Le immatricolazioni estere continuano a "girare" sulle strade macedoni

colonne di veicoli. / Foto: Archivio stampa gratuito

I veicoli con targa straniera, compresi i veicoli con targa bulgara che soddisfano i criteri prescritti per l'utilizzo nel territorio della RSM, hanno lo status doganale di merci importate temporaneamente. L'anno scorso, il governo ha ridotto del 50% le tasse per la loro reimmatricolazione, a condizione che siano entrati nel paese a partire dal 1° ottobre 2020 e siano di livello EURO 4

Una buona parte dei veicoli con targa straniera, per lo più bulgari, è finita in una delle discariche, perché non era redditizio per i loro proprietari tradurli in immatricolazioni macedoni. La possibilità della loro reimmatricolazione con tasse ridotte del 50 per cento è terminata lo scorso anno il 21 giugno, ma sulle strade ci sono ancora veicoli con targa straniera. "Sloboden Pechat" si è rivolto all'Amministrazione doganale della Macedonia per scoprire su quali basi i veicoli con targa bulgara possono ancora essere visti nel paese? Abbiamo anche chiesto quale sia il loro status, perché l'anno scorso è stato possibile tradurle in targhe macedoni con tariffe inferiori del 50%.

- Nell'area doganale è consentito l'ingresso di veicoli con targa estera, per lo più di Paesi limitrofi, nel rispetto della libera circolazione dei passeggeri e delle merci. I veicoli con targa straniera, compresi i veicoli con targa bulgara che soddisfano i criteri prescritti per l'utilizzo nel territorio della RSM, hanno lo status doganale di merci importate temporaneamente. Secondo la normativa doganale, l'importazione temporanea di veicoli per autotrasporto può essere autorizzata se sono immatricolati fuori area doganale, intestati a persona con residenza fuori area doganale e sono utilizzati da persone con residenza fuori area doganale - ha spiegato il gabinetto al direttore delle dogane.

Secondo la legge doganale, il termine per l'importazione temporanea è di 6 mesi su un periodo di 12 mesi. Ciò significa che puoi guidare in Macedonia con targa straniera per quel periodo di tempo, e poi dovrai "prenderti una pausa", ma solo a condizione che tu viva sempre all'estero e usi il veicolo durante il tuo soggiorno in Macedonia Paese. In caso contrario, dovrai presentarti all'ufficio doganale più vicino e avviare la procedura di importazione o temporanea importazione del veicolo.

– I funzionari doganali controllano la validità dell'ingresso e dell'utilizzo di veicoli con targa straniera ai valichi di frontiera. Viene verificato se e quali persone possono importare e utilizzare tali veicoli sul territorio della Macedonia - è stabilito nella legge doganale.

Cittadini della Macedonia che non risiedono stabilmente all'estero, non hanno il diritto di entrare e guidare veicoli con regolare targa stranierae che sono registrati a loro nome.

- Se già possiedono un veicolo del genere, i cittadini hanno la possibilità di espletare la procedura doganale di importazione pagando i dazi - affermano le Dogane. In caso contrario, oltre alla sanzione per contravvenzione, il loro veicolo può essere confiscato.

Per decenni, le auto con immatricolazione bulgara, i cui proprietari hanno passaporti bulgari, circolano sulle strade macedoni. L'anno scorso, il governo ha ridotto del 50% le tasse per la loro reimmatricolazione, a condizione che siano entrati nel Paese a partire dal 1° ottobre 2020 e siano dello standard EURO 4. Il governo ha annunciato che con questa soluzione entreranno a bilancio entrate per circa 20 milioni di euro, e ha incassato circa 6,5 ​​milioni di euro.

Video del giorno