La vecchia fabbrica va all'asta pubblica: gli attivisti non rinunciano all'idea che "Kuprom" diventi un centro culturale

Foto: gruppo Facebook "Gjorche Petrov"

Gli impianti dell'ex fabbrica "Kuprom" verranno venduti giovedì tramite gara pubblica attraverso un'asta elettronica. Come annunciato sul sistema e-auction, ci saranno tre aste, la prima a partire dalle 12:12.30, la seconda alle 13:30 e l'ultima alle XNUMX:XNUMX in cui gli oggetti verranno venduti senza un prezzo di partenza fisso.

Nel primo pacchetto, l'edificio amministrativo dell'ex fabbrica di rame con una superficie di 548 mq e una palazzina uffici, che comprende magazzini di produzione, padiglioni, magazzini con una superficie di 1833 mq, per cui il totale stimato il valore è di 69,6 milioni di denari, ovvero circa 1,1 milioni di euro. Nel secondo pacchetto è prevista la gara per un edificio adibito a uffici con una superficie di 515 metri quadrati e un valore stimato di poco più di 12 milioni di denari ovvero circa 200mila euro. La terza gara riguarderà sei edifici della fabbrica con una superficie totale di 2238 metri quadrati per un valore stimato di circa 64 milioni di denari, ovvero poco più di un milione di euro.

Gli edifici in rovina di "Kuprom" si trovano all'ingresso del comune di Gjorce Petrov, nel quartiere di Hrom. La fabbrica è abbandonata da decenni, oggi è completamente distrutta, demolita e costituisce un pericolo per chiunque decida di entrarvi. I residenti della zona affermano che lì si radunano senzatetto e tossicodipendenti, quindi da anni cercano una soluzione per l'edificio abbandonato.

Foto: Green Humane City

Tuttavia, nonostante tutto, l'area della fabbrica rappresenta un terreno edificabile attraente, perché secondo il GUP ancora valido, su di essa è prevista la costruzione di strutture abitative.

Gli attivisti dell'organizzazione non governativa "Eco Culturale" hanno presentato tre anni fa un'iniziativa alla Città di Skopje e all'Agenzia per la Pianificazione del Territorio, in cui chiedevano nel Piano Urbanistico Generale per Skopje lo scopo principale del quartiere SZ 25, dove " Si trova la fabbrica "Kuprom", che verrà trasformata da A - abitazioni a B - attività pubbliche e istituzioni. La loro idea, che sostengono da anni, è che la fabbrica diventi un centro culturale, educativo e creativo.

Ora, considerando che "Kuprom" sarà venduto all'asta pubblica il 29 marzo, "Eco Culturale" chiede alla Città di Skopje e all'Agenzia per la Pianificazione del Territorio di rompere il silenzio istituzionale durato tre anni e di prendere posizione sull'iniziativa. sostengono o no questo cambiamento del GUP? - chiedono da "Eco Culturale".

E di "Green Human City" sostengono l'idea che "Kuprom" sia un'oasi culturale a Skopje, e ritengono che consentire a tali edifici di rimanere abbandonati nel centro della città o, peggio ancora, di essere trasformati in nuove giungle di cemento, rappresenterà ancora di più una sconfitta per Skopje.

Una location perfetta per un centro culturale, dagli eventi, alle gallerie, ai concerti e uno spazio in cui ogni uomo e donna di Skopje può fuggire dal caos quotidiano. Un luogo dove, senza troppi sforzi, le istituzioni potranno trasformarlo nell'oasi culturale di Skopje. Esistono milioni di modi per raggiungere questo obiettivo, sia attraverso una partnership pubblico-privata con gli attuali proprietari del terreno, sia attraverso l'espropriazione (acquisto) del terreno attraverso il Comune di Gjorce Petrov o la Città di Skopje, o la sua conversione attraverso il nuovo GUP ancora in costruzione - dicono da "Green Humane City"

Foto: gruppo Facebook "Gjorche Petrov"

Chiedono ai cittadini che vogliono vedere questo spazio come un vero ambiente culturale urbano, di esercitare una pressione diretta sulle istituzioni che possono realizzare questa idea. Da lì vengono incaricati di inviare e-mail a sostegno del progetto al settore culturale e ai sindaci della città di Skopje e del comune di Gjorce Petrov, per organizzare una protesta davanti alle istituzioni competenti, tra cui la città di Skopje, il Comune di Gjorce Petrov e il Ministero della Cultura, ma anche di chiedere incontri con i consiglieri di questi due governi locali, per ottenere da loro il sostegno al progetto.

La lotta su qualsiasi argomento a Skopje e in Macedonia deve svolgersi congiuntamente, sincronizzata e con il coinvolgimento di tutti i cittadini. Non lasciare che la lotta sia guidata da un'organizzazione, un gruppo o una persona, sperando e dando sostegno solo attraverso i social media. Unitevi, solo la massività può apportare cambiamenti reali in Macedonia! - dicono da "Green Humane City".

Caro lettore,

Il nostro accesso ai contenuti web è gratuito, perché crediamo nell'uguaglianza delle informazioni, indipendentemente dal fatto che qualcuno possa pagare o meno. Pertanto, per continuare il nostro lavoro, chiediamo il supporto della nostra comunità di lettori sostenendo finanziariamente la Free Press. Diventa un membro della Free Press per aiutare le strutture che ci consentiranno di fornire informazioni a lungo termine e di qualità e INSIEME assicuriamo una voce libera e indipendente che sia SEMPRE DALLA PARTE DELLE PERSONE.

SOSTIENI UNA STAMPA LIBERA.
CON UN IMPORTO INIZIALE DI 60 DENARI

Video del giorno