Il presidente taiwanese si è dimesso da capo del partito a causa della sconfitta alle elezioni locali

Il presidente taiwanese Kai Ying-wen / Foto di EPA-EFE / RITCHIE B. TONGO

Il presidente di Taiwan Kai Ing-wen ha annunciato che si dimetterà da capo del partito al governo dopo aver perso le elezioni locali.

Kai Ing-wen ha definito le elezioni municipali e provinciali di Taiwan tenutesi sabato un test che mostrerà "la resilienza di Taiwan e la sua determinazione a difendere la libertà e la democrazia" tra le tensioni con la Cina.

Tuttavia, il suo Partito Democratico Progressista (DPP) ha perso quattro delle sei capitali dell'isola di 23 milioni di persone, compresa la capitale, Taipei.

"Non ci aspettavamo questi risultati elettorali (...) Mi assumo la piena responsabilità e mi dimetto immediatamente dalla carica di presidente del Partito Democratico Progressista", ha detto ai giornalisti.

Il Kuomintang Party (KMT), che tradizionalmente ha sostenuto legami più stretti con la Cina, sebbene respinga con forza le affermazioni di essere pro-Pechino, ha vinto il maggior numero di posizioni di sindaci e capi di municipalità.

Il KMT accusa Cai e il suo DPP di essere troppo conflittuali con Pechino.

Kai Ing-wen rimarrà ancora il presidente della nazione insulare e ricopre tale carica dal 2016.

Da quando ha voltato pagina a decenni di governo militare nel 1987, Taiwan è diventata una delle democrazie asiatiche più dinamiche e avanzate. Questo è motivo di preoccupazione della vicina Cina, che considera l'isola parte del suo territorio e ha promesso di prenderne il controllo, se necessario con la forza.

Da quando è salito al potere Kai Ing-wen, il cui partito considera di fatto Taiwan un Paese sovrano, Pechino ha interrotto i canali ufficiali di comunicazione con l'isola, intensificato le esercitazioni militari e aumentato la pressione economica e diplomatica.

Le tensioni tra Taipei e Pechino hanno raggiunto il picco ad agosto, quando la Cina ha tenuto esercitazioni militari vicino a Taiwan per esprimere rabbia per una visita del presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi.

Il Kuomintang ha annunciato sabato che "lavorerà sodo per preservare la pace nella regione" e si preparerà a vincere le prossime elezioni presidenziali e parlamentari nel 2024.

Cai e il DPP hanno vinto le ultime elezioni con una valanga di voti, poi hanno promesso di opporsi alla Cina e difendere le libertà di Taiwan.

Il secondo mandato presidenziale di Cai scade nel 2024 e lei non è più idonea a candidarsi.

Video del giorno