Con la proposta francese le porte dell'UE sono spalancate per te!

Inviato speciale del governo federale per i paesi dei Balcani occidentali, Manuel Saratsin/Foto: MIA

So che questo è un momento difficile per te e per le persone in questo momento, ma è anche un momento che porta un po' di speranza dentro di sé. Credo nella politica e nel popolo macedone e che insieme continueremo sulla strada verso l'UE - ha affermato il rappresentante speciale tedesco per i Balcani occidentali, Manuel Saratsin.

Accettando la proposta francese, è possibile avviare immediatamente il processo di negoziati di adesione della Macedonia del Nord all'UE, senza ulteriori ritardi e senza possibilità di blocchi. La Germania è dalla parte della Macedonia del Nord e si adopererà affinché la prospettiva europea dei Balcani occidentali riviva attivamente - ha affermato il rappresentante speciale tedesco per i Balcani occidentali, Manuel Saratsin, arrivato ieri in visita ufficiale nel nostro Paese.

Alla conferenza stampa congiunta con il vice primo ministro per gli Affari europei, Bojan Maricic, Saracin ha affermato che la porta all'adesione della Macedonia del Nord all'UE con questo accordo è spalancata. Entrare da questa porta, come ha detto, non è facile, ma è una decisione della nostra politica e del nostro Paese.

– So che questo è un momento difficile per te e per le persone, ma allo stesso tempo è anche un momento che porta una certa speranza. Credo nella politica e nel popolo macedoni e che insieme continueremo sulla strada verso l'UE. L'attacco della Federazione Russa all'Ucraina mostra quanto sia importante risolvere insieme i problemi, organizzarsi, ma ci mostra anche che niente offre tanta sicurezza come nelle organizzazioni europee, attraverso accordi europei - ha aggiunto Saratsin.

Secondo Saratsin, questo accordo è positivo perché tiene conto delle esigenze del governo della Macedonia del Nord e prevede che il processo dei negoziati di adesione inizi immediatamente e senza indugio. Ha espresso la sua comprensione che ci sono anche critiche alla proposta, che c'è preoccupazione per la propria identità nazionale, sottolineando che per la Germania tale identità è molto chiara, ma come ha detto, con questa proposta la nostra identità viene preservata.

– Comprendo che c'è sfiducia nei confronti della posizione bulgara. A Sofia ho sentito che c'è fiducia nella posizione di Skopje. Non posso promettere quale sarà l'esito delle elezioni in Bulgaria, ma una cosa è chiara, ed è che tutto ciò che può essere risolto ora, dovrebbe essere risolto, perché è necessario proteggersi per tempi più pericolosi. Non sono convinto che aspettare ora sia intelligente. La Germania e l'UE faranno di tutto per garantire che il percorso della Macedonia del Nord verso l'UE sia aperto - ha affermato Saratsin.

Il vicepremier Maricic ha affermato che non dovremmo creare barriere per noi stessi e che nei momenti giusti abbiamo bisogno di decisioni sagge e da statisti. Davanti a noi, ha affermato, abbiamo una proposta europea per l'avvio dei negoziati con l'UE, che include tutte le posizioni e le osservazioni della Macedonia, e offre un'opportunità che dovremmo considerare seriamente.
Alla domanda sul perché in questi giorni c'è un'offensiva diplomatica nel Paese, il vicepremier ha affermato che la nostra politica si basa sull'amicizia e l'alleanza e che è normale che i nostri amici e alleati vengano a trovarci in questo momento cruciale per il Paese.

- Penso che non ci sia passo più logico che avere oggi un rappresentante della Germania come nostro alleato e principale partner nell'UE. Non c'è niente di più logico che ieri abbiamo avuto a Skopje la prima persona del Consiglio europeo, Charles Michel. Questi sono i nostri amici e alleati, che vengono qui per assicurare al pubblico ciò che diciamo da diversi giorni - che questa proposta è davvero migliorata rispetto a quella originale, che soddisfa tutte le nostre preoccupazioni e sfide o potenziali insidie ​​che abbiamo visto nella proposta iniziale e che ritardare o chiedere una proposta migliore non rafforzerà la nostra posizione - ha affermato Maricic.

Video del giorno