L'Ucraina ha interrotto il flusso di petrolio russo verso l'Europa meridionale, a causa delle sanzioni contro Mosca

Gasdotto / Archivio fotografico gratuito per la stampa

Dal 4 agosto, l'Ucraina ha interrotto il transito del petrolio russo verso l'Europa meridionale perché, a causa delle sanzioni occidentali, i fondi che Mosca ha pagato come compensazione per il transito non le sono stati trasferiti, ha annunciato oggi la compagnia energetica russa "Transneft".

La società ha chiarito che il 22 luglio l'operatore ucraino dell'oleodotto "Uktransnafta" è stato pagato il transito per agosto, ma il 28 il denaro è stato restituito perché la transazione non è stata eseguita. Gazprombank, che ha effettuato il pagamento, ha annunciato che i fondi del pagamento sono stati restituiti a causa delle sanzioni dell'UE.

La Russia fornisce circa 250mila barili di petrolio al giorno a Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca attraverso l'oleodotto "Druzhba".

La Russia ha già ridotto le forniture di gas a molti membri dell'UE, adducendo problemi nella manutenzione delle pompe sul gasdotto Nord Stream 1, nonché sanzioni imposte contro alcuni dei fornitori che Mosca considera ostili.

Video del giorno