Simovski per quanto riguarda la quota di albanesi nell'amministrazione: Solo la popolazione residente è una categoria valida

Apostol Simovski / Foto: Free Press Archive

L'unica categoria valida è la popolazione residente ed è conforme a tutti gli standard delle Nazioni Unite che si applicano a tutti i paesi del mondo ed è stata accettata da Eurostat, afferma il direttore dell'Ufficio statale di statistica. Apostolo Simovskij a una domanda di MIA, su quali dati dovrebbero essere utilizzati dal Ministero della società dell'informazione e dell'amministrazione per l'armonizzazione dei dati per lo strumento "Bilanciatore".

Ieri è stato annunciato che il Ministero della Società e dell'Amministrazione dell'Informazione (MIOA), secondo i dati dell'ultimo censimento, ha calcolato che la percentuale di albanesi occupati nell'amministrazione statale dovrebbe essere aumentata - dal 24,3 al 31,5 per cento, sommando al calcolo i dati del censimento che si riferiscono alla popolazione non residente residente all'estero.

"Noi, come Paese, abbiamo deciso di enumerare la categoria della popolazione non residente perché abbiamo un problema con l'emigrazione e quei dati dovrebbero essere utilizzati per creare politiche per ridurre l'emigrazione ed eventualmente rimpatriare le persone, ma non possono far parte di nessun'altra popolazione categoria", ha detto Simovski.

Quando è stato chiesto da MIA se MIOA li avesse contattati in merito ai dati del censimento, Simovski ha affermato che sono stati contattati la scorsa settimana e che hanno dato loro una risposta.

"MIOA ci ha contattato telefonicamente la scorsa settimana e abbiamo detto loro che l'unica categoria a cui avrebbero dovuto guardare è la popolazione residente", ha spiegato Simovski.

Per quanto riguarda se è stato chiesto loro come utilizzare i dati sui cittadini che sono stati enumerati attraverso i registri, Simovski ha affermato che anche per questo è stata data una risposta chiara.

"Hanno chiesto e ottenuto una risposta". Non puoi distribuirli. Non lo sappiamo e non si può indovinare qui. "Quel sette per cento non sono dichiarati e rimarranno nel gruppo degli altri", ha sottolineato Simovski.

Simovski ha anche chiarito che secondo la Costituzione i cittadini hanno il diritto di non rispondere della propria etnia.

"E alla fine, secondo la Costituzione, hai il diritto di non esprimerti". Nessuno può obbligarti a dichiararti. Abbiamo imputato i dati per i quali ci sono informazioni documentate nei registri, ma non ci è permesso pensare, tanto meno imputare dati al sentimento. Questo è personale e assolutamente proibito", ha detto Simovski.

MIOA ha dichiarato ieri a MIA che, in sede di armonizzazione dei dati dell'ultimo censimento, e in relazione all'occupazione nel settore pubblico secondo il principio di equa e adeguata rappresentazione attuato con la Metodologia per la pianificazione dell'occupazione nel settore pubblico, i dati sono stati presi in considerazione come base ottenuta dal numero totale di persone registrate.

La legge sui dipendenti del settore pubblico, che ha iniziato ad essere applicata nel 2015, prevede un meccanismo per realizzare il principio costituzionale di un'adeguata ed equa rappresentanza dei membri delle comunità, a livello di ciascuna delle istituzioni del settore pubblico, sulla base delle esigenze delle istituzioni stesse espresse attraverso piani annuali per l'occupazione.

Nel 2016 è stata adottata la Metodologia per la pianificazione dell'occupazione nel settore pubblico, secondo la quale ogni ente dovrà predisporre un piano annuale per l'occupazione e attuare procedure di assunzione secondo il piano annuale. Uno strumento web è stato sviluppato ed è disponibile sul sito web https://balancer.mioa.gov.mk/ attraverso il quale la distribuzione dei previsti nuovi impieghi avviene per via telematica, secondo l'appropriata ed equa rappresentazione.

Video del giorno