VIDEO | Molestie sessuali: i professori dell'UKIM hanno chiamato le studentesse "oro", "bambola" e "gattino"

Conferenza stampa degli studenti UKIM / Foto: Free Press - Viktor Vukanovski

Le molestie sessuali non sono un fenomeno raro, ma la delicatezza dell'argomento, il basso livello di consapevolezza e la normalizzazione del problema fanno delle molestie sessuali un argomento tabù la cui soluzione non è sufficientemente disponibile.

Le molestie sessuali, definite come attenzioni indesiderate, fisiche o verbali, su donne e uomini si riscontrano in tutte le sfere della società, comprese le università.

Sono stati presentati oggi nell'hub IT di Netavil a Skopje i risultati della ricerca - "La percezione e l'esperienza degli studenti dell'UKIM con le molestie sessuali". Secondo le risposte, il 21.3% degli studenti ha dichiarato di trovarsi in una situazione in cui un professore si rivolgeva loro con un soprannome, come: "ragazza", "oro", "bambola", "gattino".

Alcuni degli studenti hanno assistito alla condivisione di barzellette sessuali o battute basate su stereotipi di genere da parte di un professore e il 15,6% degli studenti ha ricevuto un commento sul proprio aspetto fisico, dopodiché si sono sentiti a disagio e sessualizzati. Un quarto degli intervistati non era a conoscenza del fatto che si fossero verificate molestie sessuali e persino la metà di loro ritiene che l'UKIM non protegga gli studenti da esse. Un quinto degli intervistati ha risposto che sono necessarie sanzioni per gli autori di molestie sessuali, come mostra questa ricerca.

Altrimenti, la ricerca è stata condotta dagli studenti di International Intercultural Studies in collaborazione con l'associazione Youth Peace Hub e la Friedrich Ebert Foundation - Skopje.

Il sondaggio include oltre 300 studenti delle facoltà dell'UKIM, nonché le percezioni dei professori dell'UKIM.

Principali risultati della ricerca:

1. Uno studente su cinque (21.3%) si trovava in una situazione in cui il professore si rivolgeva a loro con un soprannome, come: "ragazza", "oro", "bambola", "gattino";

2. Ben il 47.8% degli studenti ha risposto di trovarsi in una situazione in cui barzellette a sfondo sessuale o basate su stereotipi di genere venivano raccontate da un collega;

3. Uno studente su quattro (26.2%) ha assistito alla condivisione di barzellette sessuali o battute basate su stereotipi di genere da parte di un professore;

4. Il 15.6% degli studenti ha ricevuto un commento sul proprio aspetto fisico, dopodiché si è sentito a disagio e sessualizzato;

5. Ben l'88.5% degli studenti intervistati non sa dove denunciare le molestie sessuali avvenute all'UKIM, e circa uno studente su cinque (18.44%) non ha denunciato le molestie sessuali perché non sapeva dove denunciarle;

6. Solo il 4.6% degli studenti ha risposto di aver denunciato o di conoscere qualcuno che ha denunciato molestie sessuali;

7. Per quanto riguarda l'azione intrapresa dall'ente in caso di molestie sessuali, solo in un caso il convenuto ha espresso motivazione positiva in giudizio;

8. Più della metà (51.8%) degli studenti ha risposto che UKIM "non protegge" e "non protegge" gli studenti dalle molestie sessuali;

9. Ben il 56.78% delle studentesse ritiene che l'UKIM non offra alcuna protezione dalle molestie sessuali, rispetto al 33.33% degli studenti maschi;

10. 1/5 degli studenti (21.9%) ha risposto che sono necessarie sanzioni per gli autori di molestie sessuali.

Guarda le dichiarazioni degli studenti nel seguente video:

Video del giorno