Con l'abrogazione del veto, la Bulgaria perde la battaglia per la storia, afferma Georgi Prvanov

Foto: screenshot, BNT

L'ex presidente della Bulgaria, Giorgio Parvanov, ha chiesto un approccio costruttivo tra Sofia e Skopje. Come riportato dal corrispondente del MIA a Sofia, secondo Prvanov, per quanto semplice sia la proposta francese, è diplomaticamente contenuta e fornisce una base e una direzione per uscire da questa crisi diplomatica di diversi anni.

L'ex presidente bulgaro ha espresso la speranza che venga fatta una mossa per porre fine a questa saga. Ha detto che revocando il veto, la Bulgaria sta perdendo la battaglia per la storia.

"Ovviamente, il veto non può cambiare l'atteggiamento della società macedone. Ancor più delle nazioni più vicine, come erano e come ci hanno dichiarato i due primi ministri di Bulgaria e Macedonia del Nord, Boyko Borisov e Zoran Zaev, i paesi sono diventati i più ostili", commenta Prvanov.

È determinato a lavorare per ripristinare le relazioni bilaterali, per un nuovo riavvicinamento tra Bulgaria e Macedonia del Nord, e questo è possibile, ma non in modo da influenzare le istituzioni europee.

Prvanov ha annunciato la nuova edizione del libro "Ilinden-Preobrazhensko Rivolta 1903 attraverso gli occhi dei diplomatici europei", di cui lui stesso è coautore.

La pubblicazione, secondo l'ex presidente bulgaro, "illumina la verità documentaria sugli eventi tra le due nazioni più di 100 anni fa". Il libro sarà distribuito nelle ambasciate bulgare all'estero e nelle istituzioni europee.

Video del giorno