VIDEOINTERVISTA | Damevski: Scientology è una religione per comprendere il nostro spirito, l'universo e, in definitiva, Dio

Moni Damevski/Foto: Facebook

Stampa libera a sostegno delle comunità religiose in Macedonia. Che tu creda in te stesso o in Dio, Allah, nel Figlio e nello Spirito Santo, che tu sia guidato dal Corano, dalla Bibbia o dalle Sacre Scritture, alla fine sei pur sempre un essere umano, che fa parte di una comunità. Ortodosso, musulmano, scientologist, Bektesh, derviscio, evangelico, cattolico o giudaista. Tutti dovrebbero costruire la convivenza insieme e comprendersi e accettarsi a vicenda. "Free Press" cercherà di rispondere alle domande su chi celebra Dio, chi celebra cosa, in cosa crede, come segue la sua fede, conoscendo le religioni. L'obiettivo è conoscere noi stessi, ma anche il vicino, l'amico, il conoscente che fa parte di un'altra comunità religiosa o chiesa. Attraverso una serie di dieci episodi, speriamo di contribuire a conoscerci meglio e a renderci conto che alla fine siamo tutti uguali.
Conosciamo Simeon Moni Damevski come direttore del festival "Manaki Brothers", ma pochi sanno che è un seguace della religione di Scientology e il primo a portare questa religione in Macedonia trent'anni fa. Per Stampa libera dice di aver conosciuto Scientology come comunità religiosa in America.

- Come ogni giovane a quel tempo, avevo dei disordini. La nostra professione è molto emozionante, all'università abbiamo ascoltato ogni tipo di informazione, abbiamo avuto a che fare con sentimenti interiori forti e che possono irritare, destabilizzare. Poiché ero così preoccupato che qualcosa non andasse in me, ho iniziato a cercare una soluzione all'instabilità. Così, quando andai a studiare in America per migliorarmi come attore, mi capitò tra le mani il libro "Dianetics". Già dopo le prime pagine mi sono reso conto che non ho un problema serio e che esiste una soluzione. Ma quando ho capito che si trattava di una chiesa, sono rimasto un po' scioccato, perché sono cresciuto in tempi socialisti - dice Damevski.

Ma poi ho scoperto che la religione di Scientology non riguarda Dio. Credere in Dio è un tuo diritto personale. Che sia per te Allah, Dio con lo Spirito Santo o qualcos'altro, sono affari tuoi.

- Scientology tratta l'uomo come essere spirituale. È una religione che offre un percorso verso una comprensione completa della nostra natura spirituale e del nostro rapporto con noi stessi, con le altre persone, con tutti gli esseri viventi, con l'universo materiale e spirituale e con Dio. In effetti, ho iniziato a sentire e comprendere la spiritualità con Scientology. Ma non è dogmatico. Non sei obbligato ad accettare nessuno dei principi che studi se non sono veri per te. Ho studiato dapprima corsi sulle cause dell'instabilità e della comunicazione. Con loro ho calmato l’instabilità. Ma sono diventato seguace di Scientology solo nel 1992, pochi anni dopo il mio primo incontro con "Dianetics", perché già allora avevo benefici visibili nella mia vita dall'applicazione di ciò che stavo imparando. Ne ho verificato personalmente la veridicità. Poiché volevo condividerlo con gli altri, nel 1996 sono diventato ancora più attivo - dice Damevski.

Dice di aver portato Scientology nel paese.

- Mi hanno chiamato in televisione, nei media, e quando ho iniziato a parlare delle mie esperienze, l'argomento è diventato di attualità e la gente ha iniziato a chiedermi dove venire. Poiché non sono un rappresentante ufficiale della Chiesa e a quel tempo non esisteva alcuna organizzazione ecclesiale in Macedonia, ho chiesto aiuto alla Grecia e all'America. È così che si è formata la prima organizzazione di Scientology nel nostro paese. È relativamente piccolo, ma da allora molte persone ci sono passate.

Dice che la chiesa è composta da volontari e sacerdoti formati. Alcuni di loro sono supervisori del corso, altri sono specialisti nell'erogazione di precise procedure attraverso le quali si accresce la consapevolezza spirituale e le capacità dell'individuo. La domenica teniamo un servizio in cui leggiamo brani tratti dalle opere del fondatore Ron Hubbard, sui principi della nostra religione.

- Nella Chiesa di Scientology i seguaci fanno donazioni per i servizi che desiderano ricevere. Ci occupiamo anche di matrimoni, battesimi e funerali. Se vuoi un prete di Scientology verrà da te, ma puoi anche definirti un pop. Sono sposato all'anagrafe, ma anche il mio primo matrimonio è stato contratto in una chiesa di Scientology. E abbiamo anche le nostre vacanze. Il 9 maggio celebriamo il Dianetics Day, il 13 marzo il compleanno di L. Ron Hubbard. In Macedonia si festeggia sia il Natale che il Capodanno. Anche a New York si addobba un albero di Natale. Ma ho amici che accendono candele anche durante le festività ebraiche. Ognuno è libero di coltivare le proprie tradizioni - dice Damevski.

Di seguito potete guardare l'intera intervista con Simeon Moni Damevski:

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno