L'Occidente fornisce ancora alla Russia chip, che usa nelle sue armi

Chips Russia/ Foto Nail Fattakhov / TASS / Profimedia

Dopo che la Russia ha invaso l'Ucraina, l'Occidente ha annunciato nuove severe sanzioni e le società tecnologiche hanno affermato di aver interrotto tutte le esportazioni verso la Russia. Tuttavia, le spedizioni di parti di computer occidentali sono continuate, rileva una nuova indagine

Aprendo una piccola scatola di metallo, un alto funzionario ucraino ha trovato quattro pannelli scorrevoli pieni di una serie di chip per computer.

Questo era in realtà il "cervello elettronico" di un missile da crociera russo 9M727 inesploso, una delle armi devastanti che la Russia ha spesso usato nei suoi attacchi all'Ucraina da quando ha lanciato l'invasione del suo vicino il 24 febbraio.

Il 14 luglio, tre missili da crociera hanno colpito la città ucraina di Vinnytsia, uccidendo 27 persone, tra cui una bambina di quattro anni, hanno detto le autorità ucraine. La Russia dice che sta sparando solo contro obiettivi militari, ma chiaramente non è così.

Bombardamento della città ucraina di Vinnytsia/ Foto EPA-EFE/ROMAN PILIPEY

La piccola scatola di metallo, così come altre armi russe che l'agenzia di stampa è riuscita a procurarsi"Reuters", sono stati raccolti dal campo di battaglia dall'esercito ucraino. Tra questi ci sono l'elettronica russa con segni cirillici e alcuni sono scritti a mano.

Ma molti dei componenti elettronici essenziali in essi contenuti sono i microcontrollori, i chip programmabili e i processori di segnale, provenienti da numerosi produttori di chip statunitensi, tra cui Texas Instruments, Altera di proprietà di Intel, Silinix, di proprietà di AMD e Maxim Integrated Products, acquisiti lo scorso anno da Dispositivi Analogici. Oltre ai chip americani, tra i chip c'erano anche quelli della "Cypress Semiconductor", ora di proprietà della tedesca "Infineon AG".

"È piuttosto semplice", ha detto l'alto funzionario ucraino, che ha chiesto l'anonimato per motivi di sicurezza. "Senza quei chip americani, i missili russi e la maggior parte delle armi russe non funzionerebbero".

Illustrazione del chip/ Foto Donat Sorokin / TASS / Profimedia

I componenti occidentali delle armi russe sono stati esaminati nell'ambito di un'indagine Reuters in collaborazione con il Royal United Services Institute.

Mentre alcuni dei più sofisticati chip occidentali nelle armi russe sono soggetti da anni a speciali requisiti di licenza di esportazione, l'indagine ha rilevato che molte armi contengono anche chip per computer all'avanguardia e altri componenti che si trovano nei prodotti di consumo. Sono prontamente disponibili e in molti casi non soggetti a restrizioni all'esportazione.

Dopo l'invasione, gli Stati Uniti e altri paesi occidentali hanno vietato le esportazioni di alta tecnologia verso la Russia per cercare di indebolire la sua industria della difesa e le società tecnologiche hanno annunciato di aver interrotto tutte le esportazioni nel paese. Tuttavia, il team di Reuters ha scoperto che il flusso di componenti di computer di fabbricazione occidentale in Russia non si è fermato, con migliaia di spedizioni inviate a Mosca dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina. I mittenti erano per lo più fornitori non autorizzati, ma c'erano anche alcuni produttori.

Reuters ha fornito alla maggior parte delle suddette società i dati dei registri doganali russi sulle spedizioni dei loro prodotti in Russia che sono arrivate dopo l'invasione.

Tre dei produttori - AMD, Analog Devices e Infineon - hanno affermato di aver avviato indagini interne dopo che Reuters ha fornito dati doganali che mostrano migliaia di recenti spedizioni dei loro prodotti in Russia da venditori di terze parti. Infineon e Texas Instruments affermano che i prodotti che hanno inviato erano già in transito prima dell'inizio dell'invasione. Intel ha affermato che le merci spedite erano consegne interne dell'azienda prima di sospendere le sue operazioni in Russia all'inizio di aprile.

Texas Instruments/ Foto EPA/LARRY W. SMITH

La Russia è nota da anni per fare affidamento sull'elettronica occidentale per i suoi sistemi d'arma. Mosca ha una lunga storia nell'approvvigionamento di parti militari di contrabbando dagli Stati Uniti, inclusi costosi chip specializzati per satelliti in grado di resistere alle radiazioni nello spazio.

Il giorno dell'invasione, la Casa Bianca ha annunciato che gli Stati Uniti e i loro alleati stavano imponendo "sanzioni contro la Russia relative a semiconduttori, telecomunicazioni, sicurezza crittografica, laser, sensori, navigazione, avionica e tecnologie marittime" che avrebbero "tagliato Accesso russo alla tecnologia all'avanguardia". Tuttavia, molti prodotti tecnologici non militari rimangono esenti.

Un portavoce del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, che gestisce le restrizioni all'esportazione, ha dichiarato: "I potenti controlli sulle esportazioni messi in atto dagli Stati Uniti e da 37 alleati e partner influenzano fortemente l'accesso della Russia agli articoli e alle tecnologie di cui ha bisogno per sostenere la sua aggressione militare, compresi i semiconduttori. Col passare del tempo e le loro azioni continueranno a diminuire, i nostri controlli morderanno ancora più forte".

"Rimarremo vigili e impegnati con i nostri alleati e partner nell'applicazione dei nostri controlli", ha affermato.

Microchip

Il sistema informatico incorporato nella piccola scatola di metallo del missile da crociera mostra che la Russia non fa affidamento solo sulla tecnologia all'avanguardia per le sue armi. Ad esempio, le etichette su due chip Texas Instruments, che elaborano segnali digitali, hanno mostrato che sono stati prodotti più di 30 anni fa.

"Per la maggior parte, questi sono gli stessi chip che trovi nella tua auto o nel forno a microonde", ha detto un esperto di armi ucraino con accesso all'equipaggiamento militare russo recuperato.

Nonostante quella che l'Occidente ha descritto come una serie senza precedenti di dure sanzioni contro la Russia, molti componenti elettronici non sono ancora soggetti a controlli sulle esportazioni. Anche se lo sono, c'è un numero enorme di fornitori e commercianti nell'Asia orientale e in altri paesi disposti a fornirli e spesso sono fuori dal controllo dei produttori occidentali.

Un'indagine Reuters ha affermato che oltre 15 spedizioni da società di elettronica occidentali hanno raggiunto la Russia dopo l'invasione dell'Ucraina del 24 febbraio entro la fine di maggio.

Le spedizioni contenevano microprocessori, chip programmabili, dispositivi di archiviazione e altri articoli, secondo i dati doganali russi.

Un negozio di componenti per computer con sede a Mosca, Kvantek, dice sul suo sito web in russo: “Attenzione! Stiamo lavorando normalmente. I nostri magazzini sono pronti a fornire attrezzature ai clienti della Federazione Russa nonostante le sanzioni dell'UE e degli Stati Uniti.

Il sito web dell'azienda russa Quantek/ Photo Printscreen

Il sito web russo presenta i loghi di oltre la metà delle principali società tecnologiche statunitensi. Alla domanda su come Quantek riesca a continuare ad acquistare apparecchiature informatiche occidentali, un funzionario dell'azienda che ha dato il suo nome solo perché Victor ha detto che era un "segreto commerciale".

Controllo rigoroso

La Russia fa affidamento sulla tecnologia occidentale per alcuni dei suoi sistemi d'arma perché non produce molte delle parti elettroniche necessarie. Ma le compagnie di difesa russe non utilizzano solo componenti standard. Anche i chip più comuni devono passare attraverso test rigorosi in modo che i russi possano assicurarsi che non contengano elementi che potrebbero consentire lo spionaggio o il sabotaggio occidentale.

L'uso da parte della Russia di chip di fabbricazione straniera è una delle principali preoccupazioni a Washington, "perché potrebbe creare vulnerabilità che loro stessi producono", ha affermato Ian Williams, un collega al Center for Strategic and International Studies di Washington. "Anche i russi ne sono molto consapevoli".

parata militare mosca russia 2022
Mosca, Russia / EPA-EFE / YURI KOCHETKOV

Flessibilità

Tra l'elettronica occidentale trovata negli armamenti russi, secondo gli esperti di microelettronica occidentale, spicca un particolare tipo di circuito integrato: i chip programmabili, noti come Field Programmable Gate Array, o FPGA.

Un FPGA è stato posizionato tra i giroscopi del sistema di navigazione trovati in Ucraina da un missile di artiglieria di precisione russo noto come 9M544.

Secondo Daniel Neni, esperto di semiconduttori e coautore di un libro su tali chip FPGA, i chip programmabili, disponibili da decenni, offrono ai produttori di apparecchiature elettroniche un'enorme flessibilità perché possono essere rapidamente riprogrammati per eseguire un nuovo compito secondo necessità.

"La chiave per gli FPGA è che puoi riutilizzarli", ha detto Neni. "Puoi comprare una lavatrice, estrarre un chip FPGA e metterlo in un missile. È così semplice perché puoi riprogrammarlo per fare quello che vuoi."

Il testo è una ricerca dell'agenzia di stampa"Reuters".

Video del giorno