VIDEO | Jovanovski su Arsovska: Qualcuno ha una mente corta e una lingua lunga

Lenin Jovanovski ha acquistato un biglietto dell'autobus JSP e non ha ricevuto una ricevuta fiscale/Foto: Facebook/Screenshot

Una volta sindaco Danela Arsovska accusarono i vettori privati ​​di non aver mostrato la vendita dei biglietti per cinque anni e di non disporre di dispositivi fiscali, e per questo avevano commesso un grave reato, risposero che era una bugia perché nei veicoli di ""Sloboda Verosov" e "Makeskpress" i biglietti non sono venduti, ma negli autobus di JSP "Skopje".

Il primo uomo di "Sloboda Verosov", Lenin Jovanovski, ha fatto un ulteriore passo avanti e ha mostrato con una registrazione video com'è la vendita dei biglietti sugli autobus JSP.

Dicono che le bugie hanno le gambe corte, ma io dico che qualcuno ha una mente corta e una lingua lunga. Registrazione video in un autobus JSP in cui non è presente alcun dispositivo fiscale e l'autista mi ha venduto un biglietto in contanti senza rilasciarmi una ricevuta fiscale. Questa cosa è una pratica in ogni autobus JSP, dove i conducenti sono costretti dal direttore JSP a fare questa vendita illegale proprio in questo modo. E tutti i gatti, di cosa stiamo parlando? IL LADRO HA GRIDATO AD ALTA FORTE TIENI IL LADRO !!! - ha scritto Jovanovski su Facebook, spiegando il video.

Video del giorno