Il raid della polizia del Kosovo contro le banche serbe non è stato coordinato con i partner internazionali

foto: Printscreen/Kosovo Online

Le reazioni all'intrusione della polizia del Kosovo nelle filiali della "Cassa di risparmio postale" nei quattro comuni serbi del Kosovo non si attenuano. L'ambasciatore americano a Pristina, Jeff Hovenier, afferma che questa azione non è stata coordinata con i partner internazionali.

- Questa operazione ha aumentato la tensione ed ha minato la percezione della buona volontà del Kosovo di risolvere i problemi aperti con la Serbia attraverso il dialogo guidato dall'Unione europea, ha dichiarato Hovenier, ripetendo la posizione del Dipartimento di Stato americano.

Ha aggiunto che "il governo americano chiede costantemente il coordinamento dei nostri governi per sostenere il progresso del Kosovo sulla via euro-atlantica, e l'ultima volta questo è stato fatto dal sottosegretario Elizabeth Allen durante l'incontro con il primo ministro Kurti il ​​19 maggio".

L'ambasciatore americano ha dichiarato che ieri non c'è stato alcun coordinamento governativo e che gli Stati Uniti sono preoccupati e chiedono al governo del Kosovo di ritornare al dialogo e di rispondere ai "bisogni fondamentali di tutti i suoi cittadini, soprattutto di quelli direttamente colpiti dalla decisione del La Banca Centrale del Kosovo ferma l'uso dei dinari.

La KFOR è stata informata di questa azione poco prima dell'inizio dell'invasione della polizia del Kosovo nelle filiali della banca Postanska Stedilnica in quattro comuni nel nord del Kosovo, ha annunciato oggi la missione.

Come precisa la missione nell'annuncio, i membri della KFOR non erano coinvolti in quell'azione.

- La missione si aspetta consultazioni tempestive su qualsiasi azione della polizia del Kosovo o della KBS che possa incidere sulla sicurezza regionale. La KFOR continua a sostenere il dialogo mediato dall'UE tra Belgrado e Pristina... necessario per il progresso della diplomazia, si aggiunge nella dichiarazione.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno