I media serbi sulle società contese: Macedonia "paradiso" per i re bulgari

Foto RTS:rs

serbo"RTS" ha commentato l'attuale situazione tra le società contese in Macedonia, che ha portato nuovi malintesi tra Skopje e Sofia. Come scrive "RTS", il patrimonio storico rimane il problema più grande nei rapporti tra i due vicini.

I nomi dati alle associazioni dei membri della minoranza bulgara nella Macedonia del Nord hanno causato gravi proteste tra i macedoni e la comunità ebraica, spiega RTS. Le nuove associazioni di Ohrid e Bogdanci prendono il nome da Ferdinando I che abdicò dopo la prima guerra mondiale e da suo figlio Boris III, responsabile della persecuzione degli ebrei in Macedonia.

"Questa è una provocazione deliberata e un insulto alla comunità ebraica, nonché un insulto allo Stato macedone e ai suoi abitanti", ha reagito da La comunità ebraica nella Macedonia del Nord, ricordando che dopo la decisione di Boris III di introdurre leggi razziali in cambio di territori in Macedonia, più di 7.000 ebrei macedoni furono uccisi nel campo di concentramento di Treblinka.

Centro Culturale Ivan Mihailov – Bitola/Foto: Screenshot

7.144 membri della comunità ebraica in Macedonia sono stati deportati nel campo di concentramento di Treblinka, ricorda "RTS". Solo pochi sopravvissuti sono sopravvissuti e il Museo dell'Olocausto è stato costruito sul sito dell'ex insediamento ebraico a Skopje.

I media serbi spiegano come la Bulgaria, a seguito di una serie di accordi con la Germania, abbia occupato gran parte della Romania e della Bulgaria e abbia approvato una serie di leggi antisemite, attuate principalmente nei territori occupati. L'ultima volta che Boris III parlò con Adolf Hitler fu nell'agosto del 1943, quando si rifiutò di unirsi alla guerra contro l'URSS. Poco dopo quell'incontro, morì di infarto e molti storici bulgari affermano che fu avvelenato.

"Forse qualcuno pensa che la promozione e la glorificazione di fascisti e nazisti rafforzi i rapporti di buon vicinato", ha affermato la comunità ebraica, riportano i media serbi.

Il Museo dell'Olocausto afferma che l'espulsione fu concordata direttamente con Adolf Eichmann e che nella prima fase furono designati alla deportazione circa 13.000 ebrei provenienti dalla Macedonia e dalla zona circostante di Pirot e altri 8.000 da Sofia. Di quel numero, 11.343 persone furono trasferite al campo di Treblinka. Le deportazioni furono sospese nel maggio 1943 dopo forti pressioni da parte del pubblico e della chiesa, ricorda "RTS".

Associazione "Boris Terzo": Non siamo nazisti

L'associazione "Boris Terzo", invece, afferma di non essere neonazista, né di collaborare in alcun modo con movimenti antisemiti.

"Con grande rispetto per il popolo ebraico e rammarico per le cose accadute in passato, camminiamo insieme nel futuro della nostra patria macedone verso i valori europei... La nostra associazione è stata costituita per coltivare la cultura bulgara e l'immagine e il lavoro di Lo zar Boris III, l'unificatore", afferma l'associazione.

La menzione del nome Ivan, o Vancho Mihajlov, ha anche causato una valanga di indignazione nella Macedonia del Nord, riferiscono i media serbi.

Vancho Mihailov era il leader dell'Organizzazione Rivoluzionaria Interna Macedone o VMRO, dopo una serie di omicidi in cui fu ucciso il precedente leader di quell'organizzazione. Il suo più stretto collaboratore, Vlado Chernozemski, nel 1934 a Marsiglia, in collaborazione con il movimento Ustasa, uccise il re jugoslavo Alessandro I e il ministro degli Affari esteri francese, Louis Bartou.

Durante la guerra, Mihailov, dopo gli incontri con Adolf Hitler e Heinrich Himmler, cercò di organizzare unità naziste in Macedonia e Bulgaria, dopodiché visse a Zagabria, da dove fuggì in Italia, scrive "RTS". Mihailov morì nel 1990 a Roma.

Archivio fotografico

La comunità ebraica ha reagito ferocemente a questa mossa, esprimendo "disgusto perché il centro culturale di Bitola è stato intitolato a un fascista e stretto collaboratore dei nazisti".

"Questo atto è un insulto agli ebrei e una minaccia ai diritti umani e alle libertà. È un classico esempio di mancanza di rispetto e falsificazione della storia", afferma la comunità ebraica della Macedonia del Nord.

L'associazione "Tsar Boris" è stata registrata nel novembre dello scorso anno, ma le informazioni su questo caso sono apparse solo questa settimana. La terza associazione bulgara della Macedonia del Nord, che, secondo gli annunci, si chiamerà "Ferdinand the First", non è stata ancora registrata, riferiscono i media serbi.

Come l'occupazione fascista divenne amministrazione

Le autorità di Sofia ritengono che prima dell'inizio dei negoziati sia necessario risolvere le questioni relative all'identità nazionale macedone, ovvero la questione della lingua e dell'identità degli eroi nazionali, tra cui Gotse Delchev. Inoltre, Sofia chiede che il termine "occupazione bulgara nella seconda guerra mondiale" sia sostituito nei libri di testo scolastici con la dicitura "amministrazione", che la stragrande maggioranza dei macedoni rifiuta in rivolta, scrive "RTS".

Sostanzialmente, come dice l'autore del testo, Sofia sta cercando di fermare le richieste di riconoscimento dei macedoni in Bulgaria come minoranza nazionale, anche se, secondo i risultati dell'ultimo censimento, sono circa 3.500 i bulgari che vivono nella Macedonia del Nord .

La Bulgaria afferma inoltre che "la lingua macedone è stata creata nel 1944" e che può essere considerata solo una "forma regionale scritta della lingua bulgara". Con l'avvento al potere dell'ormai ex primo ministro Kiril Petkov, l'atmosfera in Bulgaria è leggermente cambiata, ma un accordo tra le due parti sulle controverse questioni storiche non è ancora in vista, conclude "RTS".

L'autore del testo è Rade Maroevic, giornalista di RTS

Video del giorno