VMRO-DPMNE non accetta che i bulgari entrino nella Costituzione prima dell'inizio dei negoziati dell'UE

Il Vice Presidente di VMRO-DPMNE, Aleksandar Nikoloski Stasera, nella rivista di dibattito "Click Plus" di TV21, ha annunciato che il suo partito non sosterrà l'apertura della Costituzione, così che i bulgari vi siano inclusi, obbligo assunto dalla parte macedone nei negoziati con la Bulgaria .

"Non voteremo e non sosterremo", ha detto Nikolovski, dicendo che il governo aveva già accettato questa condizione nell'ultima proposta della presidenza francese, arrivata oggi a Skopje. Per cambiare la costituzione è necessaria una maggioranza di due terzi in parlamento.

"La richiesta di inclusione dei bulgari nella Costituzione in passato è stata posta come l'unica e ultima richiesta della Bulgaria. Ora vediamo che questa è una di una serie di richieste dei bulgari, che la Bulgaria è andata alla sua posizione estrema, che siamo tenuti a fare, prima dell'inizio dei negoziati, senza alcuna garanzia che non otterremo 20 veti durante il negoziati e mai "Li abbiamo finiti", ha detto Nikolovski.

Video del giorno