VIDEO | Andonovic: Un errore o un tentativo fallito di Macron di assumere la leadership mondiale a sostegno dell’Ucraina?

Analisi con Andonović / Foto Sloboden pechat

Il presidente francese Emmanuel Macron vuole assumere la leadership globale negli aiuti occidentali all’Ucraina e aumentare il sostegno in calo a Kiev.

In questo tentativo incontra la resistenza dei politici francesi, scrive Politico.

Con la repressione russa delle forze ucraine sul campo di battaglia e l’incertezza su ulteriori aiuti militari occidentali, Macron ha affermato che è in gioco il futuro dell’Europa e ha affermato che non dovrebbe essere esclusa la possibilità che le nazioni europee inviino truppe in Ucraina nel prossimo futuro.

Mosca ha risposto prontamente a questo annuncio di Macron, ricordandogli che qualsiasi forza militare dei paesi occidentali che si troverà in Ucraina sarà considerata nemica della Russia, che agirà con mezzi militari.

La situazione sul fronte per il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj è mostruosa e catastrofica, e la dichiarazione del presidente francese Emmanuel Macron sulla possibilità di inviare truppe in Ucraina non li aiuterà, ha affermato la rappresentante del Ministero degli Affari Esteri russo, Maria Zakharova.

"Secondo Zakharova, le persone si rendono conto di essere state tradite e ingannate. E in questo contesto, è necessaria una dichiarazione brillante, dal loro punto di vista potente, che ispiri in qualche modo i membri delle forze armate ucraine e i cittadini ucraini che sono costretti a essere vittime, ad aiutarli all'estero, " dice Zakharova. aggiungendo che l'Ucraina non sarà salvata né minimizzando le perdite né elogiando se stessa".

Il giorno dopo che i leader dei 25 membri della NATO e dell’UE si sono incontrati in un vertice per discutere se alcuni membri della NATO avrebbero inviato truppe in Ucraina, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg è intervenuto e ha posto fine ai piani del presidente francese Emmanuel Macron.

"Gli alleati della NATO stanno fornendo un sostegno senza precedenti all'Ucraina. Lo facciamo dal 2014 e abbiamo intensificato il nostro supporto da Full Invasion. Ma non ci sono piani per la presenza di truppe da combattimento della NATO sul terreno in Ucraina", ha detto Stoltenberg.

Anche il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha confermato che non c’è niente di sbagliato nell’inviare truppe alla NATO.

"La NATO e i paesi europei non invieranno le loro forze di terra in Ucraina" e così si sono confrontati direttamente con Emmanuel Macron.

Contro l'invio di truppe dei membri della NATO si è espresso anche il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, il quale ha affermato che "la Grecia è contraria all'invio di truppe in Ucraina".

La dichiarazione di Macron è già stata criticata dall'opposizione francese.

La leader del movimento nazionale di estrema destra, Marine Le Pen, ha valutato che Macron sta giocando con la vita dei bambini francesi.

Il leader di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon ha affermato che opporsi alle potenze nucleari è ciò che definisce “follia”.

Anche il Partito socialista e i repubblicani conservatori hanno condannato la dichiarazione di Macron. Secondo i sondaggi, il partito centrista e liberale Revival di Macron ha attualmente molto meno sostegno popolare rispetto all’estrema sinistra e all’estrema destra in vista delle elezioni europee di giugno.

Anche gli sforzi di Macron per fornire maggiori aiuti all’Ucraina non sono in linea con l’atteggiamento prevalente dei cittadini francesi.

Recenti sondaggi mostrano che solo il 50% dei francesi sostiene l’invio di aiuti all’Ucraina per armare l’Ucraina.

Secondo i sondaggi, solo il 62% dei francesi è favorevole alle sanzioni contro la Russia, rispetto al 72% all’inizio della guerra.

Il ministro degli Esteri francese Stephane Sejournay ha dichiarato martedì che le truppe francesi potrebbero avere un ruolo non combattente in Ucraina e potrebbero aiutare nello sminamento, nella difesa informatica e nella produzione di armi.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno