Grano per le persone: diverse opzioni per esportare grano ucraino e rifornire i mercati mondiali

Trasporto di grano a Odessa / Foto: Vladimir Sindeyeve/NurPhoto / Editoriale Shutterstock / Profimedia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato in una conversazione con il presidente degli Stati Uniti Joseph Biden che crede nell'apertura di un corridoio per l'esportazione di grano ucraino verso i mercati mondiali.

Durante un incontro con Biden a margine del vertice Nato, Erdogan ha affermato di voler risolvere il processo con una "politica di equilibrio".

"Ci auguriamo che questa politica di equilibrio porti a risultati e consenta l'esportazione di grano attraverso i corridoi il prima possibile verso i paesi che attualmente si trovano ad affrontare carenze", ha affermato.

La Turchia ha svolto un ruolo centrale nei negoziati con Russia e Ucraina nel tentativo di raggiungere un accordo che aumenterebbe la quantità di grano che può essere esportato dall'Ucraina al culmine del conflitto.
Durante l'incontro, Biden ha elogiato Erdogan per aver rinunciato alla sua opposizione all'adesione di Finlandia e Svezia alla NATO e per il "lavoro straordinario che sta facendo nel tentativo di esportare grano dall'Ucraina".

Lavrov: Rispetteremo i nostri obblighi in merito alle esportazioni di cibo

 

La Russia è pronta ad adempiere ai propri obblighi in materia di fornitura di cibo e fertilizzanti, ha confermato oggi il ministro degli Esteri Sergei Lavrov in una conversazione telefonica con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

"La disponibilità della Russia a continuare ad adempiere ai propri obblighi in materia di esportazione di cibo e fertilizzanti è stata riaffermata, nonostante il fatto che l'attuazione di questi obblighi sia stata notevolmente ostacolata da sanzioni unilaterali illegali da parte dei paesi occidentali e dall'interruzione delle catene di produzione globali a causa della corona ." il virus. una pandemia", si legge in un comunicato dal sito web del ministero degli Esteri russo.

La dichiarazione afferma che Lavrov ha notato la volontà di impegnarsi in un coordinamento con le Nazioni Unite per ridurre la minaccia di una crisi alimentare.

La guerra ha esacerbato la crisi

La guerra russa in Ucraina ha esacerbato la crisi alimentare globale, che ha drasticamente aumentato i prezzi di cereali, oli da cucina, combustibili e fertilizzanti.

La Russia e l'Ucraina forniscono quasi un terzo delle forniture globali di grano, mentre la Russia è anche un importante esportatore globale di fertilizzanti e olio di mais e girasole dell'Ucraina.

Dall'inizio dell'invasione russa il 24 febbraio, l'esportazione di grano ucraino dai porti del Mar Nero è stata interrotta e milioni di tonnellate di grano sono rimaste nei silos.

 

Video del giorno