VIDEO | Shurbe: Il programma del 21° OFF Fest è una serie di esempi musicali interessanti ed emozionanti provenienti da tutto il mondo

Kostadin Surbanovski Shurbe
Kostadin Surbanovski Shurbe / Foto: Free Press

La 21a edizione di OFF-Fest 2022 inizia il XNUMX giugno e si terrà al National Opera and Ballet e al MKC. I biglietti sono in vendita e possono essere acquistati online e presso le biglietterie.

- Stiamo tornando dopo un turno di due anni rispetto al normale mandato a causa della pandemia e di altri motivi. Gli artisti sono fantastici. Dal Mali, Brasile, Colombia, Italia, Ghana, Capo Verde. Abbiamo artisti esotici e OFF Fest è sempre un ristoro per chi vuole ascoltare qualcosa di diverso dagli altri paesi e viverlo nel modo giusto dal vivo ad un concerto. Caratteristico questa volta è il documentario che parla della rumba congolese che ha ricevuto numerosi riconoscimenti, e l'esclusività è il vincitore del festival dal Mali, afferma Kostadin Surbanovski Shurbe.

Il XNUMX giugno, l'OFF Fest inizia con una serata macedone con l'eccezionale gruppo etnico macedone Perija, così come il magistrale duo tandem Dobrila & Dorian, con un concerto in anteprima casalingo del capolavoro musicale, l'album "Apocrypha".

La seconda notte, il pubblico può godersi i suoni della crosta africana attraverso la maestria di Balake Sissoko dal Mali, e poi l'esibizione del chitarrista e compositore Lucas Santana, uno degli attori chiave e più in voga della new wave brasiliana.

La terza notte del festival (3 giugno) è riservata ai fuochi d'artificio di musica elettro-psichedelica dei grandi maestri tropicali colombiani Los Piranas. Questa performance sarà preceduta dalla proiezione del sensazionale dell'anno scorso: il documentario "The Rumba Kings", dedicato alla rumba congolese.

L'ultima notte del festival, il 4 giugno, si esibisce la cantante italiana Maria Mazzota, seguita da Nancy Vieira di Capo Verde e dal collettivo Santrofi dal Ghana.

- Il programma è progettato per essere colorato e copre diversi continenti, paesi e generi, una gamma di esempi musicali interessanti ed emozionanti da tutto il mondo. Il poster è opera del nostro eminente designer Zoran Kardula. L'idea è di presentare musica che la gente non ha mai ascoltato nel nostro paese. "Vogliamo sorprendere il pubblico. Vogliamo portare a Skopje un artista conosciuto e riconosciuto nel mondo, ma per ragioni ben note raramente riusciamo a rompere quella musica ed è per questo che siamo qui", dice Surbanovski durante l'apparizione come ospite al briefing di Utrinski.

Guarda l'intera conversazione nel video:

 

 

Video del giorno