La Slovenia ha approvato una legge sulla depoliticizzazione della televisione pubblica

Gli sloveni hanno approvato ieri in un referendum una legge con l'obiettivo di impedire le nomine politiche nella televisione pubblica, dopo che il clima mediatico nel Paese si è deteriorato durante il precedente primo ministro Janez Janša.

La Commissione elettorale ha annunciato i risultati, secondo i quali oltre il 62 per cento degli elettori ha dato il proprio consenso all'entrata in vigore della legge, probabilmente all'inizio del 2023.

Diverse associazioni di difesa dei media, come la Southeast European Media Organization (SEEMO), hanno accolto con favore l'emendamento, che mira a "proteggere l'indipendenza editoriale" del canale RTV Slovenia da "distruzione politica e certa".

Il leader conservatore Janez Janša, che è stato al potere dal 2020 al 2022, ha intensificato gli attacchi ai media, accusandoli di pregiudizi, e ha sostituito la maggior parte dei funzionari di RTV e dei parenti nominati, ha riferito Beta.

Da allora la televisione è stata scossa da diverse proteste contro il riorientamento dei programmi e la pressione sui giornalisti, mentre la Slovenia è scesa dal 54° al 36° posto nell'ultima classifica dell'ONG Reporters Without Borders (RSF).

Secondo il testo, il governo e il parlamento non avranno più il diritto di nominare funzionari e la televisione sarà posta sotto la supervisione di gruppi civili - dipendenti, difensori dei diritti, Accademia delle scienze, ecc.

Video del giorno