VIDEO | Centinaia di persone sono rimaste sepolte sottoterra in Papua Nuova Guinea

Papua Nuova Guinea / Foto RUOLO EPA-EFE/NINGA

I servizi di emergenza stanno cercando di raggiungere i villaggi colpiti da una massiccia frana nell'isolata provincia di Enga in Papua Nuova Guinea, dove si teme che centinaia e forse migliaia di persone siano morte.

Una squadra d'intervento composta da personale medico e militare è riuscita a raggiungere il luogo isolato della frana, ha riferito sabato la BBC l'agenzia umanitaria Care Australia.

Ma il terreno difficile e i danni alle strade principali hanno ostacolato gli sforzi di salvataggio, con l’accesso all’autostrada bloccato e l’area accessibile solo in elicottero.

La frana ha sepolto centinaia di case sulle montagne Enga, nel nord della nazione insulare del Pacifico sud-occidentale. Per ora non è noto quante persone siano rimaste sepolte sotto i detriti della frana avvenuta.

Care Australia ha affermato che 60 case sono state distrutte e "tutti i membri di quelle famiglie sono attualmente dispersi".

Nella zona dove si è verificata la frana vivono quasi 4.000mila persone.

Ma l’agenzia avverte che il numero delle persone colpite “probabilmente sarà più alto” a causa dell’afflusso di persone in fuga dal conflitto nelle aree vicine.

Amos Akem, deputato della provincia di Enga, ha dichiarato al quotidiano Guardian che, sulla base dei rapporti sul campo, "più di 300 persone e 1.182 case sono state sepolte nella frana".

Ha detto che gli sforzi di salvataggio sono stati ostacolati da una strada bloccata che collega il villaggio colpito di Yambali alla capitale.

C'è solo un'autostrada per la provincia di Enga. La frana ha creato una frana profonda fino a 8 metri e ha coperto più di 200 chilometri quadrati di terreno, "compresi 150 metri dell'autostrada principale nella provincia di Enga", secondo Care Australia.

Il funzionario delle Nazioni Unite Serhan Aktoprak ha detto all'agenzia di stampa AP che la zona è stata colpita da una frana grande quanto tre o quattro campi da calcio.

Alcune case del villaggio sono state risparmiate, ha detto Aktoprak, ma “data l’entità del disastro”, il bilancio delle vittime potrebbe essere superiore a 100.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno