Regista ucraino Sergei Loznitsa: Rinunciare agli artisti russi è grottesco

Foto: EPA-EFE / GUILLAUME HORCAJUELO

Il regista ucraino Sergej Loznica ha in programma di realizzare un documentario sulla guerra nel suo paese, ha detto al Festival di Cannes, dove ha proiettato il suo film "The Natural History of Destruction".

"Non sono tornato in Ucraina dall'inizio della guerra, ma ovviamente ho intenzione di andarci e ho intenzione di fare un film sui crimini che stanno avvenendo in questo momento", ha detto il regista, che vive in Lituania Reuters.

Su un argomento che ha creato "rumore" a Cannes, Loznica ha difeso la sua opposizione al boicottaggio dei registi russi.

Nonostante il suo orrore per la guerra in corso, Loznica ha litigato con molti dei suoi compatrioti per la sua posizione sul boicottaggio dei russi. È stato espulso dall'Accademia del cinema ucraino a marzo dopo aver rifiutato di mettere tutti gli artisti russi nello stesso paniere, dicendo che sarebbe stato meglio "unire le persone libere e libere del mondo contro l'aggressione russa".

Foto: EPA-EFE / SEBASTIEN NOGIER

La scorsa settimana a Cannes, il capo del Kyiv International Film Festival, Andrei Kalpachi, ha detto alla giuria che al momento non esistevano "bravi russi".

Loznica ha detto AFP che etichettare le persone come buone o cattive è "grottesco".

"Forse la sua reazione e opinione (di Kalpahchi) sono causate da questa fortissima ansia emotiva che sta vivendo e forse è comprensibile. Ma allo stesso tempo non posso accettarlo. "Un tale atteggiamento è disumano", ha detto.

Polemiche a Cannes sulla decisione degli organizzatori di includere il regista russo Kiril Serebrenikov nel concorso principale per la Palma d'Oro.

Sebbene Serebrenikov abbia condannato la guerra e sia andato in esilio, molti nel mondo del cinema ucraino affermano i suoi legami passati con le autorità russe e i finanziamenti dell'oligarca Roman Abramovich significa che avrebbe dovuto essere licenziato quest'anno.

"Riteniamo fortemente che tutto e tutto il russo debba essere abbandonato", ha detto Andrea Fesiac, fondatore della società di produzione ucraina F Films, durante una tavola rotonda a Cannes la scorsa settimana.

Loznica è stata irremovibile nella sua opposizione a tali divieti totali.

"Come si definisce questo concetto in russo?" Sei russo per via del tuo passaporto, della tua cittadinanza? A causa della tua etnia? È un pendio scivoloso. Credo fermamente che le persone debbano essere giudicate in base alle loro parole individuali, alle loro azioni individuali, non ai loro passaporti. "Ogni singolo caso dovrebbe essere giudicato in base ai suoi meriti".

"La cultura in generale, per definizione, resiste alla guerra - è qualcosa che è assolutamente contro qualsiasi guerra", ha detto, facendo eco al regista russo perseguitato. Kiril Serebrenikov, che la scorsa settimana si è anche espresso contro il boicottaggio della cultura russa.

Serebrenikov ha criticato l'invasione dell'Ucraina e il suo film "Tchaikovsky's Wife" è l'unico rappresentante russo al festival.

Video del giorno