VIDEO | Andonovic: L'alleanza militare russa CSTO a un punto di svolta o sull'orlo della disintegrazione?

Stati membri della CSTO / Foto Anton Novoderezhkin / TASS / Profimedia

L'incontro dei capi e dei ministri degli affari esteri degli Stati membri della CSTO ha inviato chiari segnali sulla disfunzionalità e sulla possibile disintegrazione di questa alleanza militare russa.

La sera prima dell'incontro, Yerevan è stata presa da un'ondata di manifestazioni che chiedevano il ritiro dell'Armenia da questa alleanza e un importante sostegno all'Ucraina.

Hanno anche cantato contro Putin, che la folla ha definito un ladro e un assassino. Le proteste e gli assembramenti di cittadini sono continuati durante il giorno successivo. È stato persino organizzato un incontro davanti al consolato russo, dove i parenti hanno chiesto dei loro amici e parenti morti, nonché dei prigionieri del conflitto armeno-azerbaigiano, e una richiesta diretta è stata inviata al presidente della Federazione russa, Vladimir Putin.

La Russia, l'attore dominante nella CSTO, è stata a lungo il principale arbitro nel Caucaso meridionale, che confina con Turchia e Iran, e dove Armenia e Azerbaigian hanno combattuto due grandi guerre dal crollo dell'Unione Sovietica nel 1991.

L'atteggiamento nei confronti di Mosca è cambiato radicalmente da quando il Cremlino non ha fornito aiuti militari nei recenti scontri con il principale nemico dell'Armenia, l'Azerbaigian, che nell'ultimo conflitto si è quasi completamente impadronito del Nagorno-Karabakh, un territorio conteso sul quale è in corso un conflitto decennale tra questi due ex repubbliche sovietiche.

L'Armenia ha chiesto aiuto all'organizzazione a settembre, ma ha ricevuto solo la promessa di inviare osservatori. Pashinyan ha paragonato questo alla frettolosa decisione dell'alleanza di inviare truppe nel Kazakistan, membro della CSTO, per aiutare il presidente Kassim-Jomart Tokayev a sopravvivere a un'ondata di disordini.

Per questo motivo, il primo ministro armeno ha messo in dubbio l'efficacia dell'Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva a sei membri.

Sui social è apparso un video che mostra Pashinyan che interrompe bruscamente l'incontro, senza alcuna dichiarazione firmata, lasciando senza parole Putin e Lukashenko.

L'Organizzazione per la sicurezza collettiva CSTO è un'organizzazione internazionale regionale creata sul territorio dell'ex Unione Sovietica, che si basa sulla cooperazione militare e di sicurezza. Si tratta di un'area parzialmente rappresentata all'interno della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI). Oltre alla Shanghai Cooperation Organization (SCO), dove l'asse Pechino-Mosca, insieme ai paesi dell'Asia centrale dello spazio post-sovietico, sta costruendo un'alleanza di sicurezza di importanza eurasiatica, la CSTO rappresenta una più ristretta alleanza militare-di sicurezza di importanti paesi dello spazio post-sovietico.

I membri dell'Organizzazione per la sicurezza collettiva CSTO sono Russia, Bielorussia, Kazakistan, Armenia, Kirghizistan e Tagikistan.


I paesi osservatori sono l'Afghanistan e la Serbia, e nei negoziati per i futuri membri ci sono India, Egitto e Iran, con i quali hanno negoziato negli ultimi 8 anni.

Gli ex membri, cioè i paesi che hanno lasciato questa unione, sono l'Azerbaigian, la Georgia e l'Uzbekistan. Tutte e tre le ex repubbliche sovietiche hanno lasciato l'alleanza a causa della politica bellicosa di Mosca, principalmente nell'intervento militare in Georgia.

Ora la cosiddetta operazione militare speciale russa in Ucraina sta diventando il motivo principale per l'annuncio del Kazakistan e dell'Armenia di lasciare la CSTO, perché non sono d'accordo e non vogliono partecipare alle azioni militari che la Russia sta attualmente conducendo.

Video del giorno