VIDEOINTERVISTA | Agoli: Ho accettato la fede cattolica insieme al matrimonio

Maya Agoli/Foto: Free Press

Stampa libera a sostegno delle comunità religiose in Macedonia. Che tu creda in te stesso o in Dio, Allah, nel Figlio e nello Spirito Santo, che tu sia guidato dal Corano, dalla Bibbia o dalle Sacre Scritture, alla fine sei pur sempre un essere umano, che fa parte di una comunità. Ortodosso, musulmano, scientologist, Bektesh, derviscio, evangelico, cattolico o giudaista. Tutti dovrebbero costruire la convivenza insieme e comprendersi e accettarsi a vicenda. Stampa libera cercherà di conoscere le religioni, di rispondere a domande su chi glorifica Dio, chi celebra cosa, in cosa crede, come segue la fede. L'obiettivo è conoscere noi stessi, ma anche il vicino, l'amico, il conoscente che fa parte di un'altra comunità religiosa o chiesa. Attraverso una serie di dieci episodi, speriamo di contribuire a conoscerci meglio e a renderci conto che alla fine siamo tutti uguali.

Maya Agoli è cattolica da quando si è sposata. Nata credente ortodossa, si sposa con una famiglia cattolica, ma suo suocero appartiene alla comunità musulmana. Accetta entrambe le fedi, ma diventa cattolica perché più vicina alla sua fede, viene battezzata in una chiesa.

- Durante il matrimonio stesso, con il cognome che mi piaceva molto, ho accettato anche la fede. Ci sono tre religioni nella nostra famiglia. Ero ortodosso, ma accettavo sia il cattolico che il musulmano. Rispetto anche la religione di mio suocero, è turco. Ma noi frequentavamo soprattutto la chiesa cristiano-cattolica, perché siamo stati battezzati in una chiesa - dice Agoli.

Maya Agoli/Foto: Free Press

Quando ha conosciuto suo marito, sapeva che proveniva da una famiglia in cui vengono rispettate entrambe le religioni, cattolica dalla suocera, croata, e musulmana dal suocero, turco.

- Ero in visita, ci siamo conosciuti e in breve tempo ci siamo sposati. Niente mi ha infastidito. Non ho avuto problemi con la famiglia, ognuno festeggia quello che vuole, festeggiamo il Natale, abbiamo festeggiato anche l'Eid, quindi non c'è stato nessun problema. Il suocero era un uomo di cultura, la suocera è croata, qui non c'erano problemi. I miei figli sono battezzati, due sono nella Chiesa ortodossa, il mio più giovane è nella Chiesa cattolica. Ebbene, non ci siano divisioni - dice Agoli.

Quando ha iniziato ad andare in una chiesa cattolica, si è resa conto che in loro, avvicinandosi a Cristo, e le vacanze non sono quasi diverse dalla chiesa ortodossa.

- Non c'è differenza, con i bambini sono diversi, vogliono andare avanti. Quello che mi è piaciuto è che c'era un'educazione religiosa per i bambini, imparavano le lingue straniere, penso che sia stato un grande atto, stava arrivando il Papa... Il XNUMX gennaio celebriamo il Natale ortodosso nella chiesa cattolica. Proprio come nella chiesa ortodossa, le preghiere sono le stesse, l'unica differenza è nella messa della chiesa cattolica, e nella chiesa ortodossa il sacerdote celebrava il servizio. Il modo di pregare è diverso, perché nella chiesa ortodossa stiamo tutti in piedi, mentre nella chiesa cattolica ci sono panche e sedie. E nella Chiesa cattolica il Natale, la Pasqua e la S. Nikola, digiuniamo anche a Natale e Pasqua - dice Agoli.

Mentre i suoi figli erano più piccoli, lei era più attiva nella comunità cattolica. I suoi figli celebrano sia gli ortodossi che i cattolici. Alla vigilia di Natale non si accende il fuoco come nella chiesa ortodossa.

- Tutte le fedi hanno la propria bellezza, ogni credente non deve condividere la fede perché ogni fede ha la propria bellezza - dice Agoli.

Guarda qui sotto l'intera intervista della collega Agnesa Chavoli:

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno