strada all'Albania per avviare i colloqui di adesione all'Ue.

Il primo ministro albanese Rama, intanto, ha annunciato su Twitter di aver avuto un colloquio telefonico con il leader dell'opposizione bulgara Boyko Borisov e lo ha ringraziato per il suo ruolo "nel revocare il veto". - Un vero amico, un vero leader. Il suo partito GERB e altri hanno salvato la faccia della Bulgaria e dell'UE! "Ora l'UE deve agire rapidamente", ha scritto Rama in un post su Twitter.

Il presidente francese Emmanuel Macron, il cui Paese detiene attualmente la presidenza di turno dell'UE, ha accolto con favore la decisione del parlamento bulgaro, annunciando che il processo sta proseguendo.

"Voglio accogliere con favore il voto del parlamento bulgaro, che apre la strada alla revoca del veto e all'apertura dei negoziati di adesione con la Macedonia del Nord, e quindi all'avanzamento del dossier albanese", ha detto Macron in una conferenza stampa a Bruxelles.

Ha aggiunto che dopo questo voto gli scambi di opinioni con i partner in Bulgaria e Macedonia del Nord continueranno nei prossimi giorni.

- La macchina è pronta ad approvare ciò che sarà deciso, questo è un ottimo segnale, voglio congratularmi con il Primo Ministro bulgaro e le forze di opposizione che si sono unite attorno a questo voto, ma anche per ringraziare i "Macedoni del Nord" per i loro progressi ha detto il presidente francese, che ha aggiunto che "c'è ancora del lavoro da fare".

Già prima del voto al parlamento bulgaro, il ministero degli Affari esteri francese, rispondendo a un'interrogazione del corrispondente di MIA, ha dichiarato che la Parigi ufficiale resta mobilitata per trovare una soluzione per l'avvio dei negoziati tra la Macedonia del Nord e l'Albania con l'UE.

- Stiamo compiendo molti passi sotto la nostra presidenza del Consiglio dell'Unione europea per sostenere la ricerca di una soluzione alla controversia tra i due paesi e per concretizzare la prospettiva europea della Macedonia del Nord. Rimaniamo mobilitati per raggiungere una soluzione equilibrata e reciprocamente accettabile e siamo determinati, in caso di accordo, a organizzare conferenze intergovernative tra l'Unione europea e la Macedonia del Nord, nonché con l'Albania, ha affermato Kay d'Orsay in risposta a un MIA domanda.

Il Dipartimento di Stato americano, nel frattempo, ha affermato che la credibilità della prospettiva di allargamento dell'UE è vitale per la stabilità e la prosperità dei Balcani occidentali, aggiungendo che gli Stati Uniti continuano a sostenere l'avvio dei colloqui di adesione tra la Macedonia del Nord e l'Albania con l'UE non appena il più possibile. .

Il vicepremier Maricic e il ministro Osmani ieri, subito dopo l'adozione della decisione del parlamento bulgaro, hanno affermato di non poter commentare perché non l'hanno vista.

- In primo luogo, dobbiamo vedere quale testo è stato votato dalla Repubblica di Bulgaria e come influenzerà la presidenza francese a presentarlo come proposta finale, perché la versione condivisa con gli Stati membri è una versione di lavoro, che è non completato. Quindi dobbiamo ancora vedere quale sia esattamente e quale sia la posizione bulgara, ha detto Osmani.

Il ministro degli Esteri ha spiegato che quella che è uscita al pubblico come una "proposta francese" era in realtà una versione di lavoro del quadro negoziale e altre conclusioni presentate agli Stati membri con "parentesi e domande", e non una versione finale della proposta. sottolineando che in ogni bozza finale del quadro negoziale non ci sono domande e parole tra parentesi. Chiarisce che tra parentesi come irrisolte, cioè non coordinate, ci sono alcune questioni su cui la Macedonia del Nord e la Bulgaria non sono riuscite a costruire una posizione armonizzata.

- I punti per noi fatali sono: il linguaggio, le questioni storiche non dovrebbero essere i criteri principali per l'avanzamento dei negoziati e la dinamica del cambiamento costituzionale. Sai che c'è una differenza tra la posizione bulgara e la nostra posizione secondo cui non possiamo apportare modifiche costituzionali se non avviamo i negoziati, ha affermato Osmani, aggiungendo che ora dobbiamo vedere quale approccio avrà la presidenza francese sulla base del nostro posizioni in Il primo ministro Dimitar Kovachevski e la risoluzione adottata ieri dal parlamento bulgaro sono stati presentati giovedì a Bruxelles.

La "proposta francese", che in realtà è una bozza di lavoro, non una versione definitiva, si basa sul quadro negoziale proposto dalla Commissione europea durante la presidenza portoghese dell'UE, su cui la Bulgaria ha avuto tre osservazioni: per quanto riguarda il nome abbreviato di il nostro paese, la lingua macedone e l'inclusione dei bulgari nella costituzione del paese.

Di queste tre osservazioni, la prima è superata dalla nostra dichiarazione unilaterale all'ONU sul nome breve, che è stata accettata dalla Bulgaria.

Per quanto riguarda la lingua macedone, Sofia ha prima insistito nel quadro dei negoziati sul fatto che non ci fosse alcuna frase in cui la lingua sarebbe stata menzionata sull'esempio del Montenegro, quindi il termine "lingua ufficiale della Macedonia del Nord", quindi "lingua macedone secondo la Costituzione del la Repubblica della Macedonia del Nord". ”O in un luogo in cui la lingua macedone è indicata con una nota a piè di pagina per chiarire che è conforme alla nostra Costituzione o per esprimere la posizione bulgara su questo parere. Tuttavia, tutte queste proposte della Bulgaria sono state da noi respinte con la posizione che "non negoziamo la lingua" e non sono incluse nel testo proposto, ma nel quadro negoziale la lingua macedone è chiaramente indicata senza aggiunte o spiegazioni. Così, la lingua macedone diventa una delle 25 lingue dell'UE e come tale fa parte del quadro negoziale.

C'è spazio nel processo verbale del Consiglio dell'UE per adottare il quadro negoziale per includere dichiarazioni della Bulgaria e del nostro paese sulla lingua, ma non faranno parte del testo del quadro.

Quanto alla terza richiesta di inclusione dei bulgari nella Costituzione del Paese, Sofia insiste per apportare prima le modifiche costituzionali e solo successivamente convocare una seconda conferenza intergovernativa che avvii ufficialmente i negoziati del Paese con l'UE. La nostra posizione su questa richiesta è che il processo di inserimento dei bulgari nel Preambolo della Costituzione, come una delle comunità del Paese, si svolga fino alla fine del processo negoziale e che i negoziati inizino ufficialmente con la prima conferenza intergovernativa, spiegando che la decisione di avviare i negoziati è stata adottata il 20 marzo 2020, e che ora ne resta solo l'inizio.

Diversamente, in tutte le precedenti proposte della Commissione Europea e durante le presidenze tedesca, portoghese e slovena, l'Accordo di Prespa e l'Accordo di buon vicinato erano elencati nel documento di base, nel quadro negoziale, al paragrafo 5.

L'intervento essenziale della Presidenza francese nel quadro negoziale proposto, realizzato su richiesta della Bulgaria, è l'inserimento di una sezione speciale nel Capitolo 23 riguardante i "diritti delle minoranze e delle comunità etniche", nonché l'inclusione del Protocollo di la seconda conferenza intergovernativa macedone-bulgara. , che non si è ancora tenuta come capitolo separato.

La sezione sul rispetto dei "diritti delle minoranze e delle comunità etniche" deriva in realtà dai criteri di Copenaghen per i diritti delle minoranze, tranne che nella proposta francese sono posti in un paragrafo a parte e non sottolineano specificamente i diritti dei bulgari, ma parlano del rispetto dei diritti di tutte le minoranze, non solo delle comunità etniche.

Per quanto riguarda il protocollo, Osmani ha informato che nei negoziati tra i ministeri degli Affari esteri della Macedonia del Nord e della Bulgaria è stata definita una bozza di tale protocollo, ma che per ora non è del tutto armonizzato, perché ci sono questioni aperte che devono essere discusse , e una volta fatto, il documento sarà firmato dai ministri degli esteri dei due paesi e quindi approvato da entrambi i governi. Il protocollo dovrebbe contenere disposizioni per l'attuazione dell'accordo di amicizia e buon vicinato con la Bulgaria, che include decisioni concordate tra i membri della commissione mista per gli affari storici e educativi. Come ha spiegato Osmani, ciò significa determinare le dinamiche di attuazione delle decisioni di attuazione già concordate dalla Commissione, senza imporre scadenze ai suoi membri per prendere e armonizzare le decisioni.

Da parte nostra, è inaccettabile che un protocollo di attuazione così armonizzato diventi parte del quadro negoziale, perché ciò includerebbe questioni storiche nel processo negoziale.

Secondo il vicepremier Maricic, il Trattato di amicizia e buon vicinato ha i suoi propri strumenti di funzionamento, e parte di esso è la commissione storica. - È una questione bilaterale tra noi e la Bulgaria. Quel protocollo non può essere una condizione nei negoziati, né può essere menzionato nel quadro negoziale, ha sottolineato Maricic.

