VIDEO | Andonovic: Israele potrebbe ritardare, ma sicuramente realizzerà l'operazione a Rafah

L'offensiva militare israeliana sulla città palestinese meridionale di Rafah potrebbe essere "un po' ritardata" se si raggiungesse un accordo di cessate il fuoco tra Israele e Hamas.

Lo ha affermato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, secondo il quale, indipendentemente da quando inizierà l'offensiva, l'esercito israeliano avrà bisogno di diverse settimane per ottenere una vittoria completa su Hamas.

Netanyahu ha confermato alla CBS che sono in corso i colloqui per un cessate il fuoco di una settimana e per il rilascio degli ostaggi, senza fornire ulteriori dettagli.

I colloqui per una tregua temporanea sono proseguiti ieri a livello dei rappresentanti speciali di tutte le parti in conflitto, ha riferito la televisione statale egiziana Al Cairo.

Alla conclusione dell'accordo hanno partecipato l'Egitto, il Qatar e gli Stati Uniti, oltre ai rappresentanti di Israele.

Netanyahu ha annunciato questa settimana che proporrà al gabinetto militare di approvare i piani operativi, che includono l'evacuazione dei civili palestinesi da Rafah verso un'altra località della Striscia di Gaza.

"Quando inizierà l'operazione, la fase intensa dei combattimenti durerà settimane, non mesi. E se i negoziati fallissero, interverremo sicuramente perché i restanti sei battaglioni di Hamas sono concentrati a Rafah, ha detto Netanyahu.

Il presidente americano Joseph Biden non è stato informato dei piani di Netanyahu riguardo all'intervento a Rafah, secondo il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan.

"Crediamo che questa operazione non dovrebbe iniziare finché non vedremo un piano per proteggere i civili", ha detto Sullivan.

Il Ministero della Sanità di Hamas ha dichiarato oggi che 29.782 persone sono state uccise nella Striscia di Gaza dall’inizio delle operazioni militari israeliane come rappresaglia per gli attacchi degli estremisti palestinesi il 7 ottobre. Solo nelle ultime 24 ore sono morte 90 persone, afferma la stessa fonte.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno