Gli attacchi israeliani a Rafah hanno ucciso 13 persone, tra cui nove bambini

Rafah / Foto EPA-EFE/MOHAMMED SCIABOLA

Tredici persone, tra cui nove bambini, sono morte negli attacchi israeliani di ieri sera a Rafah, nel sud di Gaza, hanno annunciato oggi le autorità sanitarie della zona.

Israele effettua attacchi quasi quotidiani a Rafah, dove più della metà dei 2,3 milioni di residenti di Gaza sono fuggiti dai combattimenti in altre parti del territorio palestinese.

Israele ha anche annunciato che espanderà la sua offensiva di terra sulla città, che si trova al confine con l’Egitto, nonostante le richieste internazionali di moderazione, compresi gli appelli degli Stati Uniti.

Ieri sera la Camera dei Rappresentanti del Congresso americano ha approvato, nell'ambito di un più ampio pacchetto di aiuti, 26 miliardi di dollari a favore di Israele, di cui 9 miliardi di dollari destinati agli aiuti umanitari a Gaza.

Secondo i funzionari dell'ospedale del Kuwait, un uomo, sua moglie incinta e il loro bambino di tre anni sono stati uccisi ieri sera nel primo attacco, e i medici sono riusciti a salvare il bambino che la donna morta portava in grembo.

Secondo i dati ospedalieri, nel secondo attacco sono morti otto bambini e due donne di una famiglia.

Nove persone, tra cui sei bambini, sono state uccise in un attacco aereo la notte precedente.

Secondo le autorità sanitarie locali, dall'inizio della guerra tra Israele e il gruppo islamico palestinese Hamas, il 7 ottobre dello scorso anno, ; più di 34.000 palestinesi furono uccisi, le due città più grandi di Gaza furono distrutte e intere parti di quel territorio furono distrutte. ; Circa l'80% della popolazione di Gaza è fuggita dalle proprie case verso altre parti del territorio assediato, che secondo gli esperti è sull'orlo della fame.

Il conflitto durato più di sei mesi ha alimentato l’instabilità regionale, contrapponendo Israele e Stati Uniti all’Iran e ai gruppi militanti alleati in tutto il Medio Oriente. Israele e Iran si sono scontrati direttamente all’inizio di questo mese, suscitando il timore di uno scoppio di guerra tra i due nemici di lunga data.

Le tensioni sono aumentate anche nella Cisgiordania occupata. L'esercito israeliano ha affermato che le sue forze hanno "neutralizzato" due palestinesi che questa mattina presto hanno attaccato un posto di blocco a Hebron, nel sud della Cisgiordania, con un coltello e una pistola. Non ci sono stati feriti tra le forze israeliane, ha detto Tel Aviv.

Un padre piange la figlia uccisa negli attacchi aerei a Rafah/Foto: EPA-EFE/HAITHAM IMAD ATTENZIONE REDATTORI: CONTENUTO GRAFICO

Soldati e coloni israeliani hanno ucciso almeno 469 palestinesi in Cisgiordania dall’inizio della guerra di Gaza, ha affermato il Ministero della Sanità palestinese. La maggior parte è stata uccisa durante gli attacchi dell'esercito israeliano, che spesso portano a scontri a fuoco, o durante violente proteste.

La guerra a Gaza è scoppiata dopo un attacco da parte del gruppo islamico palestinese Hamas e altri militanti il ​​7 ottobre nel sud di Israele che ha ucciso circa 1.200 persone e preso circa 250 ostaggi. Israele ha poi lanciato una campagna militare contro Hamas, che è al potere a Gaza dal 2007.

Fuga da Rafah / Foto EPA-EFE/MOHAMMED SABRE

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, almeno 34.049 palestinesi sono stati uccisi nella guerra. Israele incolpa Hamas per le vittime civili perché combatte in aree residenziali densamente popolate, ma l’esercito israeliano ha fatto pochi commenti sui suoi attacchi, che spesso uccidono donne e bambini.

L'esercito israeliano sostiene di aver ucciso più di 13.000 combattenti di Hamas, ma finora non ha fornito prove in merito, riferisce l'agenzia AP.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno