Cosa accadrà nel sud-est dell'Ucraina dopo che Putin avrà annesso quattro distretti?

Donetsk Lugansk Zaporozhye Kherson EPA-EFE/SERGEI ILNITSKY

Ieri, dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un accordo sull'annessione di quattro regioni ucraine alla Russia, è stata sollevata la questione:

Chi sono i milioni di ucraini che vivono dall'altra parte della prima linea e cosa cambierà per loro?

- Per me i confini e i territori statali non sono importanti, ma il destino delle persone - ha affermato il presidente russo Vladimir Putin in un'intervista a German Bild nel gennaio 2016.

Poi si trattava dell'annessione della Crimea.

Ora, otto anni dopo, Mosca minaccia di utilizzare tutti i tipi di armi, compreso il nucleare, per proteggere nuove parti del Paese.

Celebrazione per l'annessione di Donetsk alla Russia EPA-EFE/

L'Ucraina e la maggior parte dei paesi del mondo hanno annunciato di non riconoscere l'annessione, né i "referendum" che l'hanno preceduta, in cui la maggioranza avrebbe votato "sì".

Chi sono i milioni di ucraini che vivono dall'altra parte della prima linea e cosa cambierà per loro?

La differenza di umore tra Donetsk e Kherson

Il numero esatto di persone che vivevano nei territori occupati al momento dell'annessione non è noto. In ogni caso si parla di diversi milioni. Sebbene l'annessione sia simultanea, le regioni sono molto diverse.

Il resto sono per lo più vecchi e quelli che non hanno potuto partire o che sostengono il separatismo.

- Per alcuni, quello che hanno sempre desiderato diventerà realtà. Ci sono sempre alcune parti della popolazione che collaborano - afferma Andreas Umland, esperto dello Stockholm Centre for East European Studies.

Sembra che ce ne siano più nell'est che nel sud dell'Ucraina, ma non ci sono dati esatti su questo. Alcuni nel Donbas hanno sostenuto l'annessione, secondo quanto riferito in parte per paura di dover rispondere in tribunale se lo stato ucraino fosse tornato al potere, dice Sergey Harmash.

- Queste persone diranno di aver votato "a favore", perché se l'Ucraina tornerà, dovranno fuggire da qualche parte, probabilmente in Russia - afferma Harmash.

Referendum Donbas EPA-EFE/STRINGER

Nessuno sa quante persone del genere ci siano.

Come nei territori occupati del Donbass, entro sei mesi dall'annessione, nel sud dell'Ucraina e in alcune parti delle regioni di Kherson e Zaporozhye si sono verificati cambiamenti sociali, sebbene non così fondamentali.

Centinaia di migliaia di persone sono fuggite, ma tra quelle che sono rimaste ce ne sono molte che continuano a sostenere Kiev. Lo dimostrano le proteste con le bandiere ucraine che hanno avuto luogo nelle prime settimane e mesi dopo l'invasione.

- A Kherson e Zaporozhye, molte persone odiano la Russia, ea Donetsk e Luhansk, la testa delle persone è stata riempita di propaganda per otto anni - ha affermato Harmash.

A differenza della Crimea, dove vivevano due terzi dei russi etnici al momento della sua annessione nel 2014, il loro numero nell'Ucraina orientale e meridionale è meno della metà. Secondo il censimento del 2001, la percentuale di russi etnici era più alta nelle regioni di Donetsk e Luhansk, circa il 40%. Nelle regioni di Zaporozhye e Kherson c'erano rispettivamente circa il 25 e il 15 per cento.

annessione delle regioni ucraine EPA-EFE/SERGEI ILNITSKY

Sostegno finanziario dei territori annessi

A prima vista, l'annessione formale non cambierà molto la vita in queste aree, che sono state di fatto sotto il controllo russo negli ultimi sei mesi. Le esperienze in Crimea danno un'idea di come possono svilupparsi gli eventi.