Il ministro degli Esteri ha sottolineato che la sua posizione personale è che il quadro negoziale proposto diventerebbe accettabile se ne fosse escluso il protocollo incoerente e si modificasse il piano per le dinamiche di cambiamento della Costituzione, ovvero l'avvio dei negoziati non è condizionato dall'inclusione di Bulgari nel preambolo.

Osmani e Maricic hanno spiegato che la posizione presentata giovedì dal primo ministro Dimitar Kovacevski era stata precedentemente trasmessa alla presidenza francese, ma non è stata divulgata perché è stato valutato insieme ai nostri partner e amici che nessuna posizione pubblica dovrebbe essere data per non influenzare dei processi in Bulgaria prima del voto di fiducia al governo del primo ministro Kiril Petkov.

- Dopo aver visto che esisteva una versione di lavoro condivisa, abbiamo formalmente comunicato le nostre opinioni alla Presidenza francese. Non l'abbiamo reso pubblico deliberatamente per non influenzare il processo nella Repubblica di Bulgaria. Abbiamo ritenuto che fosse nostro interesse, ma purtroppo non tutti hanno sopportato nel rispetto della nostra strategia statale che pensavamo preservasse le nostre posizioni, ha affermato Osmani.

Ha sottolineato di essere consapevole che in questo modo viene lasciato spazio per costruire una narrazione volta a rovesciare la strategia dello Stato e i tentativi di attacchi ibridi, che possono essere trattati secondo il codice penale, ma che è responsabilità di altre istituzioni in Paese.

"La gente del paese ha chiamato ministri, partiti politici e ministri con false informazioni per cercare di interrompere questa strategia", ha aggiunto Osmani.

In tale contesto, ieri SDSM ha anche rivendicato la responsabilità del leader di VMRO-DPMNE, Hristijan Mickoski, per aver diffuso bugie e falsità sul processo con la Bulgaria.

- Mickoski ha mentito sulla presunta assimilazione e Bulgarianizzazione e ha minato le posizioni statali in relazione alla Bulgaria. Per tale comportamento, VMRO-DPMNE dovrebbe richiedere la responsabilità a Mickoski e quindi interrompere la distruzione. VMRO-DPMNE deve cambiare e invece di lavorare per gli interessi di altre persone, iniziare a lavorare per gli interessi dei cittadini e dello stato, ha affermato SDSM.

Il vicepremier Maricic, ieri in un'apparizione come ospite a Telma TV, ha affermato che c'erano persone, ex politici, che sono interessate a questo processo, che le hanno informate male o hanno deliberatamente sollevato tensioni tra alcuni partiti politici o i media.

"È molto più importante per il Paese sostenere i negoziati del governo, che ha un quadro di opinioni e posizioni, piuttosto che inviare patetici messaggi di testo ai ministri degli Esteri di tutta Europa esortandoli a respingere la proposta", ha affermato.

Ha sottolineato che il nostro obiettivo rimane l'adesione all'UE, ma ovviamente allo stesso tempo la protezione dei nostri interessi, in termini di lingua e identità, e l'avvio di un processo negoziale che sarà sostenibile e un pacchetto che saremo in grado di implementarlo e attuarlo .un modo che ci porterà all'adesione, non a nuovi blocchi.

"Non possiamo rinunciare al nostro percorso verso l'UE perché è stato stabilito durante la nostra indipendenza, ma non possiamo nemmeno rinunciare ad alcune posizioni che sono importanti per ogni Paese", ha affermato Maricic, aggiungendo che nel momento in cui il Paese riceveremo ogni proposta ufficiale, sarà sottoposta all'esame sia del Governo che dei partner della coalizione e in qualche forma sarà consultata l'Assemblea, attraverso la Commissione Affari Esteri.

Ha sottolineato che nei prossimi giorni resta da vedere se la Presidenza francese avrà la sua proposta finale.

- Finora abbiamo avuto una versione di lavoro in cui diverse questioni sono rimaste indefinite, ed è la questione del protocollo, perché in un certo senso vediamo simbolicamente il protocollo come un paradigma di interpretazioni storiche. "Penso che se c'è la volontà politica di capire le nostre sensibilità, una soluzione può essere trovata nei prossimi giorni", ha concluso Maricic.

Oppure, come ha affermato il ministro Osmani in un post su Facebook, "due parole si frappongono tra il successo e il fallimento dell'Unione Europea nella regione".

- La parola "protocollo" nel quadro, come paradigma delle questioni storiche e la parola "apertura" nel paragrafo sei delle conclusioni del Concilio. Entrambe le parole non sono nella proposta francese come soluzioni finali, ma sono poste (alcune tra parentesi), come questioni su cui non è possibile raggiungere un accordo a causa della posizione della Repubblica di Bulgaria, ha affermato il ministro degli Esteri nell'annuncio, aggiungendo che se la Bulgaria continuerà a insistere su queste due questioni, "bloccherà il processo europeo nel lungo periodo e allo stesso tempo paralizzerà gli strumenti dell'accordo di amicizia a lungo termine".

Osmani ieri sera in un'intervista ad Alsat TV ha ricordato che la presidenza francese dura fino al 30 giugno e nei prossimi giorni, se decideranno su una nuova proposta, in accordo con queste opinioni di entrambe le parti che sono state pubblicamente annunciate, siamo aperti a valutare esso.

- Se riceviamo una proposta, le istituzioni verranno consultate e prenderemo una decisione. Non saremo assolutamente guidati da attacchi ibridi, da politici delusi che pensano di poter riportare una carriera sull'onda dell'umore pubblico. Siamo eletti a guidare e guideremo se siamo convinti che questa sia una politica che porta avanti per i cittadini e per lo Stato, ha affermato Osmani.

L'eurodeputato bulgaro, membro della commissione Affari esteri e relatore del Parlamento europeo per la Macedonia del Nord, Ilhan Kucuk ha valutato che la Bulgaria sta diventando un Paese problematico che ostacola i processi di sviluppo dell'UE.

- Il nostro posto non dovrebbe essere tra gli ostacoli, ma nello spazio di sviluppo - per definire un'agenda, per imporre punti di vista diversi che renderanno l'UE molto più efficiente e per essere nell'interesse nazionale bulgaro. Uno dei temi affrontati dalla Bulgaria era relativo all'allargamento dell'UE e al modo in cui l'Albania e la Macedonia del Nord dovrebbero farne parte, ha affermato Kucuk in un'intervista a BNR.

Facendo riferimento alla proposta francese, Kucuk ha valutato che si tratta finora della soluzione migliore per Sofia, aggiungendo che se la Bulgaria adotterà una posizione comune sulla proposta per la Macedonia del Nord, non ci saranno più pressioni politiche su di essa, ma si cercheranno altri meccanismi per accettare l'una o l'altra proposta.

"La proposta ha buone garanzie per risolvere i difficili problemi del passato e per le vecchie questioni emotive aperte, nonché per i diritti dei bulgari: adempiranno alle loro garanzie in modo europeo", ha concluso Kucuk.

L'ex ambasciatore dell'UE Erwan Fouere ritiene che i negoziati su questioni bilaterali, come quelle relative alla lingua, all'identità e alla storia, debbano essere condotti in un processo parallelo, in cui ci sarebbe un approccio equilibrato e tenendo conto dei criteri per l'adesione all'UE, altrimenti aderire il quadro negoziale, il processo di adesione sarà completamente inquinato e non vi sono garanzie che in futuro non vi sarà alcun veto aggiuntivo da parte della Bulgaria.

Fouere nell'apparizione di ieri su Sitel TV ha sottolineato che le richieste bulgare "sono un insulto ai cittadini macedoni, attaccano il cuore e l'anima della nazione macedone e non faranno mai parte di una soluzione di compromesso".

- Spero che gli sforzi diplomatici francesi comprendano la sensibilità relativa alle questioni che esistono nei Balcani occidentali e compiano uno sforzo che tenga ampiamente conto delle preoccupazioni della parte macedone, piuttosto che impegnarsi pienamente negli interessi della Bulgaria, Fouere ha affermato, aggiungendo che se qualcuno vuole trovare una soluzione di compromesso, è fondamentale tenere conto delle questioni di interesse per entrambi i paesi.

Ieri ha anche reagito al tweet del commissario europeo per l'allargamento e la politica di vicinato Oliver Varheyi secondo cui "l'UE prende molto sul serio tutte le preoccupazioni bulgare" e che entreranno a far parte del processo negoziale del Paese con l'Unione.

- Non c'è alcuna logica... Come puoi sostenere "tutte le preoccupazioni bulgare" e renderle parte del processo negoziale, quando alcune di queste preoccupazioni sono contro tutto ciò che l'UE rappresenta, mentre altre sono contrarie alle sentenze dell'UE Corte di giustizia diritti umani. Il commissario dovrebbe vergognarsi di se stesso, ha detto Fouere, commentando l'annuncio di Varchey, aggiungendo che dovrebbe dimettersi o essere costretto a dimettersi.

Video del giorno