INTERVISTA VIDEO | Jovanovski: Viviamo in un paese che ha il sole sulla bandiera, finora ogni tetto avrebbe dovuto avere un pannello solare

Gorjan Jovanovski, consigliere di Green Humane City/Foto: Sloboden Pechat / Dragan Mitreski

Domani alle 11:100 verranno piantati XNUMX nuovi alberi a Kisela Voda, nel parco dietro l'edificio Flat Iron nell'ambito dell'iniziativa regionale europea "Albero dell'amicizia" e lo stesso giorno inizierà l'azione di piantumazione degli alberi e alle stesso tempo in diverse capitali, annuncia l'ecoattivista Gorjan Jovanovski nel programma "Utrinski Pechat", sottolineando che si tratta di un modesto contributo all'inverdimento delle giungle di cemento delle nostre capitali, perché il verde risolve gran parte dei problemi di aria pulita, un ambiente meraviglioso, biodiversità e temperature più basse in estate.

L'inquinamento rimane il problema più acuto, soprattutto nei mesi invernali, quindi l'iniziativa congiunta Green Humane City, che partecipa con due consiglieri al Consiglio della Città di Skopje, interviene costantemente e offre soluzioni.

- Ho molta paura di usare l'olio combustibile in una bacinella. Quest'inverno verrà bruciato anche il legno, l'industria lavora su fonti energetiche inquinanti. Questi problemi avrebbero dovuto essere risolti in tempo. Ormai ogni tetto dovrebbe avere un pannello solare. Bene, viviamo in un paese che ha il sole sulla sua bandiera, perché non prendere quei raggi di sole che sono già qui, invece di friggere le nostre case e riscaldarci, e possiamo raccogliere quell'energia e usarla come energia per riscaldare la casa, per lavoro nell'industria, ecc. Se quella parte fosse stata pianificata, a quest'ora avremmo avuto energia. Energia solare che abbiamo a disposizione. Skopje è in una valle e stiamo vivendo un fenomeno naturale chiamato inversione di temperatura. Aria calda sotto, fredda sopra e otteniamo quella casseruola di inquinamento vista da Vodnao che sovrasta la città. Dobbiamo adattare il nostro stile di vita, dislocare tutti gli inquinanti dalla città e per le famiglie passare a qualcosa che non inquinerà: l'energia solare, il teleriscaldamento la cui rete non è estesa. Ci sono piani, ma non c'è modo di iniziare con il piano, dice Gorjan Jovanovski, che è un consigliere del Consiglio della città di Skopje dell'iniziativa Green Human City.

Con lui abbiamo parlato anche di discariche abusive, di multe che nessuno può scrivere, di ispettori comunali che lavorano fino alle 15 anziché 24 ore per individuare e punire i veri inquinatori, di attivismo civile, dei litigi della sindaca Arsovska con il presidente del il Consiglio Trajko Slaveski nonché il pressante problema con i trasporti pubblici nella città di Skopje e la protesta degli operatori di autobus privati.

- Stiamo ancora raccogliendo informazioni. Da un lato, ci sono accuse secondo cui i biglietti sono stati addebitati ma non fatturati e, dall'altro, ci sono state accuse secondo cui qualcosa non è stato pagato in tempo e, secondo i rapporti finanziari, si può vedere che lo è stato. Inoltre, se l'anno è iniziato senza debiti verso i vettori privati ​​e secondo i nostri calcoli, è stato pagato oltre il 90 percento dell'importo dovuto ai vettori privati. Quindi ci sono problemi da entrambe le parti, ma alla fine, quando diverse entità discutono su un argomento che è principalmente politico, soffriamo come cittadini, dice Jovanovski e aggiunge che i consiglieri di ZHG hanno chiesto informazioni dirette a JSP per la situazione reale è stata stabilita.

A Green Humane City prevede che a Skopje venga finalmente allestito un impianto di compostaggio per i rifiuti organici e che i cittadini di Skopje inizino a smistare i rifiuti, che venga istituita una rete cittadina per i sensori di inquinamento in modo che la fonte dell'inquinamento possa essere localizzata esattamente .

Guarda l'intera conversazione con Gorjan Jovanovski di Zelen Human Grad nel video:

Video del giorno