Di quale interesse pubblico parla Arsovska?

Aneta Stojkovska / Foto: Free Press

Tutti noi in questa città lotteremo per altri tre anni! Con la testardaggine, l'intransigenza, la riluttanza a negoziare, per accordi e persino per compromessi, se è a vantaggio della gente di Skopje, per la quale l'intero set cittadino dovrebbe lavorare.

C'è qualcuno a Skopje, nel paese, per "fischiare" e dire: fine, basta? Abbiamo molestato abbastanza i cittadini, li abbiamo infastiditi abbastanza, abbiamo testato abbastanza la loro soglia di sopportazione e tolleranza! Davvero, già abbastanza! Ce n'è uno, almeno uno, che metterà fine a questo furto che sta avvenendo nell'ultimo anno nella capitale?

I cittadini sono stanchi, anzi, la loro quotidianità si è trasformata in una tortura, perché una normale passeggiata per andare al lavoro è diventata un lusso, che chi ci arriva in autobus non può più permettersi. Il caos nel trasporto urbano (quello che doveva essere gratuito) va avanti da un mese e mezzo, da quando c'è stato lo sciopero di JSP "Skopje", quando hanno parcheggiato i loro autobus davanti al governo. Hanno lasciato i cittadini di Skopje senza mezzi pubblici per due giorni, chiedendo stipendi con solo tre giorni di ritardo e chiedendo che il governo e le municipalità pagassero loro i soldi che presumibilmente dovevano loro.

Vi ricordo che poi il sindaco Danela Arsovska ha minacciato che gli autobus non sarebbero stati rimossi dalle istituzioni se non avessero ricevuto i soldi loro dovuti. Poi il debito è stato dimenticato quando il consiglio comunale ha votato d'urgenza per dare a JSP 133 milioni di denari dal bilancio (e, immagina, il bilancio non è stato bloccato). Il fatto che i cittadini non sapessero come andare al lavoro o dove dovevano andare in quel momento non era importante.

Di che tipo di interesse pubblico parla Arsovska? Qual è quell'interesse pubblico che lo protegge dai vettori privati ​​e dal "prevenire il rivestimento delle tasche private". I cittadini o il JSP? Perché, se ci tiene davvero ai cittadini, farà di tutto per risolvere il caos con il trasporto in autobus in modo che le persone non si congelino nelle stazioni sperando di prendere un autobus e in modo che non vengano spinte come un barattolo nei veicoli.

Il sindaco afferma insistentemente che il JSP serve regolarmente e tempestivamente i cittadini. Non so chi le stia raccontando queste bugie, ma le basta che esca una volta dall'ufficio e vada almeno alla fermata dell'autobus più vicina. Quindi vediamo se ci sono abbastanza autobus. Per vedere i cittadini per i quali è così preoccupata, come gestiscono i trasporti. Per sentire cosa hanno da dirle.

E la semplice matematica mostra che non ci sono abbastanza autobus per le strade. Gli autisti privati ​​ne hanno guidati circa 200 (gli stessi che venerdì bloccheranno il traffico in città, se entro allora il problema non sarà risolto). Quindi, nel trasporto pubblico mancano 200 autobus, che prima non erano perfetti. E JSP ora, con tutte le riparazioni che ha fatto ai veicoli vecchi e danneggiati, ne ha un totale di 270, come sostiene il suo direttore. Quasi la metà del precedente. E questo è bastato per un servizio regolare e tempestivo alla gente di Skopje!?

JSP e la città di Skopje sono in debito con vettori privati. E questo non è riempire le tasche, ma rispettare gli obblighi del contratto che hanno con loro. Quale contratto prevede chi, come e quando vuole risolverlo? E si può discutere del fatto che alcuni degli autobus di "Makeexpress" e "Sloboda Prevoz" fossero sporchi, vecchi e non rispettassero l'orario. Ma presumo che ci sia qualcuno incaricato che controlli lo stato degli autobus che trasportano passeggeri. O no, il che è più probabile. Se lo avesse fatto, avrebbe visto, ad esempio, quanto sono sporchi alcuni degli autobus JSP che sono stati rimessi in strada. Avresti visto che tipo di "briciole" stanno rotolando sulla linea 19. Da quale magazzino le hanno prese? E che l'orario degli autobus JSP è solo una parola morta sulla carta, almeno nel periodo passato dopo che Makeexpress è stato espulso dal gioco.

Gli assessori hanno chiesto anche questa volta risposte su quanto sta accadendo con i vettori privati. Hanno chiesto ad Arsovska di dire loro su cosa si basavano le sue accuse, che le società private non hanno mostrato la vendita di biglietti per cinque anni - quante carte sono state ritirate da JSP, c'è una nota di addebito per questo, se i biglietti sono stati venduti o rientrato in azienda. Non c'è stata una risposta concreta né da Arsovska né dalla recitazione il direttore di JSP, Aleksandar Stojkovski. In tutte queste accuse, infatti, non è stato prodotto alcun documento, nemmeno uno. Tutto si riduceva a detti e detti. E l'atteggiamento arrogante del sindaco: se siamo in debito con loro, che facciano causa!

Quindi, non c'è soluzione, nemmeno in vista. Tutti noi in questa città lotteremo per altri tre anni! Con la testardaggine, l'intransigenza, la mancanza di volontà di negoziare, di accordi, e anche di compromessi se è a vantaggio della gente di Skopje, per la quale dovrebbe lavorare l'intero consiglio comunale. E VMRO-DPMNE non può in alcun modo essere esentata da tutto questo! Hanno la maggioranza in consiglio comunale, hanno messo Arsovska alla poltrona di sindaco. Bene, ora, il fatto che si aspettassero che sedesse lì calma e obbediente, non è colpa di nessuno!

Video del giorno