Gli esperti rispondono alle domande più importanti: cosa devi sapere sul vaiolo delle scimmie?

Foto: Profimedia

La scorsa settimana c'è stato un improvviso aumento del numero di persone infette dal vaiolo delle scimmie, e poi Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che questa situazione è motivo di preoccupazione internazionale e invita tutti ad adottare le misure necessarie per prevenire la trasmissione del virus da uomo a uomo e per proteggere i gruppi vulnerabili. Secondo i dati della scorsa settimana, sono stati identificati 25.864 nuovi casi al di fuori di Africa, Compreso Australia, Canada, Israele, Portogallo, Spagna, America и Inghilterra...

A differenza del covid-19, il vaiolo delle scimmie di solito non si diffonde facilmente tra le persone e perché ciò avvenga richiede uno stretto contatto attraverso il quale il virus entrerà nell'organismo attraverso un taglio nella pelle (anche quando non è visibile), le vie respiratorie o le mucose membrane (occhi, naso o bocca), nonché attraverso i fluidi corporei o il contatto prolungato con oggetti da essi contaminati (vestiti, lenzuola, asciugamani, ecc.), afferma in un comunicato MIA il rappresentante speciale del direttore regionale di Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per Europa in Macedonia del Nord, Dott.ssa Ane Johansen.

I sintomi sono generalmente lievi e assumono la forma di lesioni che possono essere molto pruriginose o dolorose. Si verifica un'eruzione cutanea con vesciche su viso, mani, piedi, occhi, bocca e/o genitali (le eruzioni cutanee genitali e perianali sono i casi più segnalati nell'attuale focolaio), febbre, linfonodi ingrossati, mal di testa, dolori muscolari e bassi livelli di energia. Tuttavia, dice Johansen, il vaiolo delle scimmie può essere una malattia grave, soprattutto per i bambini, le donne incinte e gli immunodepressi.

È una nuova malattia?

La malattia è nota da decenni e il virus è stato identificato per la prima volta Danska nel 1958, in una persona in viaggio da Singapore. Il vaccino contro il vaiolo può fornire protezione contro il vaiolo delle scimmie, secondo Dott. Martin Hirsch, professore di malattie infettive presso l'ospedale di Boston. Ma da quando la vaccinazione contro il vaiolo è terminata nel 1982, c'è stato un aumento dei casi di infezione da vaiolo delle scimmie in alcuni paesi africani e negli ultimi anni è aumentato il numero di casi legati alla trasmissione umana o animale.

"Esistono due tipi di virus del vaiolo delle scimmie, dell'Africa centrale e dell'Africa occidentale. Quello ora in circolazione è dell'Africa occidentale ed è molto più mite e ha un tasso di mortalità molto più basso. Con la variante dell'Africa centrale si registra un tasso di mortalità del 10% e con la variante dell'Africa occidentale si registra un tasso di mortalità dall'1 al 3% (in Africa)", spiega. primitivo. Dott. Bernard Kaic, capo del servizio di epidemiologia delle malattie infettive Istituto croato di sanità pubblica e aggiunge che i sintomi compaiono da una a due settimane dopo l'infezione, e questi sono aumento della temperatura, mal di testa, dolore muscolare e affaticamento e talvolta un mal di gola appare come sintomo. Entro pochi giorni dall'esordio della malattia, possono comparire anche un'eruzione cutanea (che può sembrare drammatica) e linfonodi ingrossati che sono dolorosi. L'eruzione cutanea può anche essere dolorosa al tatto. La malattia può essere trasmessa da persona a persona attraverso goccioline (contatto stretto) e il contatto con i cambiamenti della pelle che si verificano nel paziente.

In che modo questa situazione è diversa?

Da quando la vaccinazione contro il vaiolo è stata abolita nel 1980, sono comparsi nuovi casi in 11 paesi africani. La stessa cosa è successa in Congo и Nigeria, dove sono stati confermati circa 130 nuovi casi. Nel 2003, il vaiolo delle scimmie è stato segnalato in 47 persone.

