Taravari ha annunciato un corpo di esperti occidentali per supervisionare il lavoro di giudici e pubblici ministeri

Arben Taravari/Foto: Free Press

Il candidato presidenziale della coalizione "VREDI". Arben Taravari se otterrà la fiducia dei cittadini, adotterà misure concrete per risolvere quelli che, a suo dire, sono casi organizzati politicamente e ripristinare la fiducia dei cittadini nel sistema giudiziario. Ha annunciato un corpo di esperti occidentali che controllerà il lavoro dei giudici e dei pubblici ministeri nazionali.

"Con la coalizione VREDI, come massima priorità avremo l'istituzione di un sistema giudiziario indipendente, efficace ed equo, dove nessuno sarà al di sopra della legge e nessuno sarà oppresso a causa della nazionalità. VREDI si impegna a creare un organismo temporaneo di esperti occidentali, provenienti principalmente da paesi europei, che saranno integrati nei procuratori e nei consigli giudiziari della Macedonia del Nord per un mandato di sei anni. Questo organismo monitorerà il lavoro dei giudici e dei pubblici ministeri nazionali. Ma loro stessi contribuiranno come giudici e pubblici ministeri. Faremo approvare la legge di controllo per giudici e pubblici ministeri e riformeremo completamente il sistema di selezione, promozione, disciplina e licenziamento di giudici e pubblici ministeri. Dopo il plebiscito popolare del 24 aprile e dell'8 maggio, nel nostro sistema giudiziario non ci sarà più posto per giudici e pubblici ministeri corrotti con una mentalità jugoslava. VREDI europeizzerà il sistema giudiziario, come condizione necessaria per fermare l'epidemia di corruzione e giustizia selettiva", ha affermato Taravari.

Taravari, come chiamava i casi messi in scena politicamente come Monstrum, Sopot, Brodec, Alfa, Divo Naselje, ha trasformato gli albanesi in un pezzo di carne.

"Per il caso Mostro inventato dalle strutture parapolitiche, cinque albanesi innocenti sono stati condannati all'ergastolo o al massimo della pena. Da parte delle autorità, questo anniversario è stato trattato come tutti gli altri: con il silenzio che caratterizza la colpa. Monstrum, Sopot, Brodec, Alfa, Divo Naselje e altri, sono tutti nomi che ci ricordano la ferita aperta nella nostra società, quella della giustizia selettiva che opprime gli albanesi nei casi politicamente motivati, ma anche la crescente impunità dopo l’emendamento del Codice Penale ci ha portato ad una situazione in cui solo il 2% dei cittadini crede nella giustizia. Io, come Presidente della Repubblica, adotterò misure concrete per risolvere i casi organizzati politicamente e per ripristinare la fiducia dei cittadini nel sistema giudiziario", ha affermato Taravari.

Si è rivolto anche ai media Sabri Aziri, un membro della famiglia dei condannati nel caso di Monster Haki Aziri e Feyzi Aziri.

"In questo dodicesimo anniversario, circola ampiamente sui media e sui social network un vecchio video in cui il candidato del Fronte delle cause montate, Bujar Osmani, rivelava il punto di vista della DUI sul caso Monstrum. Bujar Osmani, in qualità di portavoce del DUI, davanti alle telecamere e senza la minima vergogna, senza arrossire affatto, ha detto, e cito: "Abbiamo consentito un'azione del genere sulla base delle prove. Garantiamo agli albanesi che non permetteremo tale montaggio". In un altro caso, Bujar Osmani ha detto del mio parente Haki Haziri che, cito: "Le nostre informazioni dicono che non si trova in nessuna istituzione statale. Contatta la sua famiglia e scompare di sua spontanea volontà." Questa è stata una dichiarazione scandalosa, perché Haki Haziri è stato trattenuto dalle autorità dei servizi segreti in istituzioni segrete e costretto ad accettare di diventare collaboratore e testimone nel caso Monster. E quello che seguì dopo è un capitolo a sé, che rimane ancora oggi una ferita incurabile. Per Monstrum e per tutti i casi montati politicamente, il DUI sarà responsabile", ha detto Sabri Aziri.

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno