Il padre di Leonid per "Sloboden Pechat": I responsabili della FZOM si sono rifiutati di pagare 140mila euro per le cure di mio figlio, perché avrebbe potuto essere curato in Macedonia, ma non dicono dove!

Branko Indov, padre del giovane Leonid, trasportato in elicottero a Vienna per le cure, racconta a "Sloboden Pechat" che la Cassa sanitaria (FZOM) oggi si è rifiutata di coprire le cure di suo figlio. Le donazioni raccolte da cittadini umanitari copriranno 3 mesi di cure di Leonid in Austria, ma i tre mesi successivi nessuno li coprirà perché la Cassa Sanitaria ha respinto la richiesta della famiglia. Si tratta di una somma di 140mila euro, che la famiglia non sa dove reperire. Inoltre, avranno bisogno di soldi per quando Leonid tornerà in Macedonia. Questa decisione della FZOM arriva dopo che dieci giorni fa Leonid è stato trasportato in Austria, in un centro di riabilitazione, con l'ambulanza e l'elicottero del Ministero degli Interni. Si è trattato di un trasporto rischioso e complesso perché il giovane paziente è attaccato ad un respiratore.

L'estate scorsa, Leonid Indov ha avuto un grave incidente mentre era in vacanza in Grecia, durante il quale si è ferito la terza, quarta e quinta vertebra, quindi respira con un respiratore e non può muovere gli arti.

- Stiamo cercando da molto tempo di ottenere donazioni per Leonid per portarlo in cura. Respira con un respiratore e ad ottobre eravamo su KARIL. Da ottobre lo abbiamo trasferito a "Zhan Mitrev" e tutti i medici e gli esperti hanno detto che questa è la conoscenza in Macedonia e dobbiamo portarla all'estero. Ho trovato un istituto in Austria che lo avrebbe accettato in tali condizioni. Lì ho trovato un accordo e non ho dovuto pagare l'intero importo in una volta, in modo da poter accumulare fondi lentamente. Ho pagato una parte, ma sto svolgendo anche la procedura presso la Cassa Sanitaria. Oggi ho ricevuto da lì la decisione di rifiutare il trattamento di Leonid all'estero in quanto infondata. Perché? La logica è che si trattava di riabilitazione e che ho concluso un contratto con la FZOM. Innanzitutto non ho concluso un accordo con la FZOM e ci sono istituzioni in Macedonia che avrebbero potuto curarlo, ma non mi dicono quali istituzioni avrebbero potuto curarlo nelle condizioni in cui si trova Leonid. Ho le persone firmatarie del verbale e voglio chiedere loro pubblicamente, come mi spiegheranno dove tratterò Leonid in Macedonia? Per Leonid in Macedonia, ho ricevuto solo una piaga da decubito da KARIL, che ha riportato mio figlio indietro di anni. Tutti gli esercizi e le prove che dovrebbero fargli in Austria, su di lui non possono farli a causa di quel decubito. Quella ferita è enorme e al momento non può nemmeno sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica. È stato un bene che l'ho trasferito da KARIL a "Zhan Mitrev" perché ho salvato il bambino da morte certa, ha detto a "Sloboden Pechat" il padre di Leonid, Branko Indov.

Aggiunge di avere fotografie delle condizioni in cui si trovava suo figlio quando è stato ricoverato a "Zhan Mitrev".

- Ho delle foto di com'era quando è stato ricoverato a "Zhan Mitrev" in decubito. Questa è una prova per me. Ho parlato con l'addetto austriaco mentre chiedevo il visto per Leonid. A proposito, il visto di Leonid è stato rilasciato gratuitamente a causa delle sue condizioni e lui scrive con decisione che suo padre lo ha portato fuori dall'istituto statale "Madre Teresa" e lo ha trasferito in una clinica privata per salvare il bambino da morte certa. E ha inviato la foto alla FZOM. Nella FZOM tutti alzano le spalle, dicono che non potrebbero coprire la riabilitazione e così via. Ho un uomo austriaco che ha già risposto in FZOM. Il presidente dell'Austria dovrebbe anche dire loro che qui c'è qualcosa che non va? Quello che sto facendo non è solo per Leonid, ma anche per gli altri bambini che in futuro avranno bisogno di cure. Ci sono altri due bambini come Leonid, con la differenza che respirano in modo indipendente e Leonid è attaccato a un respiratore. Mio figlio Leonid ha ricevuto più di 30 infezioni batteriche al KARIL, che è stato curato al "Zhan Mitrev". Io di KARIL, grazie mille, ho ricevuto sia i batteri che una ferita per il bambino. È una cosa terribile. Nessuno è venuto da me come un padre per chiedermi come sto, come vivo e come sopravvivo. Ogni giorno qui è un orrore. Se avessero un briciolo di coscienza, una comprensione della nostra situazione. Non so perché la commissione del Fondo abbia deciso in questo modo, ha detto Indov.

Leonid è in cura in Austria in un centro traumatologico e ha fatto grandi miglioramenti grazie a nuovi metodi e modi di respirare in autonomia.

- Vedo in lui una scintilla di speranza. Il medico che lo ha ricoverato lì il 5 gennaio era in visita a "Zhan Mitrev", ha visto Leonid e ha dato il via libera per ricoverarlo in quell'ospedale. Non tutti possono andare in quell'ospedale. Non appena ha dato il via libera, sicuramente vede in lui una speranza di aiuto, ha aggiunto il genitore alla "Pressa libera".

I nostri redattori si sono rivolti a KARIL per avere una risposta alla domanda se è vero che il paziente Leonid Indov ha lasciato la clinica con decubito e infezioni contratte durante il trattamento ospedaliero, e dopo aver ricevuto la risposta la pubblicheremo.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno