Per il bene della valutazione, non dobbiamo essere imbarazzati a casa a Washington

Foto: MIA

Non abbiamo bisogno di un altro Accordo Strategico con gli Stati Uniti dal quale "Lepa od Kanatlarci" sarà soddisfatto, ma con il quale non perderemo il tempo prezioso dei nostri amici americani.

Qualche tempo fa, l'allora presidente macedone Boris Trajkovski - che l'attuale presidente Stevo Pendarovski deve ricordare perché era il suo consigliere - ha inviato a Washington una lista di 10 punti.

A proposito, come promemoria, l'allora ambasciatore degli Stati Uniti nel paese Lawrence Butler si oppose fermamente all'invio di quella lista. E Stevo Pendarovski stesso nell'ufficio del presidente in termini di invio di quella lista piuttosto insolente era 50-50, così così, ma Trajkovski ha "saltato" l'ambasciata americana qui e la lista è finita a Washington.

Quella lista di dieci punti, tra l'altro, è stata abbastanza tagliata, incollata e montata prima di essere inviata - non spiegherò in quale parte della lista ho montato - ma, a dire il vero, Ljubomir Frckoski ha aggiunto il decimo punto alla lista : gli Stati Uniti riconoscono la Repubblica di Macedonia sotto il suo nome costituzionale! Pertanto, la parte più meritevole della parte macedone per il riconoscimento americano della Repubblica di Macedonia con il suo nome costituzionale è - Frckoski.

Ma non è un argomento per pubblicare qui "segreti di stato". Il punto è che gli altri 9 punti della lista, insieme al decimo di Frchko, sono stati "consegnati" da Washington a noi fino all'ultima virgola! Anche a prescindere dal fatto che in politica abbiamo sempre delle leve e qualche idiota di sinistra che non capisce queste cose, figuriamoci il mezzo per metterle in atto. Ma la conclusione è chiara: tutti e 10 i punti sono stati consegnati dalla squadra americana, fino all'ultimo.

E, dico io, l'attuazione di metà di quella lista le nostre istituzioni sono riuscite a passare, fatto deviazioni e simili. Ad esempio, uno dei famosi "sabotatori" è l'allora ministro delle finanze Nikola Popovski. Potrebbe farmi causa per quello che dico, ma se mettessi insieme alcuni punti di questo elenco e le trascrizioni del suo incontro con l'allora ministro delle finanze iracheno, l'uomo dovrebbe andarsene immediatamente per una sontuosa pensione. Ma è meno importante. Gli americani meritano, per la prima e l'ultima volta, una grande gratitudine da parte nostra.

Questo ci porta all'attualità di questo argomento. Vale a dire, ora, il governo, in modo caotico, ha proposto e l'amministrazione di Washington di nuovo, per cortesia, ha accettato per cortesia di fare un altro accordo strategico macedone-americano! Presumibilmente, come ha fatto Grujo una volta e "bloccato il mondo" attorno a George W. Bush nel 2008, se riceviamo di nuovo dalla Bulgaria l'integrazione europea NO, avere qualcosa di cui essere orgogliosi a casa, come Grujo allora, e ora, in modo che il nostro la valutazione non scende.

Ho letto cosa ha proposto il nostro ministro degli Esteri Bujar Osmani e non posso credere che questo Accordo Strategico si riferisca a qualche "Bella di Kanatlarci" per prendere una borsa di studio e studiare negli Stati Uniti!

Gli accordi strategici sono una questione molto difficile. Qui, ad esempio, Finlandia e Svezia, bloccate in tutti gli "accordi strategici", hanno acquistato dal primo e senza referendum 120 aerei F-35A americani, senza contare "Lepa da Kanatlarci". Gli accordi strategici sono molto difficili da raggiungere, la nostra parte è sempre caratterizzata da una generale mancanza di attrezzatura, qualche bidone in giro per la pittura e Bujar con un grande sorriso e una mano di saluto. E cosa, infatti, se è davvero strategico e non ha lo scopo solo di far valutare qualcuno a Skopje, dovrebbe contenere il quadro di un simile accordo?

In primo luogo, gli Stati Uniti, con risorse proprie e senza interessi maturati, stanziano fondi per la conversione da carbone a gas di REK Bitola e TPP Negotino. Per le esigenze del loro lavoro, ci procureremo il gas solo dagli USA, e la conversione sarà effettuata da società selezionate in una gara nella cui commissione gli USA avranno voce in capitolo.

In secondo luogo, gli Stati Uniti introdurranno un regime di visti con la Macedonia, lo stesso che hanno con l'Albania.

Terzo, gli Stati Uniti chiederanno ai suoi alleati - Gran Bretagna di abolire i visti con RSM, e Canada, Australia e Nuova Zelanda con RSM di introdurre lo stesso regime degli Stati Uniti, cioè lo stesso di quello con l'Albania.

In quarto luogo, gli Stati Uniti faranno pressioni affinché alcuni degli investimenti statunitensi ritirati dalla Russia finiscano nella nostra economia e riformeremo la nostra amministrazione secondo il progetto statunitense. Questi investimenti dovrebbero essere diretti nella regione Gostivar-Tetovo-Skopje e Kumanovo dove molti cittadini sono tornati dal lavoro in Afghanistan e ora non sanno cosa fare di se stessi.

Quinto, tutte le armi prodotte in Oriente, che sono ancora nell'arsenale dell'Armata RSM, per essere consegnate in Ucraina, e nel nostro Paese per essere adeguatamente sostituite, possono essere "usate", con armi procurate dagli Stati Uniti.

Sesto, gli Stati Uniti ci concederanno un prestito a tasso zero per l'acquisto di 10 elicotteri e qualche aereo da trasporto in più per i bisogni dello Stato.

Settimo, la gamma militare Krivolak sarà affittata permanentemente alla NATO a termini e condizioni definiti da un altro accordo.

Ottavo, il quartier generale dell'FBI statunitense a Budapest per aprire un ufficio regionale per la Repubblica della Macedonia del Nord (e la regione).

Nono, le riforme giudiziarie dovrebbero essere espressamente intensificate, e non si dovrebbe parlare di lotta alla corruzione!

Decimo, punto Varie...

Si tratta di una sorta di Accordo Strategico con cui "Lepa od Kanatlarci" sarebbe molto più soddisfatto di quanto chiediamo gentilmente oggi a Washington, a causa del dilemma se ci sarà o meno un veto dalla Bulgaria. In modo da non perdere il tempo prezioso dei nostri amici strategici. Perché il mondo sta diventando un luogo molto complicato per accordi strategici. Se non sono pratici, non giovano a nessuno. Fatta eccezione per coloro che sono preoccupati per le valutazioni politiche a casa.

Video del giorno