Aspettatevi folla a Skopje domani, SSM bloccherà Avtokomanda nell'ora di punta del mattino

La Federazione dei sindacati della Macedonia, che la scorsa settimana ha iniziato uno sciopero generale, inizia domani con misure più radicali e ha annunciato che bloccherà l'ingresso a Skopje ad Avtokomanda durante l'ora di punta del mattino, dalle 7 alle 10.

Da SSM dicono che i blocchi nelle strade continueranno nei prossimi giorni, in diverse località, fino all'adempimento della richiesta di aumento di 2.806 denari degli stipendi di tutti i dipendenti del settore pubblico.

Annunciano che azioni simili a quelle di domani sono previste nei prossimi giorni.

"Beh, probabilmente torneremo al governo e al parlamento e all'altro ingresso e uscita della città di Skopje". Non vogliamo che rimangano sordi alla nostra richiesta, già quando ci siamo seduti al tavolo e abbiamo avviato trattative e concordato alcune cose, la borsa del ministero delle Finanze dovrebbe essere slegata e questi 30 milioni di euro dovrebbero essere forniti a tutti i dipendenti essere soddisfatto entro fine anno. "Potrebbero non essere molto soddisfatti, ma in un certo senso lo shock dei prezzi sarà mitigato", ha affermato Ivan Peshevski, vicepresidente del settore privato di SSM.

Tuttavia, SSM ha anche deciso di fermare lo sciopero in tre comuni, dopo che Delchevo, Vinica e Demir Kapija sono stati colpiti dalle inondazioni.

- In altri comuni e nella città di Skopje, lo sciopero continuerà sicuramente e alcune squadre andranno lì per aiutare. Nel senso, il restante 10% lavorerà sicuramente, e il 90% dei dipendenti sciopera. Quindi, resta solo in quei comuni che erano in crisi fare quelle cose per aiutare i cittadini e qui siamo solidali, certo alcune delle nostre squadre andranno sul posto, ma il resto continua ad esprimere la propria insoddisfazione, dice Pesevski .

Lo sciopero dell'SSM è iniziato mercoledì. I dipendenti sotto il tetto dello stato dicono che tutto è più costoso, tranne gli stipendi e che con i soldi che guadagnano non possono sopravvivere, figuriamoci vivere.

Video del giorno