VIDEO | prof. Dr. Spasov: Lo stato guida la politica linguistica, le cattedre sono ponti di amicizia non di divisione

prof. Dr. Lyudmil Spasov / Foto: Free Press

La disputa con la Bulgaria risale alla fine del XIX secolo. Dal momento in cui il pensiero nazionale macedone si separa, nello sviluppo del desiderio di formare uno stato e una lingua macedone standard. Poi ci sono le resistenze nell'ambiente bulgaro, che a quel tempo non era un vero paese, come lo è adesso, ha detto in un briefing mattutino il professore universitario, il dottor Lyudmil Spasov.

Il professore aggiunge che tutto questo si è intensificato dopo la seconda guerra mondiale, cioè dopo il tentativo di Tito e Dimitrov di unire la Macedonia Pirin con la Macedonia Vardar. Dopo il fallimento di quel tentativo, quella politica della "Dimitrovska" cade in acqua.

- Uno dei grandi attentati è del 1977 quando pubblicarono un opuscolo che diceva che non esiste una lingua macedone, aggiunge il prof. Spasov.

Ha fatto riferimento alla storia delle cattedre nell'ex Jugoslavia quando ce n'erano molte di più, e oggi molto meno del necessario:

- Ciò che sta accadendo ora con la Bulgaria, così come il riconoscimento della Chiesa come un passo positivo e altri, solleva il problema dell'apertura dei lettori, ad esempio in Germania. Ne avevamo quattro lì, ora non ne abbiamo. Spero che si risolva, il problema è delicato. Un docente dovrebbe essere aperto in Turchia, ad Ankara, perché si dovrebbe prima comunicare con uno stato, e poi all'università. Abbiamo molto poco nei paesi dell'UE. Lo stato guida la politica linguistica, le cattedre sono ponti di amicizia, non di divisione, pensa il prof. Spasov.

Su come lo stato dovrebbe affrontare gli atteggiamenti negativi e le pressioni della Bulgaria, Spasov riassume:

- Con tanto lavoro, lavoro, affermazione della sua scienza e contatti personali di professori di diverse università ed esiste già, afferma il prof. Spasov.

Guarda l'intera conversazione nel video:

 

Video del giorno