I paesi scandinavi approfondiranno la cooperazione nel campo della sicurezza motivata dall'aggressione russa

Foto: EPA-EFE/Terje Bendiksby / POOL NORVEGIA FUORI

I cinque paesi scandinavi hanno annunciato di voler costruire in futuro una cooperazione ancora più stretta nel campo della sicurezza e della difesa, e l'invasione russa dell'Ucraina li ha spinti a farlo, ha riferito DPA.

"Riteniamo che l'interazione nordica sia più importante che mai in questi tempi", ha affermato oggi il primo ministro norvegese Jonas Gare Store dopo un incontro con i suoi colleghi a Oslo. I cinque leader hanno deciso di incaricare i ministri della Difesa e degli Esteri dei loro paesi di rivedere tutte le aree della politica di sicurezza per vedere se possiamo approfondire e massimizzare i nostri interessi comuni", ha affermato.

L'incontro ha anche discusso del processo di adesione alla NATO di Svezia e Finlandia, questioni climatiche e cooperazione energetica.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz si è unito ai primi ministri di Norvegia, Svezia, Finlandia, Danimarca e Islanda per una parte dei colloqui. Il governo tedesco sta cercando da mesi di stabilire una partnership più stretta con i paesi nordici per ridurre la dipendenza dalle importazioni di gas russe. La Norvegia è diventata il fornitore di gas più importante della Germania dopo che le consegne di gas russe sono diminuite drasticamente a giugno.

Più tardi oggi Scholz si recherà in Svezia, dove domani mattina avrà un incontro con il primo ministro Magdalena Andersson.

Video del giorno