Veninova: Le serie macedoni possono avere lo stesso successo dei film, ma le stazioni televisive non sentono il bisogno di fare un vero e proprio programma.

Eleonora Veninova, regista/Foto: Sloboden Pechat

Il primo lungometraggio della regista Eleonora Velinova, Overexposed, è stato presentato in anteprima mondiale al Cairo Film Festival questo mese, ma è stato bandito mostrando a un pubblico più ampio per motivi che non sono abbastanza chiari. La decisione della censura egiziana ha interessato anche alcuni altri film che erano in competizione ufficiale per i premi al Cairo Film Festival. Il pubblico domestico potrà vedere questo nuovo lungometraggio macedone al cinema in primavera.

- La premiere macedone è prevista per la fine di marzo o l'inizio di aprile del prossimo anno, e abbiamo una ragione per questo. Nell'ultimo mese abbiamo avuto 4 film macedoni nei cinema e attualmente abbiamo un film macedone. Il primo momento è che non dovremmo competere l'uno con l'altro, e l'altro è la Coppa del mondo di calcio, e anche la nostra prima al Cairo è coincisa con l'apertura del campionato di calcio. E un altro motivo è il fatto che è inverno e non c'è riscaldamento nelle nostre sale cinematografiche a causa dell'austerità. E questa è stata la raccomandazione dei nostri addetti al marketing, di aspettare la tregua macedone in primavera, cioè quando saranno passati tutti i capodanni, le vacanze di Natale, l'Epifania, le ferie, ecc. nell'apparizione come ospite in "Utrinski Pechat".

"Preexposed" è la storia di una coppia sposata che è in vacanza a Ohrid, dove la figlia di amici intimi viene a trovarli e crea un effetto domino nella loro relazione coniugale, costringendoli a riconsiderare la loro relazione e il matrimonio nel suo insieme. Gli sposi sono interpretati dagli attori Blagoj Veselinov e Kamka Tocinovska, mentre Sara Klimovska interpreta il ruolo della ragazza che entra nella loro vita coniugale.

Veninova sta attualmente terminando il nuovo cortometraggio "Walk", che ha girato il mese scorso, e sta anche lavorando alle sceneggiature per le serie TV e alla sceneggiatura del suo prossimo lungometraggio. Tra l'altro, Veninova è stata autrice e regista di alcuni episodi delle popolari serie televisive macedoni "Sleep", "Insider", "Na Terapija", "Familia Markovski" che cinque anni fa sono apparse in contemporanea sulle principali televisioni macedoni, ma in seguito non è stata notata una tale produzione di un programma domestico.

- Nel 2017 sono state rilasciate 5 serie macedoni, alcune nella prima stagione, altre nella seconda, e ho lavorato su tutte e cinque. Ci sono molte ragioni per cui non vengono girate più serie. Se confrontiamo con la Serbia, è un mercato cinque volte più grande del nostro. C'è un bilancio statale. Ci sono stazioni televisive private che finanziano esse stesse le riprese. Nel nostro Paese le televisioni private in qualche modo trovano il modo di aggirare la cosa, di registrare programmi che non sono fiction, ma vengono spacciati per fiction e per questo non sentono il bisogno di fare una vera fiction, non non devono essere seriali, perché questo è semplicemente per loro. Fatto sta che gran parte delle serie uscite nel 2017 sono state realizzate con soldi di finanziatori stranieri. Al momento, per quanto ne so, solo la televisione macedone registra serie, e con quali criteri non lo so perché mi sono imbattuto in un solo concorso per serie ed era una cosa molto strana scritta su un lato e non Non so come vengono approvate le serie che vengono registrate e semplicemente, la situazione è abbastanza deprimente in quel campo, dice Veninova.

Il giovane regista di successo individua il problema che i programmi nazionali non vengono più prodotti su tale scala nelle stazioni televisive private che hanno l'obbligo legale di produrre programmi nazionali, ma lo evitano abilmente. Da anni le televisioni private trasmettono serie regionali, per lo più serie drammatiche turche e quasi serbe.

- Il problema è che promuoviamo la cultura macedone attraverso i film. I nostri film riescono nel loro ruolo di promotori della cultura macedone. È diverso con la serie e quel segmento è lasciato ad attori privati: i televisori. Abbiamo bisogno di una serie drammatica che esca dallo studio e venga letteralmente trasformata in un film. Le idee e le sceneggiature non sono un problema, anche se un produttore televisivo o un montatore vi dirà che non ci sono sceneggiature, non è vero. Qui ho sceneggiature, conosco altri colleghi che hanno idee per serie e anche sceneggiature scritte almeno per il primo episodio, per esempio, ma non ci sono finanziatori. Non so quale sia la soluzione. I serial possono essere proprio come i film sono diventati per noi. Da vero ambasciatore e rappresentante della nostra cultura. Se riusciamo a realizzare una serie di qualità sufficiente e che verrà trasmessa in Serbia invece di trasmettere solo le loro serie qui o in Turchia, perché non esportare anche in Germania, ci sono canali TV ART, ZDF che trasmettono serie straniere e sovrainciderli. Per fare un passo avanti, lo stato deve iniziare a far rispettare le leggi in modo più rigoroso, e questo non è il punto più forte dello stato per far rispettare le proprie leggi, o semplicemente le stazioni televisive di buona volontà devono iniziare a produrre programmi teatrali domestici di qualità, Veninova ha detto...

Come esempio positivo, ha indicato la serie drammatica per bambini "Zoki Poki" su MTV, che ha molto successo ed è stata venduta nei paesi scandinavi, ma la seconda stagione di questo prodotto macedone di successo non è stata ancora registrata.

Alla domanda su come realizzare una buona sitcom dall'umorismo universale che conquisti il ​​pubblico anche oltre i confini statali, la Veninova risponde:

-"Overslept" è specifico e quelle sitcom sono specifiche. Sono difficili da vendere all'estero, specialmente più ti allontani dai confini della regione, quell'umorismo diventa meno divertente, sfortunatamente. E non sono solo le nostre sitcom. Le sitcom inglesi e americane vanno bene in tutto il mondo, ma ci sono sitcom che vanno bene in Serbia, in Bulgaria, in Germania, ma qui non le vediamo perché quel tipo di umorismo che si scrive nelle sitcom difficilmente viaggia, anche se "Sleep" è stato proiettato in Bulgaria. L'intera serie deve essere ambientata in modo diverso in termini di azione drammatica, personaggi e umorismo stesso, se vuoi esportarlo, ha risposto il regista.

Ha accolto con favore l'idea di costruire una città del cinema in Macedonia lungo il confine tra Serbia e Bulgaria, dove l'industria cinematografica di Hollywood produrrà film di successo, ma come altri investimenti, questa idea dell'attore e produttore John Malkovich è bloccata in alcune istituzioni statali.

Video del giorno