Zelenskyj ha licenziato un alto comandante dell'esercito ucraino

Il presidente ucraino Zelenskyj/EPA

Oggi il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha licenziato un alto ufficiale dell’esercito responsabile delle truppe nella parte orientale del Paese.

La mossa arriva mentre Kiev lotta da mesi per contenere le forze di Mosca nell’est, a quasi due anni e mezzo dall’inizio della guerra.

"Ho deciso di sostituire il comandante delle forze congiunte delle forze armate ucraine, il tenente generale Yury Sodol, e di nominare al suo posto il generale di brigata Andriy Gnatov", ha detto Zelenskyj nel suo discorso serale, ha riferito MIA.

Non ha spiegato le ragioni del licenziamento, ma la decisione è arrivata dopo le critiche del comandante della brigata Azov, nota per i suoi legami con l'estrema destra.

Il giorno prima il comandante dell'Azov, Bohdan Krotevich, aveva presentato una denuncia al servizio di sicurezza della SBU, chiedendo un'indagine su Sodol.

Secondo i resoconti dei media, Krotevych ha accusato Sodol di incompetenza e lo ha incolpato della morte dei soldati ucraini al fronte.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno