VIDEO: Steinmeier è stato accolto a Skopje con le più alte onorificenze statali e militari

Il presidente tedesco Steinmeier è arrivato a Skopje/Foto: gabinetto PRSM

Oggi, nel corso di una cerimonia con le più alte onorificenze statali e militari, il Presidente Stevo Pendarovski ha dato il benvenuto al Presidente della Repubblica Federale Tedesca, Frank-Walter Steinmeier, in visita ufficiale nella Repubblica di Macedonia del Nord.

Il Presidente Pendarovski e il Presidente Steinmeier hanno tenuto un incontro faccia a faccia, seguito da una riunione plenaria delle due delegazioni. Al centro dei colloqui ci sono le relazioni bilaterali generali tra la Macedonia del Nord e la Germania, il partenariato nell'Alleanza della NATO e la guerra in Ucraina, l'andamento dei negoziati di adesione e la prospettiva europea della Macedonia del Nord, nonché le possibilità di rafforzare la cooperazione economica mitigare le conseguenze della crisi energetica.

Il presidente Pendarovski ha sottolineato che la visita del presidente tedesco in condizioni di mutata geopolitica, minacce alla sicurezza e sfide energetiche nel continente europeo, è una conferma della nostra amicizia e della ferma disponibilità della Germania a sostenere la nostra regione. Ha sottolineato che la Macedonia del Nord apprezza molto l'impegno della Germania nel processo dell'agenda europea di integrazione, sviluppo e riforma della Macedonia del Nord, e in particolare il suo ruolo costruttivo nel processo di Berlino.

Dopo la riunione plenaria delle delegazioni, il Presidente Pendarovski e il Presidente Steinmeier terranno una conferenza stampa congiunta.

La mia visita nella regione intende segnalare che i Balcani occidentali non sono in alcun modo dimenticati. Quando verranno compiuti i progressi necessari a livello nazionale, il percorso verso l'adesione all'UE diventerà più sicuro, afferma il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier.

- Il mio viaggio mira a segnalare che abbiamo avuto dibattiti con colleghi dei Balcani occidentali, che hanno espresso le loro preoccupazioni, che il desiderio dell'Ucraina di avvicinarsi ed entrare nell'UE potrebbe essere trattato in modo diverso, sarà accelerato, a differenza delle candidature dei paesi dei Balcani occidentali . Capisco quell'impazienza, ma come molti altri, voglio anche assicurare che i Balcani occidentali non vengano comunque dimenticati. E il viaggio nei due paesi, Macedonia del Nord e Albania, è in funzione di quel messaggio per la regione, dice in un'intervista a Deutsche Welle.

Riguardo al fatto che i Paesi della regione stiano fissando l'anno 2030 come quadro per l'ingresso nell'Ue, il capo dello Stato tedesco afferma di rimanere dell'opinione che esso dipenda dalla disponibilità delle riforme interne negli Stati e dalla disponibilità ad attuare tali riforme.

-Ancora oggi si può ragionare diversamente nei confronti dei Paesi dei Balcani occidentali, come la Macedonia del Nord e l'Albania, che hanno compiuto passi avanti decisivi. Aumenta la fiducia dei paesi e mostra agli altri nella regione dei Balcani occidentali che questo passo sta dando i suoi frutti. E poi, non dobbiamo dimenticare che al di là della questione dell'adesione in senso stretto, si fanno passi avanti anche su quella strada, dice il presidente tedesco.

Ricorda che il processo per i Balcani occidentali è iniziato a Berlino molti anni fa.

- All'inizio è stato difficile, come ricordo. Ma quando penso all'ultimo vertice, penso che viaggiare con la carta d'identità, il reciproco riconoscimento dei titoli scolastici e universitari, la volontà dell'UE di aiutare con i problemi energetici, sia un progresso significativo. A questo proposito, capisco l'impazienza, senza dubbio. Ma non siamo nella fase in cui scoraggeremmo nessuno. E questo non è certo a causa dell'Ucraina, perché stiamo tutti prestando attenzione ai Balcani occidentali, ma stiamo anche seguendo la Macedonia del Nord e l'Albania, dove ci sono progressi, afferma Steinmeier, che è in visita ufficiale di due giorni in questo paese nazione.

La visita di un presidente tedesco è sempre un evento importante, anche quando si tratta dei più grandi Paesi del mondo, e non quando si tratta di un piccolo Paese europeo come il nostro. Anche se certamente non vorrebbe parlarne molto, devo ricordare che il presidente Steinmeier ha svolto un ruolo significativo negli sforzi per superare il blocco bulgaro della nostra integrazione europea, afferma il presidente Stevo Pendarovski per DV, che oggi e domani è l'ospite di il suo collega tedesco Frank-Walter Steinmeier.

- L'autorità personale e l'integrità dell'attuale presidente tedesco è un grande valore aggiunto, perché, indiscutibilmente, è una delle più grandi autorità politiche del mondo nell'ultimo decennio. La mia prima visita bilaterale da Presidente è stata proprio a Berlino e da allora ho avuto l'onore di incontrare il Sig. Steinmeier in diverse occasioni, durante le quali abbiamo costruito rapporti personali di reciproca fiducia e rispetto. Anche se certamente non vorrebbe parlarne molto, devo menzionare che il presidente Steinmeier ha svolto un ruolo significativo negli sforzi per superare il blocco bulgaro delle nostre integrazioni europee, afferma Pendarovski.

Sottolinea che il presidente Steinmeier ha un background e un'esperienza invidiabili nel campo della diplomazia e della sicurezza, ed è anche uno dei migliori esperti della nostra regione. Quindi, sicuramente, dice, avrà qualcosa da dire su come controllare meglio le tensioni che sorgono di volta in volta e possibilmente avvicinarsi a soluzioni sostenibili alle numerose questioni aperte che esistono nei Balcani occidentali.

Afferma che il prossimo anno la Macedonia del Nord e la Germania celebreranno i 30 anni dall'instaurazione delle relazioni diplomatiche (16.12.1993), e durante tutto questo periodo Berlino ha dato un contributo significativo alla stabilizzazione dell'economia macedone.

- Qualsiasi analisi obiettiva mostrerà che - se gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sono stati attori esterni chiave, che nei primi anni '90 ci hanno aiutato a stabilire il giovane stato macedone nel quadro internazionale, la Germania, senza dubbio, ha contribuito maggiormente alla stabilizzazione dell'economia e il tenore di vita dei cittadini. Bastano pochi dati a sostegno di questa tesi: la Germania è da anni il nostro primo partner commerciale, il 45% delle nostre esportazioni è collocato in Germania e 200 aziende a capitale tedesco danno lavoro a circa 15.000 cittadini macedoni, sottolinea il presidente Pendarovski.

Il presidente tedesco Steinmeier sarà accolto oggi a Villa Vodno con le più alte onorificenze statali e militari, seguito da un faccia a faccia dei due presidenti e da una riunione plenaria delle delegazioni della Macedonia del Nord e della Germania. Steinmeier parlerà anche al Parlamento, e nel pomeriggio è previsto l'incontro con il Primo Ministro Dimitar Kovacevski al Governo.

Nell'ambito della visita di due giorni, nella chiesa "S. Spas" a Skopje, Steinmeier e Pendarovski deporranno ghirlande sulla tomba di Gotse Delchev.

Questa è la prima visita del presidente federale Steinmeier nella Repubblica della Macedonia del Nord.

Dopo la Macedonia del Nord, Steinmeier parte per visitare la vicina Albania.

 

Video del giorno