Ma in questa situazione, nuovi casi sembrano emergere molto più rapidamente nei paesi di tutto il mondo e molti pazienti non sembrano aver viaggiato in Occidente da paesi di Centrale и Africa occidentale, e inoltre, sembra non esserci una chiara connessione tra questi casi, dice Il dottor Paritosh Prased, direttore di Centro per le malattie infettive su Università di Rochester.
"Credo che non sia solo una questione di rapida diffusione, è possibile che sia stato nascosto per un po', ed è possibile che i sintomi siano stati sostituiti da herpes, varicella o sifilide, tutti fattori che possono causare lesioni a il corpo", dice il dottor r Prased. Crede anche che sia possibile che il virus si sia diffuso a tal punto perché negli ultimi anni si è diffuso in modo incontrollabile in Africa.

Quali sono i sintomi del vaiolo delle scimmie e come si diffonde?

I sintomi spesso assumono la forma di febbre, mal di testa, dolori muscolari e alla schiena, esaurimento, affaticamento e linfonodi ingrossati. I sintomi di solito compaiono da 7 a 14 giorni dopo l'esposizione al virus.

Presto apparirà un'eruzione cutanea, che appare spesso sul viso, sulle mani e sui piedi. Le lesioni possono comparire in piccole aree concentrate. Attualmente, i medici hanno notato che alcuni pazienti non hanno sintomi diversi da un'eruzione cutanea. Molti guariranno dopo poche settimane, ma per le persone immunocompromesse può essere molto più pericoloso. Secondo gli studi, circa il 13 per cento dei 528 pazienti ha richiesto il ricovero in ospedale. Sebbene non sia un virus a trasmissione sessuale, può essere diffuso attraverso il contatto, compreso il sesso, e se tocchi i vestiti di una persona che ha il virus e c'è saliva o sangue su di esso, puoi diffonderlo facilmente. È possibile diffondersi attraverso le goccioline.

I Centri statunitensi per la prevenzione e il controllo delle malattie affermano che il vaiolo delle scimmie può essere diffuso a chiunque abbia uno stretto contatto pelle a pelle o intimo - sesso orale, anale o vaginale o toccando i genitali di una persona con vaiolo delle scimmie. Inoltre, abbracciando, massaggiando e baciando, toccando oggetti come vestiti, asciugamani, lenzuola di una persona affetta da questo vaiolo, che non sono stati disinfettati.

Le donne in gravidanza possono trasmettere il virus al feto attraverso la placenta.

Una persona con vaiolo delle scimmie può diffondere il virus dal momento in cui compaiono i sintomi fino alla scomparsa dell'eruzione cutanea. La malattia dura da due a quattro settimane

E se pensi di essere stato esposto al virus?

Attualmente, ci sono molti uomini infetti che hanno avuto rapporti sessuali con uomini, ovvero circa il 98% dei casi. Ma chiunque sia in stretto contatto con una persona infetta potrebbe essere nel gruppo a rischio ed è importante chiamare un medico se si è preoccupati e si sviluppa uno dei sintomi menzionati.

Esiste un vaccino contro il vaiolo delle scimmie?

C'è, e poiché sono strettamente correlati al vaiolo, i due vaccini selezionati per il vaiolo possono essere utilizzati nelle persone a rischio.

Johansen consiglia a chiunque noti un'eruzione cutanea insolita di contattare il proprio medico di famiglia. Per quanto riguarda i medici, afferma che ogni paziente con sospetto vaiolo delle scimmie dovrebbe essere esaminato e isolato durante il presunto periodo infettivo della malattia (dal momento dei primi sintomi), cioè il periodo infettivo noto (l'aspetto dell'eruzione cutanea).

La Commissione per le malattie infettive ha raccomandato l'introduzione di misure di isolamento/quarantena, ovvero isolamento a casa o in ospedale dei casi sospetti di vaiolo delle scimmie fino al loro test, isolamento dei casi confermati a casa o in ospedale fino alla fine della malattia o alla guarigione le croste, e il tracciamento epidemiologico quotidiano dei casi confermati di vaiolo delle scimmie durante il periodo di incubazione di 21 giorni.

Video del giorno