Il tribunale ha confiscato il passaporto di Ijet Memeti

A seguito della proposta della Procura di base per il perseguimento della criminalità organizzata e della corruzione, il giudice della procedura preliminare del Tribunale penale di base di Skopje ha stabilito oggi misure cautelari per Idjet Memeti, il secondo sospettato nell'indagine relativa alla ricezione di una ricompensa per attività illegali influenza in cui è coinvolto anche il giudice supremo, Nake, Georgiev.

L'indagato, secondo la decisione del tribunale penale, ha l'obbligo di comparire occasionalmente in tribunale, i suoi documenti di viaggio e altri per uscire dal confine di Stato sono stati confiscati e vi è il divieto di rilasciarne uno nuovo.

In una dichiarazione ai media, il sospettato Memeti ha detto oggi davanti a Krivichen che è nell'interesse di tutti concludere la procedura il prima possibile.

- È nel mio interesse, e nell'interesse del pubblico, che le autorità finiscano il loro lavoro il prima possibile. Questo ovviamente mi tocca come essere umano, tuttavia non è bene parlare davanti ai media di un caso che si sta svolgendo in tribunale. Vi assicuro che finirà molto presto e si scoprirà che non ho fatto nulla di illegale, ha detto Memeti.

Per quanto riguarda i rapporti con il giudice supremo Georgiev, ha detto che conosce tutti i giudici e i pubblici ministeri ed è loro amico, ma che non ha discusso i casi.

In precedenza, il tribunale penale di base aveva imposto una misura di detenzione di 30 giorni al giudice supremo Nake Georgiev, a causa del sospetto che potesse ostacolare il procedimento penale influenzando i testimoni e per circostanze che indicavano che avrebbe portato a termine o ripeterà il crimine.

I due sospettati fanno parte dell'indagine aperta dall'OJOGOCC e sono sospettati di "aver ricevuto una ricompensa per influenza illegale".

L'indagine è stata aperta dopo l'azione del Ministero degli Interni, che fa seguito ad una precedente relazione del figlio di un imputato in un caso che si sta svolgendo presso la Procura di base per il perseguimento della criminalità organizzata e della corruzione.

 

Ijet Memeti non conosceva Boro Stojchev – sostiene di non aver fatto nulla di illegale

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno