VIDEO: Un interessante documentario rivela perché i serbi adorano Putin

Documentario sul villaggio serbo di Putinovo e sulle relazioni serbo-russe/Foto: Screenshot/H1

Il documentario "Prijatelka" sui rapporti tra Serbia e Russia, scritto dal giornalista Adam Santovac, è stato trasmesso dalla televisione di Belgrado N1.

L'argomento non potrebbe essere più attuale considerando che la Serbia, insieme alla Bielorussia, è l'unico Paese europeo che non ha imposto sanzioni alla Russia a causa della sua aggressione contro l'Ucraina.

"Cosa si nasconde dietro l'amore dei cittadini serbi verso la Russia?" Cuore o mente, mito o realtà? La Russia è amica e fratello della Serbia o i due paesi sono solo partner? Il film documentario "Amico" analizza le relazioni tra Serbia e Russia dall'istituzione ufficiale delle relazioni diplomatiche nel XIX secolo", recita l'annuncio di questo film documentario.

A queste domande rispondono gli storici Slavenko Terzic, Slobodan Markovic, Milivoj Beshlin, Anja Vulic, l'archeologo Milos Jurisic, Rasha Nedeljkov, nonché gli abitanti di Putinov, un villaggio nel comune di Medvedja.

In che modo il villaggio nel sud della Serbia ha deciso di intitolarsi a Vladimir Putin?

All'inizio del documentario, Santovac si reca a Putinovo, nel sud della Serbia, che fino al 2014 si chiamava Adzinci.

"Dal momento che quello di Putin è migliore, così sia. Perché... Pilgrim una volta veniva dall'Albania e minacciano di portarci via tutto", ha spiegato Milica Petrushić, una residente del villaggio, che dice di Putin che è un "grande sovrano".

Putinovo è in realtà un esempio paradigmatico di come le televisioni di regime in Serbia, attraverso le quali viene informata la maggioranza della popolazione, soprattutto gli anziani, siano riuscite a fare il lavaggio del cervello ai cittadini serbi nella loro campagna per glorificare Vladimir Putin.

C'è anche un caffè chiamato Crimea a Putinovo, dove puoi vedere le foto del criminale di guerra Radovan Karadzic accanto a quelle di Putin.

"Innamorarsi di Putin è un'emozione che attanaglia il popolo serbo da almeno un decennio", afferma Santovac.

Il rapporto della Russia con la Serbia è definito in base agli interessi

La prima parte del documentario risponde alla domanda su come si è comportata la Russia sulla via dell'indipendenza della Serbia. Ad esempio, la Russia zarista inizialmente rifiutò di sostenere la prima rivolta serba contro gli ottomani, che trovò solidale solo quando in seguito entrò in guerra con lo stesso impero ottomano.

In altre parole, i rapporti tra Russia e Serbia sono stati definiti in base agli interessi fin dall'inizio, e non c'è grande amore da parte russa, e non manca da parte serba.

Nella seconda parte di "Amico", Santovac parla degli eventi che hanno plasmato le relazioni tra Serbia e Russia nel XX e XXI secolo.

Il ruolo della Russia in Kosovo

"Perché i due paesi non hanno 'parlato' tra le due guerre mondiali?" In che modo il rapporto tra Josip Broz Tito e i leader sovietici ha influenzato la percezione della Russia? Perché il cosiddetto governo democratico del 21° secolo ha incoraggiato il mito dell'amicizia? Come è culminata l'ossessione per la Russia durante il dominio dei progressisti e dei socialisti?” sono le domande a cui si offre risposta nella seconda parte del documentario.

Si ricorda inoltre che Putin una volta ha visitato più volte i soldati russi in Kosovo, che si è ritirato nel 2003, indebolendo la posizione della Serbia.

Ma in seguito la Serbia ha cominciato a dipendere dalla Russia quando si trattava di bloccare i progressi del Kosovo nelle istituzioni internazionali. Ecco perché oggi molti in Serbia, con il grande aiuto della propaganda televisiva, la considerano la protettrice del loro Paese.

I politici serbi hanno fatto di Putin una star

La parte più interessante di "Friend" è sicuramente l'analisi dell'amore dei serbi per Putin. La tesi di Santovac è che ai serbi in realtà piaccia Putin molto più della Russia.

Tra l'altro si vede come tutte le autorità serbe abbiano partecipato alla glorificazione di Putin, da quella di Vojislav Kostunica, passando per quella di Boris Tadic, fino all'attuale governo progressista. L'unica eccezione era Zoran Djindjic.

Sembra paradossale, ma sono stati i politici serbi a fare di Putin una star in Serbia negli ultimi vent'anni.

In ogni caso, "Friend" è un documentario degno di attenzione, che tratta il suo argomento in modo informativo e umoristico.

A proposito, Adam Santovac, autore di "Friend", è un giornalista serbo, nato nel 1988 a Kikinda. Dal 2014 al 2019 ha fatto parte del team televisivo H1. In cinque anni da reporter, ha pubblicato 910 rapporti, rapporti, analisi. È autore di nove documentari e vincitore di nove premi giornalistici.

Come borsista Fulbright, andrà negli Stati Uniti per gli studi post-laurea nel 2020. Alla New York University (NYU), sta completando un master in notizie e documentari.

Dal 2022 fa nuovamente parte del team N1 nella posizione di giornalista e produttore del programma documentario.

Video del giorno