Siete impazziti, sudditi civili!

Zharko Nastoski, giornalista ed editore del sito web "Sloboden Pechat" / foto: Dragan Mitreski / SP

Ribelliamoci risolutamente contro di loro, tutti noi che, nonostante la dignità costantemente calpestata, paghiamo ancora le tasse, facciamoci i fatti nostri, viviamo in Macedonia e speriamo che vivremo per vederla diventare un vero stato.

Il direttore della centrale termica di Skopje "Skopje Sever", Kushtrim Ramadan, di sabato L'ha attaccata sgarbatamente e con imprecazioni al giornalista del portale "MKD", Katerina Dodevska, che riportava un argomento di interesse pubblico – se questo impianto di riscaldamento poteva funzionare a olio combustibile, e lo ha fatto saltando i regolamenti e le procedure per l'utilizzo di questo inquinante energetico.

Ramadani è un partecipante esperto e di lunga data nella regolamentazione, ma anche nella creazione e gestione di parti importanti del sistema energetico macedone. Dal 2006 al Ministero dell'Economia, nel 2012 è stato nominato vicepresidente della Commissione di regolazione dell'energia e nel 2020, contro l'allarme di DKSK che sarà un classico conflitto di interessi, poiché un membro dello staff DUI viene nominato direttore del MEPSO, una delle posizioni più potenti del paese. Dopo anni passati a prendere decisioni relative a MEPSO dalla posizione di regolatore di mercato indipendente, si è trovato improvvisamente nella posizione di difendere gli interessi di uno degli attori di quel mercato. È come se domani il direttore dell'Agenzia per le comunicazioni elettroniche diventasse dirigente di "Telecom" o "A1". Gli anticorruzionisti"abbaiarono", la carovana governativa "fredda" li ignora e ha continuato a eccellere: Ramadani è arrivato al posto influente.

esimo Sono cambiati dopo poco più di un anno a capo della società statale per la trasmissione del potere, dopo che il suo seggio è passato ad Alternativa, quando il partito è entrato al governo. Poco dopo è stato nominato direttore della mini centrale termica "Skopje Sever", che riscalda diverse centinaia di appartamenti. Poi il Ramadan disse che "era senza lavoro da tre mesi" e che "gli amici lo chiamavano" e gli offrivano il posto di regista, "così non sarebbe stato per strada". La maggior parte di noi non conoscerà mai quella sensazione: quando dopo almeno 15 anni in varie posizioni, improvvisamente devi cercare un lavoro come qualsiasi altro mortale. Fortuna che aveva gli amici giusti.

Dopo essersi seduto nella confortante poltrona, Ramadani chiamato pubblicamente Artan Grubi che, nonostante la metà dei ministri nel governo siano albanesi, e alcuni di loro vivano in poltrona, i soldi statali sono stati dati solo alle altre centrali termiche di Skopje. Fu a quelle 500 famiglie di Chair, Butel e Topansko Pole, che vivono vicino alla centrale termica e alle quali il fumo dell'olio combustibile puzza di più, che Ramadani fu obbligato a spiegare in modo chiaro e onesto ciò che il giornalista rivelò a loro nome e per nostro conto Dodevska - perché, in contrasto con i regolamenti e le procedure, acceso l'impianto di riscaldamento a gasolio, e prima ancora ha affermato di essersi assicurato il gas fino alla fine dell'anno?

Ma invece di questo, il regista, mostrando scarsa educazione e arroganza, ma soprattutto impotenza di fronte ai fatti, ha "onorato" il giornalista con una raffica di imprecazioni. Sappiamo che è una crisi energetica e che il lavoro del direttore è stressante, ma nulla può giustificare una tale ondata di disoccupazione. Probabilmente non è facile neanche per Ramadani: è come ieri quando dirigeva una mega-azienda che fattura oltre 90 milioni di euro l'anno, e ora è "bloccato" in una piccola centrale termica nella lontana "periferia" energetica, che è costantemente in funzione in perdita. Un anno fa Kushtrim era tra i più importanti funzionari del DUI, e ora deve mendicare aiuti statali e lotta per fornire il riscaldamento a 500 famiglie. Ma l'arroganza con cui ci ha atterrito e sbalordito non restituirà la sua rilevanza perduta.

È chiaro che, imprecando contro la collega Dodevska, Ramadani in realtà ha insultato e umiliato tutti noi: i cittadini con i cui soldi è stato pagato per 15 anni, gli abitanti di Skopje che ogni inverno soffocano nell'inquinamento, lo stato che lo ha abilitato per decenni per essere qualcuno e per qualcosa di importante... Intimidendo il giornalista, invita tutti a tacere davanti al potere del partito-stato Leviatano. Ecco perché il direttore Kushtrim deve prima scusarsi, e subito dopo dimettersi - per altri, sembra che ci siano sempre più capi simili seduti negli uffici statali, esausti e infuriati, che non pensano di sputare e maledire il cittadino i cui sudditi deve essere.

Otterremo qualcosa di buono da tali esplosioni di aggressività e arroganza ufficiali? Certo - prima di tutto sono la prova che il giornalismo esiste e vive nel Paese che pone le domande giuste - quelle che mettono a disagio tutti i nostri Kushtrim. Il pubblico, i cittadini, devono aiutare i giornalisti nel loro "addomesticamento". La gente dovrebbe cominciare ad alzare più spesso la voce, a rendersi conto che i giornalisti sono gli ultimi difensori e rappresentanti dell'interesse pubblico, civile e popolare - di quei cittadini che da anni, già da decenni soffrono come minoranza brutalmente oppressa - l'onesto , gli operai, tutti coloro che non hanno "amici" che ricoprano per loro incarichi direttivi.

Ribelliamoci risolutamente contro di loro, tutti noi che, nonostante la dignità costantemente calpestata, paghiamo ancora le tasse, facciamoci i fatti nostri, viviamo in Macedonia e speriamo che vivremo per vederla diventare un vero stato.

ZNM: Il direttore della centrale termica "Skopje Sever" dovrebbe dimettersi per i maleducati insulti a un giornalista

Video del giorno