La crisi di Taiwan ha continuato il conflitto tra Cina e America

Incontro virtuale USA-Cina
Incontro virtuale USA-Cina / Foto EPA-EFE / SARAH SILBIGER / POOL

La crisi su Taiwan ha esteso la guerra tariffaria sino-americana poiché la Casa Bianca ritiene che ora probabilmente non sia il momento giusto per revocare le tariffe imposte alle merci cinesi dalla precedente amministrazione di Washington.

Il presidente Giuseppe Biden per mesi aveva considerato di rimuovere o almeno allentare i dazi sulle importazioni dalla Cina per ridurre l'inflazione, ma una tale decisione è stata complicata dagli eventi a Taiwan. Come riportato da Reuters, le cose restano come stanno, ma Biden non esclude alcuna possibilità, dall'abolizione delle tariffe all'introduzione di nuove. L'amministrazione Biden sta lottando per modificare le tariffe in modo che non lo facciano го hanno accusato i repubblicani di aver premiato Pechino dopo che l'esercito cinese ha condotto esercitazioni militari vicino a Taiwan per quasi una settimana.

Il governo di Pechino ha detto ieri che l'esercito ha terminato le manovre, ma che continuerà a pattugliare lo stretto di Taiwan che separa la Cina dal territorio conteso. Il presidente Xi Jinping ha ordinato esercitazioni militari in risposta alla visita della scorsa settimana a Taipei da parte di un alto funzionario statunitense Nancy Pelosi. Nonostante gli avvertimenti di Сe non "giocare con il fuoco", presidenteil vitello della Camera dei Rappresentanti ha visitato l'Estremo Oriente, il che ha peggiorato le relazioni sino-americane. Le manovre, che includevano un attacco simulato al territorio conteso, hanno innescato una nuova crisi nella regione, che Nancy Pelosi ha affrontato mercoledì. Secondo lei, gli Stati Uniti non devono permettere che la crescente pressione cinese su Taipei, incarnata in esercitazioni militari, diventi un evento comune.

L'ala ovest prende in tenendo conto dei diversi interessi al momento di decidere un cambiamento nella politica commerciale verso la seconda economia più grande del mondo. Parte della squadra di Biden ritiene che il presidente non dovrebbe revocare le sanzioni per non apparire debole nei rapporti con Pechino. Un motivo in più per lo status quo sono i sindacati, i cui membri, per lo più elettori democratici, credono che tariffe elevate proteggano i posti di lavoro americani.

Sul lato opposto ancora da questa considerazione sono aziende americane che importano parti dalla Cina e si lamentano del fatto che i loro prodotti sono diventati più costosi a causa dei dazi sulle merci provenienti da questo paese. Anche alcuni funzionari sono favorevoli all'abolizione delle tariffe, i quali ritengono che l'abbassamento dei prodotti cinesi rallenterebbe la crescita dei prezzi in America. Alla domanda che li preoccupa di più, il maggior numero di americani nei sondaggi in vista delle elezioni del Campidoglio di novembre risponde che si tratta di inflazione.

Allo stesso tempo ne Pennsylvania Avenue stanno valutando l'eliminazione delle tariffe sui prodotti che le aziende americane possono acquistare solo dalla Cina. La precedente amministrazione prevedeva esenzioni anche per componenti industriali e prodotti chimici, ma il termine per la loro esenzione è scaduto lo scorso anno.

Altrimenti co 2018, l'amministrazione di Donald Trump ha imposto tariffe fino al 25% su beni cinesi per un valore di 360 miliardi di dollari. Quando Pechino si vendicò immediatamente in natura, iniziò la guerra tariffaria sino-americana. Trump ha giustificato la decisione affermando che il governo di Сe svaluta artificialmente lo yuan, ruba la proprietà intellettuale di сla valle dell'Ilicone Negli USA.

Nell'ufficio di Biden questi giorni esitano ho dato rimuovere alcuni prodotti cinesi dalla lista nera perché l'altra parte non ha rispettato l'accordo per acquistare più prodotti americani. L'amministrazione Trump chiese di nuovo dalla Cina per importare più merci americane in cambio di una "tregua" nella guerra tariffaria. Sebbene Pechino abbia accettato questa condizione, non l'ha mai implementata.

Video del giorno