La ballerina ucraina difende la patria con un'arma in mano: l'arte ha un ruolo speciale in questa lotta

Lesia Vorotniuk
Lesya Vorotnyuk / Foto: Printscreen/Instagram

Ballerina dell'Opera Nazionale di Kiev, Lesia Vorotniuk, dopo l'invasione russa del Ucraina, ha deciso di difendere la sua patria con un'arma in mano.

Lesya sa da tempo che aspetto ha la guerra. Suo marito è stato ucciso tre anni fa nell'Ucraina orientale, ma nonostante la brutta esperienza, si è recata al fronte per aiutare a difendere il Paese, scrive "The Economist".

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lesya Vorotnyuk (@lesiavorotnyuk)

Alla fine di febbraio, ha iniziato ad aiutare con l'evacuazione dei civili e in seguito si è unita all'unità di difesa territoriale a Kiev.

"L'arte ha un ruolo speciale in questa lotta. "Gli zar russi e i governanti sovietici hanno soppresso la cultura ucraina per secoli con vari gradi di ferocia perseguitando gli artisti ucraini, deridendo le loro aspirazioni nazionali e sopprimendo la loro lingua", ha detto Lesya.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lesya Vorotnyuk (@lesiavorotnyuk)

In Occidente il dibattito sul boicottaggio della cultura russa e degli artisti che sostengono il Cremlino è ancora in corso.

"Gli stranieri non comprendono appieno la nostra posizione perché il balletto è sempre associato alla Russia. Ma le persone nella Mariupol occupata si sono rifiutate di prendere cibo e aiuti umanitari dai russi, hanno scelto la fame. Non è giusto che il balletto esegua opere russe mentre stanno soffrendo", ha detto Vorotniuk.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lesya Vorotnyuk (@lesiavorotnyuk)

E mentre in precedenza pubblicava le foto delle sue esibizioni, ora i social sono dominati dagli scatti in prima linea. Ha dedicato un post alla regione di Donetsk.

"Questa zona è in guerra dal 2014. Da allora si sono combattute feroci battaglie per queste terre incredibili... Lì vivono persone incredibili che meritano una vita libera e pacifica. Ho sentito molte storie lì. Storie di guerra. È stato quando metà del nostro Paese non sapeva nemmeno che si stava conducendo una guerra in territorio ucraino", ha scritto, tra le altre cose, in uno dei suoi ultimi post.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lesya Vorotnyuk (@lesiavorotnyuk)

Video del giorno