Ucraina: abbiamo dimostrato di poter sconfiggere la Russia, la NATO dovrebbe consegnarci le armi più velocemente

Foto STR/AFP/Profimedia

Ministro degli Affari Esteri dell'Ucraina, Dmitro Kuleba oggi a Bucarest ha lanciato un appello ai membri della Nato affinché consegnino più rapidamente armi e altri aiuti al suo Paese.

Durante la conferenza stampa congiunta con il Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg, Kuleba ha detto che la volta precedente, quando ha fatto appello all'Alleanza, ha detto "armi, armi, armi", e che oggi è venuto a Bucarest con il messaggio "più veloce, più veloce, più veloce".

"Siamo grati per tutto quello che è stato fatto finora, ma dobbiamo continuare a lottare. Abbiamo dimostrato di poter sconfiggere la Russia, ma le decisioni sulle armi, sulle nuove linee di produzione delle armi e sulla loro consegna devono essere prese più velocemente, ha detto Kuleba a margine della riunione dei capi della diplomazia dei membri della NATO.

Kuleba ha anche sottolineato l'importanza di altre forme di aiuto occidentale, principalmente aggregati, poiché l'Ucraina ha grossi problemi con la fornitura di elettricità a seguito degli attacchi russi alle infrastrutture civili.

Stoltenberg ha affermato che gli alleati hanno convenuto che era necessario aumentare il sostegno all'Ucraina e hanno ribadito che sarebbero rimasti con quel paese per tutto il tempo necessario.

In caso contrario, i capi della diplomazia degli Stati membri della NATO hanno promesso oggi a Bucarest che rafforzeranno il sostegno all'Ucraina e contribuiranno alla riparazione delle sue infrastrutture energetiche, colpite dagli attacchi russi che hanno interrotto la fornitura di elettricità e riscaldamento per milioni di ucraini, hanno riferito i media britannici.

"L'aggressione russa, compresi i suoi attacchi attuali e senza scrupoli alle infrastrutture civili ed energetiche ucraine, sta privando milioni di ucraini dei servizi umani di base", ha affermato la dichiarazione congiunta dei ministri dopo il primo giorno del loro incontro a Bucarest.

"Continueremo e aumenteremo ulteriormente il sostegno politico e pratico all'Ucraina mentre continua a difendere la sua sovranità e integrità territoriale... e manterremo il nostro sostegno se necessario", hanno aggiunto i ministri nella loro posizione congiunta dopo il primo giorno della riunione .

I ministri affermano di rimanere fermi nel loro impegno per l'indipendenza dell'Ucraina e non riconosceranno mai annessioni illegali da parte della Russia.

Hanno anche riaffermato la decisione presa al vertice NATO del 2008 che l'Ucraina sarebbe diventata infine un membro dell'Alleanza.

Il segretario generale, Jens Stoltenberg, ha affermato che i paesi dell'Alleanza hanno concordato una più stretta cooperazione con l'Ucraina.

"Gli alleati della NATO continueranno a sostenere l'Ucraina finché sarà necessario. Non ci tireremo indietro", ha detto.

Secondo lui, la sconfitta dell'Ucraina e la vittoria della Russia non dovrebbero essere consentite, perché questo invierà un segnale ai "regimi autoritari che possono usare la forza". Secondo lui, "il sostegno all'Ucraina è nell'interesse della sicurezza della NATO".

Video del giorno