La prima dello spettacolo "Double Bottom" si è svolta ieri sera al Prilep Theatre

Il 27 maggio il teatro Vojdan Chernodrinski di Prilep ha presentato in anteprima lo spettacolo "Double Bottom" basato su un testo di Goran Stefanovski. La regista, nonché la scenografa e costumista è Natasha Poplavska, il compositore delle musiche è Risto Vrtev, e la drammaturgia è di Ivana Nelkovska. Il team artistico comprende anche il designer della luce Milcho Alexandrov, e il design del poster e del programma è Bojana Artinovska Trpceska.

Lo spettacolo è interpretato da Katerina Cakmakoska-Klincheska, Daniela Ivanoska, Dimitar Gjorgjievski, Igor Trpceski, Zoran Ivanoski e Mihajlo Milenkoski, e la band "Double Bottom" è composta da: Tome Temelkoski, Metodija Kostoski e Ana Mitoski.

"Un doppio fondo è un seminterrato nella testa. Lì nascondiamo tutti i doppi piani, con quale donna sposarsi se la nostra persona muore in un incidente d'auto, tipo trasferire a nostro nome il libretto di risparmio di nostro fratello se muore all'improvviso, ci sono tutti gli adulteri segreti, tutto ciò che abbiamo taciuto, cosa intenzionalmente abbiamo dimenticato, lì è chiaro chi odiamo così tanto, lì nascondiamo tutta l'incredulità in ciò che pubblicamente giuriamo di credere e tutta la fede in ciò a cui pubblicamente rinunciamo, ci sono i depositari della vanità e della passione, il nostro oscurità e sconfitta, non ci sono trucco, né mascelle artificiali, né moscerini, siamo brutti lì. "La cosa terribile che vediamo allo specchio quando ci guardiamo è il doppio fondo", scrisse una volta Goran Stefanovski.

- Goran Stefanovski scrisse l'opera teatrale "Double Bottom" nel 1983, definendola "passione in tre posizioni e codici", che ricorda la suite di forme musicali e in essa si aprono i problemi del singolo artista, pazzo e rivoluzionario contro il sistema, incarnato in il carattere di ministro della Cultura.

Espone le diverse posizioni sociali attraverso il dibattito e le opinioni contrastanti sul significato della creazione artistica, e mette i personaggi dell'artista Jakov, il ministro della Cultura Bozo, sua moglie casalinga Paraskeva, la loro figlia depressa, la ballerina Kristina e la consulente speciale Nove in un futuro apocalittico, passato pazzesco e presente rivoluzionario.

Sebbene Stefanovski concluda il lavoro con un codice, non ci dà una soluzione, ma lascia invariate le loro posizioni e apre il dilemma di quanto e come la realtà artistica corrisponda alla realtà - ha affermato il teatro "Vojdan Chernodrinski" prima della prima di il gioco.

(Il testo è stato pubblicato su "Cultural Press" n. 130, nell'edizione cartacea del quotidiano "Free Press" il 28-29 maggio 2022)

Video del giorno