VIDEO | I manifestanti assaltano il Festival di Cannes con enormi striscioni e fumogeni

manifestanti kan
Membri del movimento femminista "Les Colleuses" tengono uno striscione gigante con i nomi di 129 donne morte a causa di violenze domestiche all'ultimo Festival di Cannes / Foto: EPA-EFE / SEBASTIEN NOGIER

Domenica 22 maggio, un gruppo di manifestanti vestiti di nero è apparso sul tappeto rosso a Festival di Cannes portando un grande striscione con i nomi di 129 donne morte a causa di violenze domestiche in Francia dal festival precedente nel 2021, riportato dai media stranieri.

I manifestanti - membri del collettivo femminista noto come "Les colleuses", hanno anche fatto esplodere fumogeni neri mentre si trovavano sui gradini del tappeto rosso di fronte al "Palais des Festivals".

È successo tutto alla premiere del film "Holy Spider", un thriller poliziesco diretto da Ali Abbasi, che racconta la storia di un giornalista che indaga sugli omicidi in corso di prostitute in Iran. Il film è basato sul vero serial killer Said Hanai, che ha ammesso di aver ucciso 16 donne tra il 2000 e il 2001. Fu condannato a morte l'8 aprile 2002.

FOTO + VIDEO | Il manifestante scatena il caos sul tappeto rosso di Cannes: smetti di violentarci

Questa è la seconda volta al 75° Festival di Cannes di quest'anno che un manifestante è apparso sul tappeto rosso per protestare contro la violenza contro le donne. Venerdì 20 maggio, una donna è corsa in topless sul tappeto rosso con un messaggio "Smettila di stuprarci" scritto sul suo corpo accusando i soldati russi di aver violentato durante l'invasione dell'Ucraina.

Video del giorno