In Croazia si sta creando un clima di odio contro i serbi, dice Dacic, che ha inviato una nota di protesta al vicino

Ivica Dacic / Foto: EPA-EFE/ROMAN PILIPEY

Le dichiarazioni del capo della diplomazia croata Gordan Grlic Radman che "Vucic può essere una Trabant e un satellite della Russia, ma non sarà consentita l'influenza dei russi o altre influenze maligne che potrebbero disturbare la stabilità dei Balcani occidentali" ha provocato una reazione al capo di stato della Serbia, dopo di che Il ministro degli Esteri serbo Ivica Oggi Dacic ha condannato fermamente la "dichiarazione vergognosa" di Grlic Radman e ha annunciato una nota di protesta del Ministero degli affari esteri della Serbia alla Croazia, ha riferito il corrispondente del MIA da Belgrado.

"Da anni in Croazia si crea sistematicamente un clima di odio verso la Serbia e il popolo serbo. Un esempio di questo tipo è la dichiarazione del ministro degli Esteri croato Grlic Radman, che attacca la Serbia e il presidente Aleksandar Vucic. Nessuno ha il diritto, men che meno la Croazia, di condividere lezioni e di interferire brutalmente negli affari interni della Serbia. "La Serbia è un paese che conduce una politica estera sovrana e indipendente, che è solo nell'interesse dei suoi cittadini e del popolo", ha dichiarato Dacic nella dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri.

Sottolineando che "Serbia e Vucic non sono pedine di nessuno", Dacic ha detto che "il ministro croato non ha imparato la lezione della storia, quindi dimentica, o vorrebbe dimenticare, che la Croazia è stata la pedina più fedele dell'Austria-Ungheria e della Germania nazista , con lo Stato Indipendente di Croazia (NDH), che combatté anche dopo il suicidio di Hitler, fino al 15 maggio, sei giorni dopo la capitolazione della Germania."

– Erano come Trabant, nazisti più grandi dei nazisti. Noi siamo servitori soltanto della Serbia e dei nostri cittadini, ha scritto Dacic.

Alla dichiarazione ha reagito anche il presidente serbo Aleksandar Vucic, il quale ieri sera ha sottolineato che "il ministro croato degli affari esteri non solo interferisce negli affari interni della Serbia, ma insulta anche il popolo serbo e minaccia i cittadini serbi".

- Il ministro croato non solo si intromette brutalmente negli affari interni della Serbia, ma come al solito mente, insulta il popolo serbo e minaccia i cittadini serbi. Grlić-Radman ha ragione su una cosa, forse sono la Trabant di qualcuno, forse un Wartburg, forse anche un Fico, ma non sono mai stato servitore e servitore di nessuno, cosa che non si può dire di Grlić-Radman. Se non vado troppo indietro nel tempo, sarà troppo doloroso, ha scritto Vucic sull'account Instagram di buducnostsrbijeav.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno