Ciò che si addice ad Aasiaev, non assomiglia a Pendarovski

ana anastasovska
Ana Anastasovska. / Foto: stampa gratuita

Pendarovski, che è sempre stato considerato una persona moderata, colta e soprattutto un intellettuale, è riuscito a scendere al livello della strada di Aasiev e a mettersi in imbarazzo davanti al pubblico. Quando ha ricevuto la domanda sul giurare, si è detto, ora rovinerai la mia conferenza stampa. Mi aspettavo che dicesse che non lo avrebbe permesso e che non avrebbe commentato qualcuno che non era al suo livello.

"Psicopatico", "pidocchio", "moccioso", "uomo con un piccolo tra le gambe"... No, queste non sono le parole di qualcuno per strada. Queste parole sono uscite dalla bocca del capo dello Stato Stevo Pendarovski l'altro ieri.

Provocato dalla maledizione del membro del Partito della Sinistra, Dimitar Apasiev, gli è rivolto su Facebook, il presidente non è riuscito a trattenersi, e in una conferenza stampa per giornalisti, dove ha parlato della proposta francese, ha diretto una serie di insulti al membro del parlamento.

Se il sempliciotto di Aasiev permette tutto, anche i più piccoli insulti, questo tipo di comportamento da capo di stato culturale è inammissibile e inaccettabile. Questo livello di comunicazione non può essere offerto da nessun politico (tranne Aasiaev), tanto meno dal presidente di un paese, il comandante supremo delle forze armate. Aasiev è riuscito a provocare Pendarovski con una maledizione e raggiungere l'obiettivo. Pendarovski non poteva permettersi un vocabolario del genere, non importa quanto fosse nervoso e offeso.

Pendarovski, che è sempre stato considerato una persona moderata, culturale e soprattutto un intellettuale, è riuscito a scendere al livello della strada di Aasiev e a mettersi in imbarazzo davanti al pubblico. Quando ha ricevuto la domanda sul giurare, si è detto, ora rovinerai la mia conferenza stampa. Mi aspettavo che dicesse che non lo permetterà e che non commenterà qualcuno che non è al suo livello. Mi aspettavo che mantenesse la sua dignità, a prescindere dai colpi bassi che riceve dai politici di strada che maledicono e diffondono incitamenti all'odio sui social network come fa sempre Apasiev.

I politici (tranne Aasiaev), indipendentemente dalla posizione che ricoprono, non devono in nessun caso permettersi di perdere il livello di comunicazione. In nessun caso dovrebbero permettere a se stessi di perdere la pazienza a tal punto. Ricordi il compianto Kiro Gligorov? Ricordi lo sputo che si è preso in faccia? Hai mai sentito Gligorov sfuggire di mano a un atto così atroce? Hai sentito che Gligorov ha mai usato parole offensive sulla donna che l'ha fatto? Ovviamente no. Ma Gligorov era un gentiluomo, un politico nel vero senso della parola. Non ha interpretato un uomo macho balcanico come Pendarovski voleva presentarsi. Per dimostrare che è una specie di ragazzo, quindi non subisce insulti e ricambia in egual misura.

No, signor Pendarovski. Non sei diventato un grande uomo agli occhi del pubblico. Ti sei solo umiliato abbassandoti al livello di Aasiaev.

Spero che ti scuserai con il pubblico per una tale svista e che non ti permetterai di comportarti in questo modo in futuro. Perché non ti si addice.

I politici (tranne Aasiaev) devono rendersi conto che ci sarà sempre qualcuno ovunque che li criticherà, li maledirà, li insulterà. Ma i politici devono rendersi conto che questo è anche il loro lavoro. Devono avere una soglia di tolleranza elevata, per quanto difficile possa essere. A subire elogi, ma anche critiche, e anche colpi bassi, come quello di Aasiev, ma devono sempre rimanere moderati, avere il controllo su ciò che fanno e dicono, perché sono il volto dello Stato e del popolo.

Video del giorno