Sarà un misto di un bastone per i dissidenti e una carota per i lealisti. È probabile che i salari e le pensioni aumentino e la Russia cercherà di ricostruire le infrastrutture distrutte. Il vice capo dell'amministrazione del Cremlino, Sergey Kiriyenko, ha presentato le cifre esatte il 29 settembre. Secondo lui, 3,3 miliardi di rubli (circa 58 milioni di euro) saranno messi a disposizione per "progetti di sostegno" in nuove aree.

Mappa dell'ordine ucraino/Foto: IWS

È probabile che tutto ciò che riguarda l'Ucraina sarà sempre più sostituito dal russo: leggi, valuta, fornitori di telecomunicazioni, lingua, istruzione.

Uno degli obiettivi principali è il ritorno della russificazione culturale delle regioni che il Cremlino storicamente considera proprie.

referendum sulla secessione dall'Ucraina EPA-EFE/STRINGER

Guerriglie o servizi segreti?

I residenti delle regioni annesse dovranno fare una scelta: accettare i cambiamenti o resistervi, rischiando la vita.

"Sono decisioni difficili. "Molti saranno disperati perché non possono prevedere esattamente cosa accadrà dopo", afferma Andreas Umland. Perché non è chiaro per quanto tempo rimarrà la Russia e quanto velocemente l'Ucraina potrà riprendersi quelle aree. Ci sono già segnalazioni di repressioni, arresti e torture di persone che Le esperienze in Crimea dimostrano che la persecuzione di coloro che la pensano diversamente può durare anni.

Tutti gli uomini dovranno affrontare una prova speciale poiché è probabile che vengano arruolati nella guerra contro l'Ucraina come parte dell'esercito russo. Forse, in questo modo, il Cremlino vuole ridurre il rischio di un movimento partigiano - che finora si è manifestato nel sud sotto forma di diversi attacchi a persone che collaborano con gli occupanti.

Kherson Ucraina foto: EPA-EFE/GEORGIOS KEFALAS

Ma Sergey Harmash crede che dietro ci siano i servizi segreti ucraini. Non si aspetta un movimento partigiano di massa come durante la seconda guerra mondiale e per le odierne possibilità tecniche di persecuzione.

- I partigiani oggi e nella seconda guerra mondiale sono cose diverse. Oggi c'è la videosorveglianza e la sorveglianza telefonica. Quello che vediamo è il lavoro di gruppi organizzati guidati dai servizi segreti - afferma Harmash.

Zaporozhye Ucraina EPA-EFE/STRINGER

Passaporti

Gli ucraini nell'est e nel sud saranno testati in vari modi per la lealtà, ad esempio distribuendo passaporti russi. Così è stato in Crimea e Donbass, dove questo processo è iniziato alcuni anni fa. Ma differenze sono possibili anche in relazione allo scenario in Crimea.

Gli osservatori non si aspettano un reinsediamento su larga scala dalla Russia, come è successo in Crimea. Il motivo è la lotta in corso.

- Non ci sarà alcun ritorno degli ex residenti di Donetsk dalla Russia, dove sono usati come lavoratori, soprattutto perché non c'è lavoro nel Donbass. Le aziende più importanti sono state distrutte - afferma Sergej Harmash.

 

Viktor Yanukovich / Foto EPA / ALEXANDER BLOTNITSKY

Yanukovich e Azarov torneranno a Donetsk?

È ancora una questione aperta chi può formare un nuovo governo statale regionale. Gli ucraini locali gestiranno i territori annessi oi funzionari inviati dalla Russia?

Finora, i russi si sono affidati alla gente del posto, ex membri dell'ex Partito delle Regioni filo-russo del presidente Viktor Yanukovich, che hanno disertato in Russia nel 2014.

Yanukovich, il suo primo ministro Mykola Azarov e altri rappresentanti disertati dell'allora élite ucraina nel Donbas torneranno lì ora?

Yanukovich e Azarov EPA/SERGEY DOLZHENKO

Gli esperti non lo escludono, ma non credono che queste persone torneranno al potere. Nel frattempo, secondo Harmash, si sono formate nuove élite che non vogliono ritirarsi.

Forse la leadership della regione sarà trasferita dagli ucraini a funzionari russi. La stampa russa ha già descritto tali sviluppi. Ad alcuni livelli questo processo è persino iniziato.

Video del giorno