La carne di pollo ucraina provoca la salmonella, le spedizioni di importazione sul mercato macedone sono controllate?

La Macedonia importa carne di pollame principalmente da: Brasile (15,2 milioni di dollari), Polonia (7,95 milioni di dollari), Slovenia (6,73 milioni di dollari), Bulgaria (4,7 milioni di dollari) e Ucraina (3,2 milioni di dollari).

Al 30 novembre 2022 sono stati registrati 196 casi di salmonella, e la causa è il consumo di carne di pollo, secondo il rapporto recentemente pubblicato dall'Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ( ECDC). Nel frattempo, dalla pubblicazione di questi dati, fino al 15 marzo di quest’anno sono stati segnalati un totale di 300 casi, ovvero un aumento di 104 casi rispetto al rapporto precedente. Ci sono stati tre casi in Estonia, Finlandia (98), Francia (16), Germania (due), Irlanda (sette), Paesi Bassi (uno) e nel Regno Unito ben 173. Durante questa epidemia, 23 persone sono state ricoverate in ospedale , sei persone hanno avuto gravi complicazioni causate dalla malattia, mentre una persona in Gran Bretagna è morta.

– Secondo i rapporti, nel novembre 2022, quando è stata pubblicata la prima valutazione, i prodotti a base di pollo pronti al consumo e la carne di pollo fresca sono stati identificati come probabili portatori di infezione sulla base dei dati provenienti da Finlandia e Regno Unito. Le successive indagini condotte dalle autorità per la sicurezza alimentare in Estonia, Finlandia e Paesi Bassi, e la condivisione di tali informazioni con l’EFSA, nel 2024 hanno rivelato che i petti di pollo congelati al vapore prodotti in Ucraina trasportavano l’infezione. Si sottolinea che i lotti di pollo contaminati sono stati importati da aziende esterne all'Unione europea e distribuiti in questi paesi - si legge nel rapporto trasmesso da Politika.

Anche la carne di pollo congelata dall'Ucraina viene importata sul mercato macedone, ma finora non ci sono informazioni isolate che il suo consumo sia una causa diretta della malattia da salmonella. Secondo i dati dell’OEC (Osservatorio della complessità economica), nel 2022 la Repubblica di Macedonia ha importato pollame per 54,3 milioni di dollari, diventando così l’80° importatore di questo tipo di carne al mondo. Nello stesso anno, la carne di pollo era il 40esimo prodotto più importato in Macedonia.

- La Repubblica di Macedonia importa carne di pollame principalmente da: Brasile (15,2 milioni di dollari), Polonia (7,95 milioni di dollari), Slovenia (6,73 milioni di dollari), Bulgaria (4,7 milioni di dollari) e Ucraina (3,2 milioni di dollari). I mercati di importazione di carne di pollame in più rapida crescita per la Macedonia tra il 2021 e il 2022 sono stati l’Ucraina (3,13 milioni di dollari), la Germania (891mila dollari) e la Danimarca (756mila dollari) – specificano le statistiche sul sito web dell’OEC.

Nel frattempo, i funzionari dell'EFSA hanno spiegato che i prodotti a base di carne di pollo congelati contaminati sono scaduti a novembre e dicembre dello scorso anno. I casi più recenti di infezione da salmonella sono stati rilevati in Finlandia nell’ottobre 2023 e in Gran Bretagna nel febbraio 2024.

– Supponendo che i lotti contaminati identificati non siano più sul mercato, a causa della scadenza, la probabilità di nuove infezioni da questi lotti di carne è bassa. Tuttavia, nonostante l'attuazione di rigorose misure di controllo, all'inizio di quest'anno hanno continuato a verificarsi segnalazioni di persone malate, indicando vie di esposizione non rilevate, che richiedono ulteriori indagini - conclude l'EFSA.

La scorsa settimana l'EFSA ha inoltre messo in guardia contro una possibile pandemia di influenza aviaria su larga scala nel caso in cui il virus diventasse trasmissibile tra gli esseri umani perché gli esseri umani non hanno immunità al virus. L'annuncio è arrivato il giorno dopo che il Texas ha annunciato che il ceppo H5N1 dell'influenza aviaria – comunemente nota come influenza aviaria – era stato rilevato in una persona che aveva avuto contatti con mucche da latte sospettate di essere infette dal virus. La diffusione dell'influenza aviaria preoccupa particolarmente gli Stati e l'industria del pollame a causa delle possibili perdite degli allevamenti e del rischio di trasmissione all'uomo.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno